Agopuntura urbana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.
Taipei Organic Acupuncture

L'agopuntura urbana è una pratica artistica e urbanistica d'ispirazione biopolitica, che utilizza la metafora dell'agopuntura[1], tradizionale pratica della medicina cinese, per designare il carattere locale dei propri interventi. L'agopuntura urbana, o "biourbana"[1], visto che si rivolge al sistema complesso della città come fosse un organismo, si contrappone alle modalità industriali e "dall'alto" dell'urbanistica tradizionale, ispirata da LeCorbusier. Questa strategia individua con l'osservazione a terra i luoghi dove scorre la reale vita della città, spesso distinta da quella profilata dai pianificatori o dalle leggi di mercato. Le linee guida per gli operatori vengono fornite ad es. dal modo di vivere realmente lo spazio da parte dei bambini che giocano; da eventi come un mercato clandestino; dalla presenza di resilienze naturali. Tali luoghi divengono terreno fertile per l'innesto di progetti sostenibili, il cui scopo, come gli aghi utilizzati nella pratica dell'agopuntura, è quello di apportare maggiore autenticità, migliore vivibilità, e senso di benessere all'intero corpo della città.[2]

Nata dalle teorie dell'architetto e sociologo finlandese Marco Casagrande, questa scuola di pensiero rifugge i grandiosi progetti di rinnovamento urbano in favore di un approccio a livello locale in grado di coinvolgere la comunità, per fornire, anche in un frangente di ristrettezze economiche e di risorse limitate, un rifugio urbano a chi abita la città.[3]

Casagrande considera le città come organismi complessi nei quali la sovrapposizione di differenti livelli di flussi di energia determina le azioni dei cittadini così come lo sviluppo della città stessa. Interrelando ambientalismo e progettazione urbana Casagrande ha sviluppato metodi di manipolazione puntuale dei flussi di energia urbana con il fine di promuovere uno sviluppo ecologicamente sostenibile indirizzato alle cosiddette città di terza generazione (città post-industriali). Tale teoria è stata sviluppata presso la Tamkang University di Taiwan[4] e presso il centro di ricerca multidisciplinare Ruin Academy.[5]

Bug Dome by WEAK! in Shenzhen, China. An un-official social club for illegal workers next to the Shenzhen City Hall.

Casagrande definisce l'agopuntura urbana come: una manipolazione architettonica dell'intelletto collettivo della città. La città è considerata come un organismo sensibile multi-dimensionale in cui interagiscono energie, un ambiente vivo. L'agopuntura urbana intende stabilire un contatto diretto con questa natura[6] e comprendere i flussi di energia del Ki collettivo nascosto dietro l'immagine visibile della città per risanare i luoghi che ne hanno necessità. L'architettura produce per il chi urbano l'effetto degli aghi utilizzati nella pratica dell'agopuntura[7], come l'erba capace di attecchire nella più piccola fessura di una strada asfaltata e con il tempo diffondersi in tutta la città. L'agopuntura urbana è l'erba, ed il punto nel quale prende avvio la trasformazione è la fessura nell'asfalto. Gli effetti di un piccolo intervento possono avere grande risonanza. Questa teoria apre le porte a creatività e libertà incondizionate. Ogni cittadino ha la possibilità di prendere parte al processo creativo, sentirsi libero di utilizzare gli spazi urbani per molteplici propositi e trasformare l'ambiente che lo circonda a proprio piacimento[8] In un contesto più ampio, un sito in cui si è realizzato un progetto di agopuntura urbana, può essere considerato come un luogo che comunica con l'esterno della città, come un segno naturale in una città programmata per includerlo.[9]

La teoria dell'agopuntura urbana presenta alcuni punti di contatto con la nuova concezione del Tactical Urbanism. Viene sottolineata l'importanza delle risorse locali piuttosto che dei programmi a livello urbano che prevedono l'utilizzo di ingenti capitali, promuovendo l'idea che siano i cittadini a dare avvio agli interventi, per poi seguirne in prima persona gli sviluppi. Questi piccoli interventi nel contesto urbano, affermano i sostenitori, apporteranno benessere alla comunità, promuovendo un processo di rivitalizzazione dell'area.[10] Volendo tradurre il concetto di “agopuntura urbana” con una breve affermazione si può dire che essa consista nel concentrarsi sulla piccola scala, sugli aspetti più minuti della realtà, promuovendo interventi che, partendo dal basso, sfruttano le energie della collettività in maniera positiva per sanare il degrado e migliorare il paesaggio urbano. L'agopuntura urbana è un'alternativa agli interventi di grandi dimensioni, in cui le decisioni partono dall'alto, interventi che tipicamente richiedono ingenti investimenti di fondi pubblici (di cui molte città in questo momento sono prive) e lungaggini burocratiche prima di avviare la fase del cantiere.[11] Agli interventi su micro scala obiettivo dell'agopuntura urbana ricorrono le comunità di cittadini che decidono di impegnarsi attivamente nel contesto in cui vivono, così come quelle che non hanno grandi disponibilità finanziarie.[12] In Messico l'agopuntura urbana ha permesso di convertire dei ricoveri informali, come i capannoni negli slums, in vere e proprie abitazioni. Questa strategia trasforma gli slums, senza la necessità di trasferire le famiglie che vi hanno vissuto insieme per generazioni.[13]

