Battaglia di Tskhinvali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Battaglia di Tskhinvali
Movimenti delle due forze opposte: Georgia (rosso) e Russia (blu)
Movimenti delle due forze opposte: Georgia (rosso) e Russia (blu)
Data 8 - 11 agosto 2008
Luogo Tskhinvali, Ossezia del Sud
Esito Vittoria russo-osseta, ritiro della Georgia[1]
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Circa 10.000 - 11.000 soldati[9] Ossezia del Sud Circa 3.500 soldati[10]
Russia Fino a 10.000 soldati[11]
Perdite
161 soldati morti
9 dispersi[12]
Ossezia del Sud 150 soldati morti[13]
Russia64 soldati morti
3 dispersi
283 feriti[14]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Tskhinvali (in russo: Бои за Цхинвал, in georgiano: ცხინვალის ბრძოლა), combattuta tra l'8 e l'11 agosto 2008, è stata una lotta per la conquista dell'omonima città, capitale dell'Ossezia del Sud.

Le truppe georgiane entrarono nella città la mattina dell'8 agosto 2008 dopo un fuoco preparatorio di artiglieria[15]. La loro avanzata fu contrastata dalle milizie dell'Ossezia del Sud e dei membri delle forze russe che si trovavano in città. Nello stesso giorno partirono dalla Russia altri soldati per rinforzare le truppe, ma arrivarono in ritardo a causa del terreno difficile e impervio. Le truppe georgiane fecero diversi tentativi per conquistare la città ma, infine, la sera del 10 agosto, furono costrette a ritirarsi. L'11 agosto, tutti i soldati della Georgia avevano abbandonato l'Ossezia meridionale e una parte della città di Tskhinvali era distrutta.

La battaglia[modifica | modifica sorgente]

La prima fase[modifica | modifica sorgente]

Le città di Gori (Georgia) e Tskhinvali (Ossezia del Sud) si trovano nella valle del fiume Liakhvi, a 32 miglia di distanza l'una dall'altra. I giorni prima dell'attacco, le forze georgiane avevano installato la loro base a Gori, prima di andare a Tskhinvali, probabilmente il bersaglio principale.[16]

Un palazzo danneggiato durante la battaglia di Tskhinvali

8-9 agosto 2008[modifica | modifica sorgente]

L'esercito georgiano ha lanciato la prima offensiva nella notte tra il 7 e l'8 agosto.[17] Così, mentre le truppe georgiane aprivano il fuoco contro le postazioni nemiche, la flotta aerea bombardava la città di Tskhinvali che subì diversi danni. Qualche ora dopo i soldati della Georgia iniziarono ad avanzare provocando diverse perdite all'esercito russo. La mattina dell'8 agosto, i rinforzi hanno attraversato, per raggiungere le truppe russe a Tskhinvali, il confine internazionale che separa l'Ossezia del Nord - Alania dalla Ossezia del Sud, attraverso il tunnel Roki.[18] Quando queste forze raggiunsero la città le truppe georgiane furono costrette a ritirarsi parzialmente verso sud. L'offensiva russa intanto aveva bombardato la base aerea di Vaziani, a pochi chilometri da Tbilisi. I georgiani, che erano stati respinti durante le ore precedenti, riuscirono a raggrupparsi e a organizzare una controffensiva per riconquistare la città. La Russia subì pesanti perdite umane e materiali, e il comandante delle forze armate Anatolij Chrulëv, fu ferito in un agguato. Tuttavia, l'attacco non funzionò, la Georgia perse decine di uomini e tre carri armati e le truppe georgiane furono respinte dalla città. Allo stesso tempo, i russi avevano lanciato dei punti di attacco aereo vicino alla città di Gori.[19][20]

10 agosto[modifica | modifica sorgente]

Il 10 agosto, le truppe dell'Ossezia del Sud e della Russia avevano preso il controllo della città e della zona circostante, respingendo l'offerta georgiana di cessare il fuoco.[21]

11 agosto[modifica | modifica sorgente]

Durante l'ultimo tentativo di penetrare nella città, la Georgia ottenne un dura sconfitta.
Dopo quest'ultima azione l'esercito giorgiano sgomberò l'Ossezia del Sud nella serata dell'11 agosto.[22]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Georgia pulls out of Tskhinvali, Al Jazeera, 10 August 2008
  2. ^ a b View all comments that have been posted about this article., A Two-Sided Descent Into Full-Scale War, Washingtonpost.com, 16 agosto 2008. URL consultato il 10 maggio 2009.
  3. ^ Senior MoD Official Testifies Before War Commission, Civil.Ge, 1º luglio 2001. URL consultato il 10 maggio 2009.
  4. ^ Lenta.ru: : Баранкевич, Анатолий
  5. ^ Генерал Баранкевич лично подбил грузинский танк | Калининград, городской портал :: Новости :: Отдых :: Карта :: Бизнес
  6. ^ NR2.RU::: Войсками Южной Осетии командует бывший пермский военком генерал-майор Василий Лунев / 11.08.08 / Пермь
  7. ^ (RU) Трое суток в эпицентре войны, Moskovskij Komsomolets, 10.08.2008
  8. ^ Journalists Suffered Combat Losses, Kommersant, 11 Aug. 2008
  9. ^ IIFFMCG Vol II, p. 214
  10. ^ IIFFMCG Vol. III, p. 530
  11. ^ IIFFMCG Vol III, p.371
  12. ^ List of Killed and Missing Military Servicemen during the Georgian-Russian WAR
  13. ^ The August War between Russia and Georgia
  14. ^ Russia lost 64 troops in Georgia war, 283 wounded | Reuters
  15. ^ Georgia: Ue, attacco ingiustificato in ansa.it. URL consultato il 18 mag 2010.
  16. ^ MIA: Java and Roki Tunnel are Next Targets, Civil.Ge, 9 August 2008
  17. ^ Java and Roki Tunnel are Next Targets Civil.ge (diario on-line georgiano). Consultato il 13-08-2008
  18. ^ una guerra desigual en el Cáucaso. Público (08-08-08). Consultato il 14-08-2008.
  19. ^ Rusia no permitirá la "muerte impune" de los ciudadanos rusos en Osetia del Sur Público.Castellano.Consultato il 14-08-2008
  20. ^ niega que haya guerra y Georgia pide ayuda internacional» La Opinión de Tenerife. Consultado el 13-08-2008.
  21. ^ 'calls Ossetia ceasefire' BBC News (10-08-08). Consultado el 19-08-2008.
  22. ^ Michail Barabanov, (12 September 2008)."The August War between Russia and Georgia" Moscow Defense Brief (Centre for Analysis of Strategies and Technologies) 3 (13). http://www.webcitation.org/5fm4fGQ5j.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]