Beniamino Cesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Beniamino Cesi (Napoli, 6 novembre 1845Napoli, 19 gennaio 1907) è stato un pianista e compositore italiano.

Fu allievo dapprima di suo padre e poi di Albanesi e infine di Sigismund Thalberg e iniziò la carriera di concertista all'età di 18 anni, esibendosi prima in Italia e diventando presto conosciuto in tutta Europa. Assimilò l'insegnamento del maestro ma perfezionò uno stile proprio, più adatto alle esigenze del gusto contemporaneo. Cambiò anche il repertorio del maestro interpretando Bach, Schumann, Chopin e specialmente Beethoven; fu il primo a eseguire la sonata op. 106 in pubblico in Italia. A venti anni vinse il concorso per una cattedra di pianoforte nel Conservatorio.

Quando Anton Rubinstein divenne direttore del conservatorio di Pietroburgo, invitò Cesi a dirigere la scuola di pianoforte, che tenne dal 1885 al 1891. Nel 1891 fu colpito da apoplessia e tornò semi paralizzato in Italia. Questa condizione impedì la continuazione della carriera concertistica.

Nel 1894 insegnò al conservatorio di Palermo ed in seguito a quello di Napoli, dove ebbe come allievi Francesco Cilea, Giuseppe Martucci e Michele Esposito. Altri suoi allievi furono Leoncavallo, Alessandro Longo e Florestano Rossomandi.

Scrisse un'opera di didattica dal titolo Metodo per lo studio del pianoforte. Quest'opera è formata da 12 fascicoli contenenti un'antologia di brani da repertorio ed esercizi per la tecnica. Il metodo resta valido per la parte di esercizi di tecnica; è invece obsoleto per la parte del repertorio: si tratta di una scelta guidata dal gusto musicale ottocentesco e basata su edizioni ottocentesche, filologicamente poco curate e con errori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Piero Rattalino, Le grandi scuole pianistiche, Edizioni Ricordi, Milano 1992.

Carla Di Lena, Alcuni aspetti della didattica pianistica di Beniamino Cesi in Francesco Florimo e l'Ottocento musicale, Reggio Calabria, Jason, pp.247-282.

Pier Paolo De Martino, Beniamino Cesi da Napoli a San Pietroburgo, in Napoli nobilissima, V serie, IX, 2008, pp.131-144.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 47072549