Jaime Lerner, l'ex sindaco di Curitiba, ritiene che l'agopuntura urbana sia la soluzione futura per risolvere le criticità della città contemporanea; facendo leva su piccoli punti di pressione nelle città, possiamo dare luogo ad effetti a catena che investono ampie aree. L'agopuntura urbana sottolinea la necessità della proprietà pubblica degli spazi urbani e pone enfasi sull'importanza dello solidarietà attraverso i piccoli progetti.[14] Si tratta di trasformazioni localizzate che possono essere realizzate rapidamente per sprigionare energia e creare un positivo effetto a catena.[15] Egli ha scritto nel 2007:

Credo che qualche “pozione magica” possa e debba essere somministrata alle città, dal momento che molte sono malate e alcune quasi in stato terminale. Come per la medicina è necessaria l'interazione tra paziente e medico, nella progettazione urbana è allo stesso modo necessario sollecitare una reazione da parte della città; stimolare un'area in modo che diventi essa stessa capace di aiutare a guarire, a migliorare e creare positive reazioni a catena. È indispensabile negli interventi finalizzati a rivitalizzare un'area rendere l'organismo capace di funzionare in maniera diversa.[6]


L'architetto e professore, originario di Taiwan, Ti-Nan Chi sta conducendo delle ricerche sugli effetti degli interventi di Micro Urbanism sulle aree più vulnerabili delle città contemporanee di tutto il mondo. Le micro-zone da lui identificate corrispondono ai punti in cui avviare micro-progetti di recupero, dove coinvolgere il pubblico a differenti livelli. Il fine è quello di risolvere i conflitti tra proprietari, contadini e le altre forze pubbliche.[16]
Un team di architetti liberamente associatisi di cui fanno parte Wang Shu, Marco Casagrande, Hsieh Ying-chun e Roan Ching-yuen (chiamato WEAK! Architecture) si occupa di definire i tratti di quella che è la Instant City non ufficiale, o Instant Taipei, architettura che usa la Città Ufficiale come una piattaforma su cui svilupparsi, una fonte di energia, dove attaccarsi come un parassita e dalla quale acquisire elettricità ed acqua… [Instant City] - azienda agricola illegale o un supermercato notturno è così diffusa e radicata nella cultura di Taiwan e nel paesaggio urbano che si potrebbe quasi parlare di un'altra città che vive al di sopra della Taipei “ufficiale”, una città parallela o una para-città. WEAK! Chiama l'agopuntura urbana, a seconda del contesto, Architettura illegale, Architettura delle persone o Architettura debole.[17] La teoria dell'agopuntura urbana sostiene che le città abbiano bisogno di numerosi progetti a piccola scala, poco costosi e legati al contesto locale, finalizzati al recupero e al rinnovamento urbano.[18]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Urban Acupuncture : Marco Casagrande - Adam Parsons, University of Portsmouth 12/2010
  2. ^ Better Blocks: One of Many Urban Acupuncture Needles - Kelly McCartney, Shareable : Cities 8/2011
  3. ^ Could cities' problems be solved by urban acupuncture? - Leon Kaye, The Guardian 21.7.2010
  4. ^ INTERVIEW WITH M. CASAGRANDE ON URBAN ACUPUNTURE - Laurits Elkjær, Bergen School of Architecture 4/2010
  5. ^ Anarchist Gardener Issue Two HK special 安那其建築園丁港深建築雙城雙年展特別版 - Nikita Wu, Ruin Academy 2/2012
  6. ^ a b Urban Acupuncture: Revivifying Our Cities Through Targeted Renewal - Kyle Miller MSIS 9/2011
  7. ^ Ruin Academy - Marco Casagrande Epifanio 14 2011
  8. ^ Compost City - Guoda Bardauskait p. 30-31, Sustainable Urban Design Journal 1 2011
  9. ^ Urban Acupuncture - Kelly Chan, Architizer 1/2012
  10. ^ 'Urban acupuncture' touted for cash-strapped cities - David West, New Urban Network 7/2011
  11. ^ London’s Urban Acupuncture: The Urban Physic Garden - This Old Street 8/2011
  12. ^ 'Urban acupuncture' touted for cash-strapped cities - David West, Better Cities & Towns 7/2011
  13. ^ Star architect leaves it all to build homes for the poor - Yam Phui Yee, Good Times - The Conscience of the Nation
  14. ^ Urban Acupuncture - Understanding Space 2011
  15. ^ Curitiba: Jaime Lerner’s Urban Acupuncture - Bill Hinchberger, Brazilmax 2/2006
  16. ^ Chi Ti-Nan develops a project to preserve Hong Kong coastline Tai Long Sai Wan - World Architecture News 4/2011
  17. ^ Illegal Architecture in Taipei - Kelsey Campbell-Dollaghan Architizer 3/2011
  18. ^ Could Cities Benefit from Small-Scale, Local "Urban Acupuncture" Projects Like This? - Kimberly Mok Treehugger 1/2012

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura