Alalcomenea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Alalcomenea era il nome di una delle figlie del re di Tebe Ogigo.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Con le sorelle Aulide e Telsinia, dopo la morte, diventò una divinità protettrice della giusta vendetta, una delle Prassidiche. Si dice anche che Alalcomenea fosse stata una delle nutrici della dea Atena. Il luogo principale del suo culto era Aliarto in Beozia.

Pareri secondari[modifica | modifica wikitesto]

Da lei prendeva il nome la fonte "Alalcomenia".[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pausania, Libro VIII, 12,7

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca