¡Ay, Carmela!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
¡Ay Carmela!
Titolo originale ¡Ay Carmela!
Paese di produzione Spagna, Italia
Anno 1990
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Carlos Saura
Soggetto José Sanchís Sinisterra
Sceneggiatura Rafael Azcona e Carlos Saura
Fotografia José Luis Alcaine
Montaggio Pablo González del Amo
Musiche Alejandro Massó
Scenografia Rafael Palmero
Interpreti e personaggi
Premi

¡Ay Carmela! è un film del 1990 diretto Carlos Saura, tratto dall'omonima pièce teatrale di José Sanchiz Sinisterra. Appartiene al filone delle opere postfranchiste che vogliono ritrarre il regime in chiave tragicomica.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film narra la storia di due teatranti, Carmela e Paulino, e di un muto che, durante la guerra civile spagnola, si trovano per sbaglio a passare in territorio franchista, vengono catturati e costretti a recitare sotto la regia di un luogotenente italiano fascista (Amedeo Giovanni di Ripamonte) in una farsa con canzonette fasciste e avanspettacolo di regime davanti a ufficiali e ad un pubblico di condannati a morte. Il pensiero di questi condannati provoca la ribellione di Carmela che viene uccisa sul palco mentre interpreta la Repubblica vilipesa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema