Ciak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ciak (disambigua).
Un ciak
Un ciak mentre viene usato sul set
Un ciak elettronico

Il ciak (in inglese clapperboard) è un termine onomatopeico che definisce una delle attrezzature più caratteristiche del cinema, tanto da simboleggiare il cinema stesso. È composto da una tavoletta (o lavagna) su cui sono riportati tutti i dati della scena in fase di ripresa, e da un'asticella mobile che produce un rumore caratteristico (detto appunto "ciak").

Uso[modifica | modifica wikitesto]

L'asticella, detta Clachette, viene battuta da un macchinista, (detto "ciacchista") ponendo il ciak nell'inquadratura pochi istanti prima dell'azione. La sequenza che aziona l'inizio della ripresa è data, nell'ordine, dal ciacchista che si posiziona con il ciak aperto e ben in vista tra l'obiettivo e la scena da riprendere, il regista che dice ad alta voce "Motore!", e il fonico che risponde dopo pochi istanti "Partito!" (riferendosi al motore del record sonoro). L'assistente operatore avvia la macchina da presa e grida "Ciak"; a quel punto il ciacchista dice a voce alta quanto scritto sul ciak (nell'ordine, solitamente: n° scena, n° inquadratura e n° della ripresa (take), chiude con forza l'asticella per farla battere e produrre il tipico suono onomatopeico del ciak. Solo a quel punto, quando tutta la sequenza di cui sopra è andata a buon fine, il regista può intimare l'inizio della scena agli attori e a tutti i partecipanti dietro le quinte dicendo la celebre parola "Azione!". Alla fine della scena è fondamentale dare anche lo stop, sempre gridandolo, e questo di norma è sempre detto dal regista o a volte da altri membri della troupe, che abbiano problemi di natura tecnica (fonico, operatore, ecc.), i quali renderebbero inutile continuare la ripresa della scena.

I dati scritti sul ciak serviranno in seguito al montatore per identificare con esattezza il girato (spesso infatti sono realizzate diverse riprese, per la stessa scena o inquadratura). Di conseguenza, nel gergo cinematografico, il termine ciak è usato anche come sinonimo di ripresa ("girare tre ciak" significa girare la stessa inquadratura tre volte). Nella fase di sincronizzazione dell'audio il rumore prodotto dal ciak (e l'abbassamento stesso dell'asticella visibile nell'inquadratura) servirà a determinare il punto esatto, ossia il fotogramma, in cui agganciare la colonna sonora.

In passato, per poter cancellare facilmente le informazioni, venivano utilizzate lavagnette in ardesia e gessetti, mentre oggi si utilizzano pannelli di plexiglas o materiali simili infrangibili e pennarelli cancellabili. I ciak più moderni sono realizzati con tecnologia digitale e dotati di display elettronici, che indicano lo scorrimento del timecode per la sincronizzazione: questo tipo di ciak si usa quando si gira in elettronica, cioè in telecamera; è poco usato per il cinema in pellicola, che invece preferisce il ciak classico perché più leggero e più facilmente gestibile.

Ciak americano e ciak italiano[modifica | modifica wikitesto]

Nel cinema storicamente si sono usati due tipi di ciak, quello americano e quello italiano: quest'ultimo si differenzia dal primo perché monta l'asticella (clachette) in basso, invece che in alto; inoltre è provvisto di un manico per reggerlo meglio ed evitare di coprire le scritte con le dita. Inizialmente il ciak italiano era costruito in compensato dai macchinisti e, per segnare le numerazioni, adottava un sistema ingegnoso: sulla parte superiore erano costruite delle finestrelle con scanalature ai lati, dove venivano inseriti i numeri già preparati su dei cartoncini neri, tenuti insieme in gruppi dall'uno al dieci con un anello come un mazzo di chiavi; ogni ciak era corredato da 5 o 6 di questi mazzi, uno dei quali riportava tutte le lettere dell'alfabeto anziché i numeri. Questo sistema era il più veloce per il cambio dei numeri e storicamente il cinema americano lo apprezzava molto.

I numeri sul ciak indicano in ordine: il numero della scena, il numero dell'inquadratura, il numero della ripresa (take). Inoltre tra i numeri può essere inserita una lettera, che serve talvolta ad indicare un rifacimento (R), oppure lo stesso ciak battuto per due macchine che saranno indicate con le lettere (A e B), o ancora quando si gira nuovamente la stessa inquadratura con una variante, che può essere un cambio d'obiettivo, o un cambio di battute, o di movimento.

Ciak in coda[modifica | modifica wikitesto]

Per vari motivi in certe inquadrature può diventare impossibile fare il ciak all'inizio, allora si effettua il ciak in coda, cioè alla fine dell'inquadratura, dopo lo "Stop" del regista: questa variazione sarà caratterizzata dal ciak tenuto capovolto davanti all'obiettivo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Quando un'inquadratura è muta il ciak si presenta davanti all'obiettivo con la clachette chiusa.
  • Sul set i macchinisti tengono sempre pronti due ciak, uno più grande e uno più piccolo: quest'ultimo serve quando si usano obiettivi molto stretti, che costringerebbero a posizionare il ciak troppo lontano dall'obiettivo.
  • Era usanza dei macchinisti, ma molto spesso anche degli attrezzisti, regalare a fine riprese dei piccoli ciak, da loro costruiti, a tutta la troupe, a ricordo del film.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema