7 World Trade Center

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
7 World Trade Center
Wtc7-2006-0911.jpg
Il nuovo 7 World Trade Center (visto da sud-est)
Ubicazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Località New York
Indirizzo 250 Greenwich Street, New York City, United States
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 2002-2006
Inaugurazione 23 maggio 2006
Uso Ufficio
Altezza 226 m
Piani 52
Area calpestabile 158.000 m²
Ascensori 29
Realizzazione
Architetto David Childs
Appaltatore Silverstein Properties
 

Il 7 World Trade Center è il nome che è stato dato al nuovo edificio costruito al posto del WTC7 crollato durante gli attacchi terroristici del 2001. Tale nome può riferirsi pertanto a due strutture: l'edificio costruito nel 1984 di 47 piani distrutto l'11 settembre 2001 e l'edificio attuale, facente parte del nuovo polo commerciale mondiale di New York City.

Vecchio WTC7 1987-2001[modifica | modifica wikitesto]

Il vecchio Trade Center 7 aveva un rivestimento esterno prevalentemente rosso, occupava uno spazio trapezoidale ed era alto 173,7 m. Era collegato al resto del complesso tramite una strada pedonale sopraelevata. Quando l'edificio fu inaugurato nel 1987 il locatario del complesso, Larry Silverstein, ebbe difficoltà ad attirare inquilini.

Nel 1988 la società Salomon Brothers firmò un contratto a lungo termine diventando il maggiore inquilino dell'edificio.

Il collasso a seguito degli attentati dell'11/9[modifica | modifica wikitesto]

7 World Trade Center in fiamme dopo il crollo delle torri WTC1 e WTC2 dell'11/09/01

L'11 settembre 2001, al collasso della torre nord, i detriti colpirono il WTC7 causando gravi danni alla facciata sud[1]. Oltre la parte basse della facciata sud, i detriti causarono danni all'angolo sudovest dall'ottavo al diciottesimo piano provocando un largo squarcio veriticale nella parte centrale e bassa estesa circa dieci piani e altri danni più in alto[1]. L'edificio era equipaggiato con un sistema antincendio che aveva tuttavia dei punti deboli: le pompe elettriche dovevano essere azionate manualmente; il sistema di controllo di ogni singolo piano aveva una sola singola connessione al sistema antincendio; inoltre la pressione dell'acqua era bassa, oppure l'acqua era del tutto assente.[2][3]

Dopo il crollo della torre nord, alcuni vigili del fuoco entrarono all'interno dell'edificio provando a estinguere piccole parti dell'incendio, ma la bassa pressione dell'acqua rese vani gli sforzi[4]. Un esteso incendio interessò nel pomeriggio i piani 11 e 12 del WTC7, le fiamme erano visibili sulla parte est dell'edificio.[5][6] Durante il pomeriggio il fuoco fu visto anche ai piani 6–10, 13–14, 19–22, e 29–30[1]. In particolare gli incendi ai piani 7, 8 e 9 e dall'11 al 13 rimasero incontrollati per tutto il pomeriggio[7]. Verso le 14:00 i vigili del fuoco notarono un rigonfiamento nell'angolo sudovest dell'edificio tra il decimo e il tredicesimo piano, segno che il WTC7 era instabile e poteva crollare[8]. Nel pomeriggio, i vigili del fuoco sentirono anche dei rumori di cedimento e scricchiolii provenire dall'edificio[9]. Verso le 15:30 il capo della FDNY, Daniel Nigro, decise di fermare le operazioni di soccorso e di recupero dei detriti intorno al WTC7 e di evacuare l'area al fine di salvaguardare la sicurezza del personale[8][10]. Alle 17:20:33 dell'11 settembre 2001 il World Trade Center 7 cominciò a crollare, con il collasso della penthouse est, mentre il resto del grattacielo crollò completamente alle 17:21:10[11]. Non ci furono vittime a causa del crollo dell'edificio.

Il 20 novembre 2008 il NIST (National Institute of Standards and Technology) ha pubblicato il rapporto finale sulle cause del crollo del WTC7. In esso si conferma la dinamica già conosciuta:

« incendi incontrollati, innescati dall'impatto delle macerie delle Torri Gemelle, e assenza d'acqua negli impianti antincendio (per via delle condotte tranciate dal crollo delle Torri), hanno prodotto la dilatazione ed il cedimento di alcuni solai. Questo ha tolto il supporto laterale a una colonna particolarmente sollecitata, la numero 79, che si è piegata. Da lì, il cedimento si è propagato inarrestabilmente al resto della struttura[12][13]. »

Nuovo WTC7 2003-2006[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione del nuovo WTC 7 è iniziata nel 2003 e finita nel 2006. Esso conta 52 piani per 226,5 m di altezza. Il nuovo edificio è delimitato da Greenwich, Vesey, Washington e Barclay streets. Un piccolo parco in Greenwich Street, occupa tutto lo spazio che occupava il vecchio edificio a forma trapezoidale.

L'attuale World Trade Center 7, nel design, prevede una maggiore sicurezza rispetto al precedente, con un nucleo in cemento armato, ampie scalinate, estintori, spesse colonne di acciaio e incorpora numerose funzioni ecologiche. La classe energetica LEED dell'edificio è Gold.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Interim Report on WTC 7 (PDF) in Appendix L, National Institute of Standards and Technology, 2004. URL consultato il 20 agosto 2007.
  2. ^ (EN) Grosshandler, William, Active Fire Protection Systems Issues (PDF), NIST. URL consultato l'11 settembre 2007.
  3. ^ (EN) Evans, David D, Active Fire Protection Systems (PDF), NIST, settembre 2005. URL consultato l'11 settembre 2007.
  4. ^ (EN) Oral Histories From Sept. 11 - Interview with Captain Anthony Varriale (PDF), The New York Times, 12 dicembre 2001. URL consultato il 22 agosto 2007.
  5. ^ (EN)  Spak, Steve. WTC 9-11-01 Day of Disaster. Spak, Steve, New York City, September 11 2001
  6. ^ Scheuerman, Arthur, The Collapse of Building 7 (PDF), NIST, 2006-12-08. URL consultato il 2007-06-29.
  7. ^ (EN) Questions and Answers about the NIST WTC 7 Investigation, NIST. URL consultato il 21 agosto 2008.
  8. ^ a b (EN) WTC: This Is Their Story, Interview with Chief Peter Hayden, Firehouse.com, 9 settembre 2002. URL consultato il 28 giugno 2007.
  9. ^ WTC: This Is Their Story, Interview with Captain Chris Boyle, Firehouse.com, agosto 2002. URL consultato il 22 agosto 2007.
  10. ^ Oral Histories From Sept. 11 - Interview with Chief Daniel Nigro, The New York Times, 24 ottobre 2001. URL consultato il 28 giugno 2007.
  11. ^ FEMA: World Trade Center Building Performance Study, cap. 5, sezione 5.5.4
  12. ^ WTC7, pubblicato il testo finale del rapporto NIST di Paolo Attivissimo
  13. ^ (EN) Rapporto NIST

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura