YellowBrickRoad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il documentario del 2005, vedi Yellow Brick Road.
YellowBrickRoad
Titolo originaleYellowBrickRoad
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2010
Genereorrore, thriller
RegiaJesse Holland, Andy Mitton
SoggettoJesse Holland, Andy Mitton
SceneggiaturaJesse Holland, Andy Mitton
ProduttoreEric Hungerford
Produttore esecutivoCassidy Freeman, Clark Freeman
Casa di produzionePoints North Films
FotografiaMichael Hardwick
Effetti specialiBlake Myers, Josh Russell
CostumiRobert Eggers
TruccoArnee Cusano
Interpreti e personaggi

YellowBrickRoad è un film horror del 2010, diretto da Jesse Holland e Andy Mitton.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Jesse Holland e Andy Mitton erano alla ricerca di una storia simile a Into the Wild - Nelle terre selvagge, ovvero che trattasse dell'abbandono della società per l'immersione nella natura, a patto che lo sfondo fosse un horror psicologico. Insieme, i due, effettuarono analisi sul campo delle tradizioni popolari nordamericane, accompagnandole in parallelo con racconti folcloristici e leggende metropolitane, unendo tutti i soggetti per fondare una base creativa dalla quale partire per il film. Mitton ha citato la leggenda di un villaggio eschimese, i cui residenti sparirono misteriosamente lasciando nelle proprie abitazioni viveri, denaro e animali domestici, come una delle fonti di maggior ispirazione per la scrittura della sceneggiatura.[1][2] Combinando questi elementi, i due lavorarono per oltre due anni alla scrittura della sceneggiatura, fino a che nel 2009 trovarono un incontro con degli investitori privati intenzionati a garantire sul loro progetto.[3]

Realizzato sullo stile degli "horror che bruciano lentamente i personaggi", tra i film dello stesso genere che hanno influenzato i due autori, ci sono: L'esorcista, Shining, Alien, La cosa, The Blair Witch Project e Carrie. Holland e Mitton, sapendo dell'esistenza di numerosi film dell'orrore ambientati in boschi od aree rurali, hanno cercato di evitare la presenza di luoghi comuni o di riferimento a film del genere, concentrando l'attenzione più che sull'ambiente circostante, sui sentimenti dei personaggi, citando Un tranquillo week-end di paura come «un esempio davvero eccellente di film nei boschi guidato dai personaggi, dove le cose stanno andando terribilmente».[1][2]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Per la selezione del cast artistico, i cui nomi più noti sono Cassidy Freeman da Smallville e Anessa Ramsey da The Signal, i due registi hanno puntato ad artisti per lo più sconosciuti, con il curriculum composto di esperienze teatrali, collaboratori col duo già in passato. Essendo Cassidy Freeman, sorella di Clark, amico di vecchia di data con Mitton, reduci da un gruppo musicale nel quale eseguivano insieme, il regista pensò subito di contattarlo per arrivare a sua sorella. I due Freeman, appaiono come fratelli anche nei personaggi da loro interpretati nel film, oltre che partecipare alla produzione esecutiva.[2]

L'interesse per Anessa Ramsey è scaturito principalmente dalla sua recitazione in The Signal, alla cui uscita i registi hanno pensato di scritturarla dal momento che «si adatta così perfettamente alla nostra organizzazione». Allo stesso modo, dopo aver visto le prestazioni interpretative a teatro dei newyorkesi Laura Heisler e Lee Wilkof, i due sono stati audizionati e confermati tra il cast.[2]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese si sono svolte in ordine sequenziale nell'estremo nord del New Hampshire (nel macroterritorio del New England), regione nella quale, in accordo coi registi, nessuna troup cinematografica ha mai girato un film. Lavorando in un ambiente lontano da aree industriali, per diverse ore della giornata mancavano al cast coperture di rete per i cellulari e/o per connessioni internet.[1][3]

Essendo stata effettuata in una zona ostica e lontana da contatti con grandi aree urbane, la lavorazione è stata per diverse volte impedita da incidenti di maniera tecnica; secondo Holland ci sono stati errori e impedimenti ogni giorno della realizzazione sul campo, tanto da arrivare a cancellare un programma di una 4 giorni di riprese in una location a causa dei problemi conseguiti da questi incidenti. In quel caso, la troup ottenne la concessione a girare su un allevamento di 300 acri di proprietà di una famiglia locale, rimediando in parte al danno ottenuto.[1]

Le riprese sono state realizzate nel giugno 2009, sebbene la lavorazione totale sia durata quasi otto settimane, durando 20 giorni, rientrati nell'arco di lavorazione attiva di tre settimane e mezzo.[2][3]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2009, quando ancora il film era in preproduzione, è stato distribuito in rete il primo video concettuale del film, composto di una presentazione della trama via scritte e immagini movimentate.[4]

Il 3 novembre 2009, in piena fase di postproduzione, è stato pubblicato in rete il primo trailer del film, accompagnato dalla sinossi ufficiale [5][6]; un mese più tardi, il 10 dicembre, sono uscite tre immagini promozionali [7][8].

Il 10 gennaio 2010, in occorrenza della partecipazione del film allo Slamdance Film Festival, è stata distribuita la locandina ufficiale, insieme ad altre immagini ad alta risoluzione.[9] Un secondo manifesto è stato pubblicato da Bloody Disgusting il 7 ottobre seguente.[10][11] Cassidy Freeman ha girato una scena di nudo per questo film.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2009 fu annunciato che YellowBrickRoad avrebbe gareggiato all'interno dell'edizione 2010 dello Slamdance Film Festival [12] nella categoria "competizione narrativa", insieme ad altri nove titoli [13]. Al festival, il film è stato oggetto di due proiezioni serali alla Main Screening Room del Treasure Mountain Inn: la prima sabato 23 gennaio alle 22, la seconda lunedì 25 gennaio alle 3 di notte.[9]

YellowBrickRoad ha inoltre partecipato ad altri eventi cinematografici di spessore negli Stati Uniti, rientrando nelle selezioni ufficiali alle edizioni 2010 dell'Atlanta Film Festival [3][10] e dello Screamfest Horror Film Festival [11][14][15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) A YellowBrickRoad Exclusive Interview Archiviato il 17 dicembre 2010 in Internet Archive.. Shock Till You Drop, 16-01-2010 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  2. ^ a b c d e (EN) Joseph McCabe. Sundance 2010: ‘YellowBrickRoad' Directors. FearNet, 21-01-2010 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  3. ^ a b c d (EN) DC Presents: Indie Horror Filmmakers to Watch: Andy Mitton and Jesse Holland - YellowBrickRoad. DreadCentral, 09-04-2010 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  4. ^ (EN) A tale of disappearance and horror in YELLOWBRICKROAD. Quiet Earth, 19-03-2009 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  5. ^ (EN) Do You Dare Walk the YellowBrickRoad? Archiviato il 4 marzo 2010 in Internet Archive.. Shock Till You Drop, 03-11-2009 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  6. ^ (EN) DON'T Follow the YellowBrickRoad. Collider, 03-11-2009 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  7. ^ (EN) Trailer, Stills from Slamdance Entry YellowBrickRoad Archiviato il 28 dicembre 2010 in Internet Archive.. Shock Till You Drop, 10-12-2009 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  8. ^ (EN) New Stills: YellowBrickRoad. DreadCentral, 10-12-2009 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  9. ^ a b (EN) An Exclusive Look at the YellowBrickRoad Poster! Archiviato il 28 marzo 2010 in Internet Archive.. Shock Till You Drop, 10-01-2010 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  10. ^ a b (EN) AFM '10: Brand New Art Sales per 'YellowBrickRoad'. Bloody-Disgusting, 07-10-2010 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  11. ^ a b (EN) New Sales Art to Help You Follow the YellowBrickRoad. Dread Central, 08-10-2010 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  12. ^ (EN) Slamdance Premieres YellowBrickRoad. Shock Till You Drop, 10-12-2009 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  13. ^ (EN) Steve Weintraub. Slamdance Announces Competition Films – 18 Films Selected From 5,000 Submissions. Collider, 10-12-2009 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  14. ^ (EN) Screamfest 2010: First Wave of Films Announced Archiviato l'11 settembre 2010 in Internet Archive.. Shock Till You Drop, 09-09-2010 (ultimo accesso il 18-10-2010).
  15. ^ (EN) Screamfest 2010: Video and Photos from the Screamfest LA Premieres of YellowBrickRoad and Needle. 10-10-2010, (ultimo accesso il 18-10-2010).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema