Coefficiente di dilatazione adiabatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coefficiente di dilatazione adiabatica per varie sostanze[1][2]
T X γ   T X γ   T X γ
−181 °C H2 1,597 200 °C Aria
secca
1,398 20 °C NO 1,400
−76 °C 1,453 400 °C 1,393 20 °C N2O 1,310
20 °C 1,410 1000 °C 1,365 −181 °C N2 1,470
100 °C 1,404 2000 °C 1,088 15 °C 1,404
400 °C 1,387 0 °C CO2 1,310 20 °C Cl2 1,340
1000 °C 1,358 20 °C 1,300 −115 °C CH4 1,410
2000 °C 1,318 100 °C 1,281 −74 °C 1,350
20 °C He 1,660 400 °C 1,235 20 °C 1,320
20 °C H2O 1,330 1000 °C 1,195 15 °C NH3 1,310
100 °C 1,324 20 °C CO 1,400 19 °C Ne 1,640
200 °C 1,310 −181 °C O2 1,450 19 °C Xe 1,660
−180 °C Ar 1,760 −76 °C 1,415 19 °C Kr 1,680
20 °C 1,670 20 °C 1,400 15 °C SO2 1,290
0 °C Aria
secca
1,403 100 °C 1,399 360 °C Hg 1,670
20 °C 1,400 200 °C 1,397 15 °C C2H6 1,220
100 °C 1,401 400 °C 1,394 16 °C C3H8 1,130

Il coefficiente di dilatazione adiabatica o indice adiabatico o rapporto tra i calori specifici, è il rapporto tra il calore specifico a pressione costante (cp) ed il calore specifico a volume costante (cv) di un gas:

 \gamma = \frac{c_p}{c_v}

In alcuni casi è anche conosciuto come fattore di espansione isentropica ed è denotato con la lettera γ o κ rispettivamente di preferenza in meccanica statistica e ingegneria chimica, e in ingegneria meccanica.

Per quanto riguarda i gas perfetti il rapporto tra i calori specifici vale:

- k = 1,33 per gas poliatomici

- k = 1,4 per gas biatomici

- k = 1,67 per gas monoatomici

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Frank M. White, Fluid Mechanics 4ª ed. McGraw Hill.
  2. ^ Lange's Handbook of Chemistry, 10ª ed. pag. 1524.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]