Yigal Amir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Yigal Amir (Herzliya, 23 maggio 1970) è un estremista politico-religioso israeliano, responsabile dell'assassinio del Primo Ministro di Israele Yitzhak Rabin commesso il 4 novembre 1995, delitto per il quale è stato condannato all'ergastolo.

Gli anni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Yigal Amir nacque in una famiglia ortodossa di Herzliya, in Israele. I suoi genitori si trasferirono in questo Paese dopo l'esodo degli ebrei dallo Yemen. Prese il diploma alla scuola elementare e servì il Paese nell'esercito durante gli studi superiori. Amir desiderava ottenere il diploma di avvocato e quello di informatico.

Iniziò a prendere parte anche al movimento politico-religioso della destra radicale israeliana, che accusava Rabin di aver firmato gli Accordi di Oslo, e divenne attivo nelle dimostrazioni eversive organizzate da tale movimento. Divenne ben presto amico di Avishai Raviv, un dichiarato attivista radicale anti-Rabin, in realtà un agente infiltrato dello Shin Bet, il servizio di spionaggio e controspionaggio di Israele,[1] a cui Amir rivelò la sua intenzione di uccidere Rabin.

L'attentato e le conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Assassinio di Yitzhak Rabin.
Il monumento eretto in ricordo di Rabin nella piazza dell'attentato

Il 4 novembre 1995, dopo una dimostrazione in sostegno degli accordi di Oslo in Piazza dei Re di Israele (Kikar Malchei Jisra'el, כיכר מלכי ישראל) di Tel Aviv, Amir - nascosto tra la folla - colpì alla schiena con due colpi di pistola Rabin, uccidendolo. L'arma del delitto era una Beretta 84F semi-automatica dal calibro 380 ACP (numero di serie D98231Y). Durante il fatto Amir ferì anche una guardia. Il fratello di Amir e un amico, Dror Adani, furono identificati come complici dell'attentatore.[2]

Amir venne condannato all'ergastolo. Non ha mai dato segno alcuno di pentimento per il crimine commesso[3].

Il matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Mentre era in prigione, Amir si innamorò di Larisa Trembovler. I due si erano già conosciuti in precedenza. Larisa iniziò a far visite sempre più frequenti ad Amir e successivamente lasciò suo marito per sposarsi con lui nell'agosto 2004[4].

Nel tardo agosto 2005 Amir ottenne la possibilità di avere un figlio da Larisa attraverso l'inseminazione artificiale[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN63276237 · ISNI (EN0000 0000 3181 3179 · LCCN (ENn96071058 · GND (DE130275883 · WorldCat Identities (ENn96-071058