Armigero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In araldica, un armigero è una persona titolata ad utilizzare uno stemma.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola latina armiger significa letteralmente "colui che porta le armi". Per tutto il medioevo la parola era riferita ad uno scudiero che seguiva un cavaliere, cioè come colui che trasportava fisicamente le armi del cavaliere. [1]

Periodo moderno[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, il termine armiger viene utilizzato prevalentemente in araldica in alcuni paesi come Canada, Irlanda, Spagna e Regno Unito dove l'araldica è regolata da leggi precise e da enti come il College of Arms, la Court of the Lord Lyon o l'Office of the Chief Herald of Ireland. Una persona titolata che può provare una discendenza agnatizia da una persona che aveva già diritto di portare uno stemma specifico, può egli stesso ottenerne le armi. Il semplice diritto ad essere armigero non prova l'uso di uno stemma.

Ciascuno può utilizzare un qualsiasi stemma in paesi ove l'araldica non è regolata come negli Stati Uniti. Nel Paesi Bassi sono regolati i titoli nobiliari ma non l'araldica. In Svezia la nobiltà ha dal 1762 la prerogativa di utilizzare l'elmo aperto, mentre gli altri usano l'elmo chiuso come decorazione sopra lo stemma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dictionary of Chivalry, Uden. Kestrel Books, Harmondsworth, 1968. ISBN 0-7226-5372-7

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Coss, Peter R. "Knights, esquires and the origins of social gradation in England." Transactions of the Royal Historical Society, Sixth Series, 5 (1995): 155-78.