Colonna di Sigismondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 52°14′50.31″N 21°00′48.3″E / 52.247308°N 21.013417°E52.247308; 21.013417

POL Warsaw Zygmunt`s Column 2008 (1).JPG

La Colonna di Sigismondo (Kolumna Zygmunta) è uno dei maggiori simboli della città di Varsavia. Situata nella parte meridionale della città vecchia, punto di ritrovo degli abitanti, venne eretta nel 1644 in onore del re Sigismondo III Vasa dal figlio Ladislao IV.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La colonna è alta 22 m e sostiene una statua in bronzo di re Sigismondo III. la colonna fu eretta il 14 settembre 1644 e la statua vi fu posta sopra il 24 novembre dello stesso anno. Il progettista principale fu l'italiano Costantino Tencalla mentre la statua, disegnata da Clemente Molli di Bologna, fu placcata in bronzo da Daniel Tym. Il re è raffigurato con una grande croce nella mano sinistra e una sciabola nella destra. Il fusto originale della colonna era in marmo rosso, proveniente dalle cave di Chęciny. Il piedistallo e il pulvino erano invece di marmo nero. Nel 1886-1887 il fusto fu sostituito con uno di granito; il precedente è visibile nella stessa piazza a lato del castello. Distrutta dai tedeschi nel 1944, la colonna fu ricostruita cinque anni dopo.

L'iscrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sul lato del basamento che guarda verso il viale Krakowskie Przedmieście c'è una lapide con un'iscrizione in latino:[1]

HONORI·ET·PIETATI

SACRAM·STATVAM·HANC·SIGISMVNDO·III·VLADISLAVS·IV
NATURA·AMORE·GENIO·FILIVS
ELECTIONE·SERIE·FELICITATE·SVCCESSOR
VOTO·ANIMO·CVLTV·GRATVS
PATRI·PATRIAE·PARENTI·OPT: MER: ANNO·DNI·MDCXLIII PONI·IVSSIT·CVI·IAM
GLORIA·TROPHEVM·POSTERITAS·GRATITVDINEM
AETERNITAS·MONVMENTVM·POSVIT·AVT·DEBET

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tablice na kolumnie Zygmunta in zapiecek.com. URL consultato il 29 giugno 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tadeusz Chrzanowski, Zdzisław Żygulski jun., Poland Treasures of the past, Kluszczyński, 2001, p. 200, ISBN 83-88080-52-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]