Basilica pontificia di Santa Maria del Carmine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Basilica pontificia di Santa Maria del Carmine
Facciata
Facciata
Stato Italia Italia
Regione Basilicata Basilicata
Località Avigliano-Stemma.pngAvigliano
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Madonna del Carmine
Diocesi Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo
Stile architettonico Barocco e Neoclassico

La basilica pontificia di Santa Maria del Carmine, detta anche chiesa madre, è il principale luogo di culto cattolico di Avigliano.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

I primi dati sulla sua esistenza non sono certi. Si presume sia stata edificata nel IX secolo e ultimata nel 1583. Nel XIX secolo i lavori ripresero, la facciata venne rifatta nel 1854 e venne eretto un trono nel 1950. Si ritrovano resti di un antico organo che si presume sia del settecento. Il campanile conta 4 campane che sono state elettrificate nel 1978.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Composta da 3 navate mescola lo stile barocco dell'interno a quello neoclassico che si osserva all'esterno.

Molte sono le statue risalenti al XVIII secolo fra cui la Madonna col Bambino, San Sebastiano, San Rocco, San Vito e l’Addolorata.

Fra i dipinti: Visitazione del 1776, Miracolo di santa Chiara del 1727, Madonna col Bambino del XVIII secolo e la Natività di Maria del 1851.

Inoltre:

  • acquasantiera del 1936 di Salvatore Manfredi
  • quattro busti reliquari in legno raffiguranti i santissimi martiri
  • crocifisso ligneo del XVIII secolo.
  • fonte battesimale in pietra del XVIII secolo
  • Cristo deposto in cartapesta del XIX secolo.

Il pulpito[modifica | modifica sorgente]

Il pulpito è ornato da marmi policromi del XIX secolo. Al suo interno le cappelle del Sacro Cuore e di Santa Rita (1928).