Wright Morris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Wright Marion Morris (Central City, 6 gennaio 1910Mill Valley, 25 aprile 1998) è stato uno scrittore, saggista e fotografo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Wright Marion Morris nacque a Central City, nel Nebraska, il 6 gennaio 1910 da Grace Osborn Morris e Will Morris[1].

Autore molto prolifico, scrisse una ventina di romanzi, numerosi racconti, quattro volumi autobiografici e saggi di critica letteraria[2].

Laureato al Pomona College[3], visse principalmente in California (dove ambientò molte delle sue opere) e soggiornò in Europa per brevi periodi (terra d'ispirazione per le opere What a way to go e Cause for wonder).

Tema ricorrente della sua produzione il mondo rurale americano, in particolare quello delle Grandi Pianure, ormai surclassato dalla modernità e trasfigurato fino a divenire simbolico[4].

Questa predilezione viene da lui supportata dal corredo di scatti che spesso accompagnano i suoi testi (in particolare The Inhabitants e The Home Place)[5].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1942 My Uncle Dudley
  • 1945 The Man Who Was There
  • 1946 The Inhabitants (testo e foto)
  • 1948 The Home Place (testo e foto)
  • 1949 The World in the Attic
  • 1951 Il padre dell'eroe (Man and boy), Torino, Einaudi, 1954
  • 1952 The Works of Love
  • 1953 Un sonno profondo (The deep sleep), Milano, Mondadori, 1961
  • 1954 The Huge Season
  • 1956 The Field of Vision
  • 1957 Amore tra i cannibali (Love Among the Cannibals), Milano, Feltrinelli, 1958
  • 1960 Ceremony in Lone Tree
  • 1962 What a way to go
  • 1963 Cause for Wonder
  • 1965 One Day
  • 1967 In Orbit
  • 1968 A Bill of Rites, a Bill of Wrongs, a Bill of Goods (saggio)
  • 1968 God's Country and My People (testo e foto)
  • 1971 Sermone del fuoco (Fire Sermon), Varese, Giano, 2003[6]
  • 1972 Love affair: a venetian journal
  • 1973 A Life
  • 1976 Real Losses, Imaginary Gains (raccolta di racconti)
  • 1977 The Fork River Space Project
  • 1980 Canto delle pianure: per voci femminili (Plains Song: For Female Voices), Varese, Giano, 2002[7]
  • 1981 Will's Boy (autobiografia)
  • 1982 Victrola (raccolta di racconti)
  • 1983 Solo: an american dreamer in Europe 1933-1934 (autobiografico)
  • 1985 A Cloak of Light (autobiografia)
  • 1985 Glimpse Into Another Country (raccolta di racconti)
  • 1986 Collected stories 1948-1986
  • 1989 Time Pieces: Photographs, Writing, and Memory
  • 1993 Writing my life (autobiografia)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

National Book Award per la narrativa
  • 1957 vincitore con The Field of Vision
  • 1981 vincitore con Canto delle pianure nella categoria "Edizione rilegata"[8]
Guggenheim Fellowship
  • 1942,1946,1954 in fotografia[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Biography, su unl.edu. URL consultato il 17 aprile 2022.
  2. ^ (EN) Peter Orner, In Praise of Wright Morris, su nytimes.com, 18 luglio 2019. URL consultato il 17 aprile 2022.
  3. ^ (EN) Olga Carlisle e Jody Ireland, Wright Morris, The Art of Fiction No. 125, su theparisreview.org. URL consultato il 17 aprile 2022.
  4. ^ Pagina dedicata allo scrittore, su treccani.it. URL consultato il 17 aprile 2022.
  5. ^ Wright Morris American, 1910 - 1998, su nga.gov. URL consultato il 17 aprile 2022.
  6. ^ Recensione tratta da Pulp Libri, n. 49, p. 44, su web.tiscalinet.it. URL consultato il 17 aprile 2022.
  7. ^ Recensione tratta da Pulp Libri, n. 42, p. 43, su web.tiscalinet.it. URL consultato il 17 aprile 2022.
  8. ^ (EN) Riepilogo delle vittorie e delle finali, su nationalbook.org. URL consultato il 17 aprile 2022.
  9. ^ (EN) Wright Morris awarded 1942,1946,1954, su gf.org. URL consultato il 17 aprile 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario Bompiani degli autori di AA.VV. , Milano, Bompiani, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN109087827 · ISNI (EN0000 0001 1512 0484 · Europeana agent/base/155426 · ULAN (EN500037016 · LCCN (ENn79063109 · GND (DE11858426X · BNE (ESXX1041209 (data) · BNF (FRcb12097093t (data) · J9U (ENHE987007280418305171 (topic) · NDL (ENJA00450587 · CONOR.SI (SL12030819 · WorldCat Identities (ENlccn-n79063109