Argumentum ad ignorantiam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un argumentum ad ignorantiam è una fallacia logica che implica l'affermazione della falsità o verità di una proposizione, basandosi sull'ignoranza esistente sulla proposizione discussa (cioè una premessa è vera o falsa finché non è provato il contrario).

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Un argumentum ad ignorantiam ha la seguente struttura:

  1. si afferma A;
  2. non vi sono prove per negare A;
  3. quindi A è vero.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

  1. A: Dio esiste. Puoi provare che non esiste?
  2. B: No.
  3. A: Allora esiste.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La fallacia ad ignorantiam si può avere quando predomina un'ignoranza diffusa su un certo argomento, sulle sue proprietà o sulla possibilità di studiarlo. Consiste nell'argomentare che una proposizione è vera perché non si hanno prove del fatto che sia falsa, pur non esistendo spesso delle prove che possano affermare la verità o la falsità di una proposizione.

Questa fallacia si ha specialmente quando qualcuno afferma che qualcosa è vero solo perché non si hanno prove del fatto che sia falso, o che qualcosa è falso solo perché non lo si può provare come vero. La verità o falsità di una proposizione dipende dalle prove che la sostengono o la confutano, e non dalla mancanza di esse. Non si può dimostrare l'esistenza degli extraterrestri, ma questo non implica né che gli extraterrestri debbano per forza esistere, né che non possano esistere affatto.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia