Agglutinazione del sangue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'agglutinazione del sangue, detta anche emoagglutinazione, è un fenomeno biologico fondato su un processo chimico-fisico detto agglutinazione per il quale degli anticorpi specifici provocano l'agglutinazione cioè la formazione di agglomerati di antigene che precipitano.

Gli anticorpi possono essere presenti nel sangue e dunque causarne l'agglutinazione nel caso di una trasfusione sbagliata o nel caso dell'eritroblastosi fetale (Madre con Rh negativo,feto Rh positivo).

Il Test di Coombs è per l'appunto un test di agglutinazione che serve a valutare l'eventuale incompatibilità rh tra madre e feto. Gli antigeni ai quali gli anticorpi si legano non devono necessariamente essere presenti sugli eritrociti ma possono presentarsi su cellule batteriche o in forma libera.

Il fenomeno dell'agglutinazione viene utilizzato per valutare la presenza di determinati batteri nel sangue (batteriemia) in patologie quali la salmonellosi (siero agglutinazione di Widal) o la brucellosi (agglutinazione di Wright).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]