Castello di Josselin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 47°57′08″N 2°32′50″W / 47.952222°N 2.547222°W47.952222; -2.547222

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox struttura militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Bretagna: Il castello di Josselin lungo il corso del fiume Oust
Altra immagine del castello di Josselin
Castello di Josselin: entrata principale

Il castello di Josselin (in francese: château de Josselin) – noto anche come château Rohan[1] (da non confondere con il château des Rohan di Pontivy) – è uno dei più famosi[2] tra i castelli della Bretagna (Francia nord-occidentale: si tratta di un castello medievale e rinascimentale[3] e in stile gotico fiammeggiante[4], eretto agli inizi dell’XI secolo (e più volte ricostruito tra il XIII secolo e gli inizi del XVI secolo) su uno sperone roccioso lungo il fiume Oust nella cittadina di Josselin (dipartimento del Morbihan) come roccaforte della dinastia dei Rohan, famiglia dalla quale il castello è tuttora abitato[5].

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si trova in Place de la Congégation.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è in granito, presenta quattro torri ed è dotato di pinnacoli, balaustre ecc. e decorato con ermellini, gigli e losanghe.[6],

Nelle scuderie del castello si trova anche un museo delle bambole.

Inoltre, nel castello sono stati allestiti, tra il XIX secolo e il XX secolo un giardino alla francese, un giardino all’inglese e un roseto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello venne costruito a partire dal 1008 su ordine di Guéthénoc, visconte Porhoët, di Rohan e Guéméné.[7],

Il castello venne in seguito distrutto dagli Inglesi nel 1168 e ricostruito nel secolo successivo.[8],

Nel XIV secolo vennero erette le quattro torri attuali, per volere di Olivier V de Clisson (13361407), marito di Marguerite de Rohan.[9],

Nuovamente distrutto nel 1488 in seguito ai conflitti tra i Rohan e i duchi di Bretagna, venne nuovamente ricostruito nel 1490 e nel 1510.[10]

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Mastio[modifica | modifica wikitesto]

Cortile principale[modifica | modifica wikitesto]

Facciata sul fiume Oust[modifica | modifica wikitesto]

Facciata nord interna[modifica | modifica wikitesto]

Grand Salon[modifica | modifica wikitesto]

Sala da pranzo[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Josselin: particolare della statua equestre di Olivier V de Clisson

La sala da pranzo misura 15 metri in lunghezza e 9 in larghezza.[11]

Nella stanza, si trova la monumentale statua equestre di Olivier V de Clisson, opera del 1892 di Emmanuel Frémiet.[12]

Biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca del castello ospita ca. 3.000 volumi.[13]

Scuderie/Museo delle bambole[modifica | modifica wikitesto]

Le ex-scuderie ospitano il Musée des Poupées (“Museo delle bambole, una collezione di ca. 500 bambole, con costumi originali e con vari accessori, risalenti al XVIIXX secolo.[14]

Giardino alla francese[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino alla francese venne costruito agli inizi del XX secolo davanti alla facciata rinascimentale su progetto di Achille Duchêne.[15]

Giardino all’inglese[modifica | modifica wikitesto]

Progettato da Achille Duchêne è anche il giardino all’inglese.[16]

Roseto[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cfr. p. es. Patitz, Alex, Guide Marco Polo: Bretagna, trad. italiana di Cinzia Seccamani, Mais Geographischer Verlag, Ostfildern – Istituto Geografico De Agostini, Novara
  2. ^ Lissoni, Marco – Orlandi, Annamaria, Francia Nord, Touring Club Italiano
  3. ^ Condé Nast Traveller: Bretagna, Edizioni Condé Nast, Milano, Maggio 2005, p. 170
  4. ^ A.A.V.V., Bretagna, Dorling Kindersley – Mondadori, Milano, p. 192
  5. ^ Patitz, Alex, op. cit.
  6. ^ A.A.V.V., Bretagna, op. cit., p. 192
  7. ^ Château de Josselin – Sito ufficiale: Histoire – Moyen Age
  8. ^ cfr. cfr. Lissoni, Marco – Orlandi, Annamaria, op. cit.
  9. ^ A.A.V.V., Bretagna, op. cit., p. 192
  10. ^ cfr. p. es. Lissoni, Marco – Orlandi, Annamaria, op. cit.
  11. ^ Castleland: Château de Josselin - La visite du château: 1 - Un intérieur de style (URL consultato il 22-09-2009)
  12. ^ cfr. ib.
  13. ^ A.A.V.V., Bretagna, op. cit., p. 192
  14. ^ cfr. p. es. Lissoni, Marco – Orlandi, Annamaria, op. cit.; Patitz, Alex, op. cit.
  15. ^ Château de Josselin – Sito ufficiale: Visite – Jardins > Jardin à la française
  16. ^ Château de Josselin – Sito ufficiale: Visite – Jardins > Jardin à l’anglaise

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]