Congregazione dei missionari libanesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Congregazione dei Missionari Libanesi è un istituto religioso maschile di diritto patriarcale (Antiochia dei Maroniti): i membri di questa congregazione clericale, detti popolarmente Kreimisti, pospongono al loro nome la sigla C.M.L.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La congregazione venne fondata presso il monastero di Kreim (a Ghosta, sul Monte Libano) da Youhanna Habib (1816-1894), sacerdote della eparchia di Baalbek. I primi quattro religiosi dell'istituto emisero la loro professione dei voti il 22 maggio 1884.[1]

Attività e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Scopi della congregazione sono l'educazione della gioventù maronita e l'annuncio del Vangelo anche ai non credenti. L'istituto è composto da sacerdoti e fratelli coadiutori: i Kreimisti devono giurare di non ambire ai gradi ecclesiastici.[1]

Oltre che in Libano, i Missionari Libanesi sono attivi presso le comunità maronite di Brasile, Argentina, Sudafrica, Stati Uniti d'America e Australia.[1]

Nel 1974 la congregazione contava 53 religiosi ripartiti in 8 case.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d DIP, vol. V (1978), col. 1451, voce a cura di E. Chemali.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (10 voll.), Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo