Wests Tigers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wests Tigers
Rugby a 13 Rugby union pictogram.svg
Tigers
Colori sociali 600px Arancio e Bianco con striscia nera.png arancione · bianco · nero
Simboli tigre
Dati societari
Città Sydney
Paese Australia Australia
Sede sociale Corner Queen and Broughton Streets, Campbelltown, NSW 2560
Federazione Flag of Australia.svg Australian Rugby League
Campionato National Rugby League
Fondazione 1999
Presidente Justin Pascoe
Allenatore Ivan Cleary
Capitano Benji Marshall
Palmarès
NRL 2005
Stadio
Campbelltown Stadium
(20,572 posti)
[1]

I Wests Tigers sono una squadra di rugby a 13 professionistica australiana che disputa la National Rugby League dopo la sua fondazione alla fine della stagione 1999 della NRL. Ha base nella zone ad ovest di Sydney ed è una joint venture tra i Balmain Tigers e i Western Suburbs Magpies. Il suo presidente è Justin Pascoe.

I Wests Tigers incominciarono a giocare nella stagione 2000 della NRL e vinsero la loro prima premiership nel 2005. Essi sono una delle due squadre, insieme con i Newcastle Knights, ad aver partecipato alla Grand Final senza mai perderla. Il club vinse anche i World Sevens nel 2004.

I Wests Tigers hanno tre stadi: il Leichhardt Oval (stadio di casa del Balmain), Il Campbelltown Stadium (lo stadio di casa del Western Suburbs) e ANZ Stadium dal 2014, che adesso è il loro stadio principale. La squadra è allenata da Ivan Cleary e il suo manager generale è Kelly Egan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Background[modifica | modifica wikitesto]

In Australia, il rugby a 13 ebbe inizio nel 1908; la New South Wales Rugby League (NSWRL) ebbe nove squadre da Sydney. Due di esse avevano base a Balmain and the Western Suburbs che sembrò che si incontrassero l'una contro l'altra nella prima giornata della stagione 1908. Il Balmain vinse per 24 a 0. Il club di Balmain, che poi adottò come simbolo una tigre, nel loro periodo nella NSWRL vinse undici premiership in venti grand final e fu una delle forze nel campionato NSWRL. Tuttavia, il loro ultimo successo in premiership fu nel 1969 e negli anni 90 molti club vennero stabiliti e ci fu una pressione sui club per dare il loro meglio in modo da sopravvivere nel campionato d'élite australiano. I Wests Tigers ebbero il nome dai sobborghi in cui si è stabilita la squadra e dal loro simbolo, la tigre.

Il Western Suburbs vinse quattro premiership in dodici grand final nel periodo del campionato NSWRL. I Western Suburbs Magpies, così come i Balmain Tigers, ebbero un deludente tasso di vittorie negli anni 90, e nuovamente ci fu una pressione sui club fondatori per dare il loro meglio. Il campionato della NSWRL fu rimpiazzato dal campionato dell'Australian Rugby League (ARL) nel 1995 dovuto all'espansione del rugby a 13 in Australia.[1]

Con l'ascesa di un campionato rivale creato dai media, la pressione sui club era quella per sopravvivere e preservare il loro effimero futuro. Sia i Magpies sia i Tigers firmarono con l'ARL, mentre otto squadre che giocarono la stagione 1995 del campionato dell'ARL firmarono con il campionato rivale Super League per la stagione 1997. Nel 1998, l'ARL e la Super League si unificarono nel campionato della National Rugby League (NRL).[1] Come parte dell'accordo con l'ARL e la Super League, il campionato NRL sarebbe ridotto da ventidue - lo stesso numero in entrambi i campionati nel 1997 - a dodici squadre. Con l'aggiunta di una squadra nel 1998, questo volle dire che nove squadre sarebbero espulse dal campionato prima della stagione 2000.[1]

Fondazione[modifica | modifica wikitesto]

Con la NRL offrendo un'entrata garantita nella stagione 2000 e un fondo di A$ 6 milioni per le squadre coinvolte in fusioni, molte squadre che lottavano per competere negoziarono per fondersi Il Balmain raccolse degli interessi per fondersi con i Parramatta Eels e i Gold Coast Chargers mentre il Western Suburbs ebbe un colloquio con i Canterbury Bulldogs e i Penrith Panthers. Il Balmain e i Western Suburbs capirono che queste offerte erano più delle fusioni per assorbimento che delle fusioni. Dal luglio 1999, i consigli dei due club votarono unanimemente per formare una partnership joint venture l'una con l'altra per creare un'entità competitiva.[1]

Cento azioni vennero date al Balmain Tigers Rugby League Football Club e altre 100 vennero date al Western Suburbs Rugby League Football Group Pty Limited come una joint venture di proprietà bipartita. Dovuto alla stagione deludente da record del Western Suburbs nel 1999, essi fornirono appena sei dei loro ventidue giocatori alla nuova joint venture. Un consiglio dei direttori fu nominato con cinque dirigenti dal Balmain e cinque dal Western Suburbs, con un presidente nominato a rotazione con il mandato di un anno. Le nomine del presidente e dell'amministratore delegato per la prima stagione erano dal Western Suburbs.[1]

Stagioni[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni 2000-2002[modifica | modifica wikitesto]

Il coach del Balmain Wayne Pearce fu l'allenatore iniziale dei Wests Tigers e la nuova recluta Jarrod McCracken fu nominato come capitano. All'inizio della prima giornata, ai Tigers venne controversamente[senza fonte] negato un posto nel testa a testa allo Stadium Australia. Il match di esordio per la squadra quindi fu giocato a Campbelltown, contro gli allora campioni, i Brisbane Broncos, in cui dopo il vantaggio di 18–6 la squadra ottenne un pareggio di 24 dopo essere rimasta dietro tardamente nel match. John Skandalis segnò la prima meta nella storia dei Tigers.

I Tigers sorpresero molti spettatori mantenendo un alto posto in classifica per tutto l'anno (spesso al secondo posto). Sconfitte contro i Penrith Panthers (dopo essere in vantaggio di 31–8) e sulla neve contro i Canberra Raiders unite agli infortuni ai giocatori importanti videro i Tigers cadere fuori dai primi otto.[2] La perdita del capitano Jarrod McCracken per un placcaggio a ribaltamento contro il Melbourne fu un colpo crociale.[3]

Un momento saliente della loro prima stagione fu in cui Joel Caine del Wests vinse il posto di maggior segnatore di punti nella stagione 2000 della NRL.

Il 2001 fu un anno amaro per la squadra joint-venture, inclusi degli incidenti fuori capo. Dopo che Wayne Pearce annunciò che non allenerebbe più il club, Terry Lamb venne nominato per prendere il suo posto. Questa fu una scelta controversa per l'animosità dei tifosi del Balmain verso Lamb dovuto a un episodio in cui venne coinvolto Ellery Hanley nella Grand Final del 1988, in cui quest'ultimo venne placcato da Lamb, per poi finire incosciente.

A inizio stagione, i giocatori chiave Craig Field e Kevin McGuinness vennero dichiarati positivi a delle sostanze proibite e vennero squalificati per un lungo tempo.[4] Field era il mediano di mischia e playmaker, mentre McGuinness era un prolifico segnatore di mete per il club.

Più tardi nella stagione, un altro giocatore di grande nome venne sospeso: John Hopoate acquisì notorietà mondiale quando quest'ultimo venne sospeso per aver inserito il suo dito negli ani (spingendo i calzoncini dei giocatori) di tre giocatori avversari.[4] Hopoate lasciò il club e ricevette una lunga sospensione. Lamb venne criticato per sembrare aver perdonato il gesto[5].

Durante la stagione il club annunciò che il contratto di Terry Lamb non sarebbe rinnovato.[2] La squadra lottò quasi al fondo alla classifica e solo una grande vittoria contro i Souths impedì loro di ottenere una posizione da cucchiaio di legno.

Il lavoro di allenatore per il 2003 venne offerto a (e rifiutato da) Craig Bellamy e Ian Millward prima che Tim Sheens venne nominato. La scelta non venne vista come una mossa positiva in nessuna maniera dai media in quanto l'ultima prestazione come coach di Sheens lo vide licenziato dai North Queensland Cowboys.[senza fonte]

Allenatore: Tim Sheens 2003 - 2012[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2003 fu notevole per l'ascesa di nuovi giovani giocatori nella squadra mentre il club si allontanò dal periodo di ingaggi di grande nome e grandi fondi e si concentrò sullo sviluppo di talento giovanile. Più notevolmente Benji Marshall, che allora era uno studente prodigio senza alcuna esperienza nel campionato maggiore, fece il suo esordio contro i Newcastle Knights.

I Tigers migliorarono molto nel 2004 grazie agli ingaggi di giocatori come Brett Hodgson e Pat Richards che incominciarono a integrarsi con i giocatori più giovani emergenti come talenti. I Tigers persero a stento i play-off dopo aver perso i loro ultimi tre incontri quando una sola vittoria avrebbe garantito per la prima volta l'accesso alle fasi finali per la prima volta.

Successo in premiership[modifica | modifica wikitesto]

Il 2005 fu per i Wests Tigers la miglior stagione, in quanto non solo raggiunsero per la prima volta le fasi finali, ma anche raggiunsero i primi quattro posti nella fase a gironi del campionato, stabilendo dei record di pubblico in casa nei tre diversi stadi: Campbelltown Stadium (20,527), Telstra Stadium (29,542) e Leichhardt Oval (22,877).

Dopo un lento inizio, i bookmaker classificarono i Tigers con una possibilità di vincere la premiership per 150–1.[2] Tuttavia, il club emerse dalla metà bassa della classifica per vincere una scia da record di otto partite di fila prima di finire al quarto posto. La squadra sviluppò una squadra di'attacco fiammante che giocava a un rapido ritmo per compensare una mancanza di una linea degli avanti.

I Tigers la loro prima finale da club joint venture al Telstra Stadium contro i North Queensland Cowboys. Sostenuti da appassionati itfosi, la squadra vinse per 50–6. Poi essi vinsero contro i Brisbane Broncos di 34–6 e contro i favoriti in campionato St George Illawarra Dragons di 20–12 per un posto in finale contro i Cowboys.

Basandosi sulla loro forma vincente (essi ebbero vinto 11 sulle ultime 13 partite) e la loro grande vittoria contro i Cowboys nel match di apertura delle fasi finali, i Wests Tigers erano dati come favoriti per vincere la grand final del 2005. Dopo un lento inizio, Bryce Gibbs e Pat Richards segnarono delle mete per dare ai Tigers un vantaggio di 12–6. La meta di Richards venne classificata come la seconda miglior meta di tutti i tempi dal sondaggio NRL's Centenary of Rugby League 100 Hot Tries.[6] La meta incominciò con il mediano di mischia Benji Marshall, che ricevette il passaggio da Brett Hodgson (dopo averlo ricevuto da un calcio per il campo) a 98 metri dalla linea di meta avversaria. Egli superò il mediano d'apertura dei Cowboys Johnathan Thurston e Matt Sing. Marshall poi corse 60 metri, solo per poi essere intercettato dall'estremo dei Cowboys Matt Bowen. Egli fece un passaggio da dietro per Pat Richards, che poi respinse Rod Jensen per segnare.

Nel secondo tempo i Tigers ebbero il controllo grazie alle mete di Anthony Laffranchi e Daniel Fitzhenry. Dopo aver resistito a un contrattacco dei Cowboys, una meta a fine partita di Todd Payten stabilì una vittoria di 30–16. Il capitano Scott Prince venne premiato con la Clive Churchill Medal nel 2005.

La vittoria in premiership significò che il club si unì a un gruppo esclusivo che vinse la premiership nella loro prima apparizione nelle fasi finali, obiettivo che nessuna squadra raggiunse da quasi 100 anni. Il gruppo include anche il Souths nel 1908 e il Newtown nel 1910.

Alla fine della stagione 2005, il Wests anche firmò con la ditta automobilistica malese Proton per un contratto come sponsor principale con il valore stimato di più di $1 milione.[7]

Fallimento dopo la Grand Final[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla vittoria in premiership molti giocatori importanti lasciarono la squadra. Dalla squadra vincitrice della grand final, Mark O'Neill, e Pat Richards firmarono con dei club inglesi, rispettivamente Leeds Rhinos e Wigan Warriors. Nuovi ingaggi inclusero Jamaal Lolesi (Bulldogs), Keith Galloway (Cronulla Sharks) e Ryan O'Hara (Canberra Raiders).

Come campioni in carica, i Wests Tigers incominciarono la stagione viaggiando in Inghilterra per giocare contro i campioni della Super League, i Bradford Bulls. Orfani di alcuni del loro fuoriclasse, i Tigers tentarono ma vennero finalmente battuti per 10–30. Dopo una vittoria contro i pesi massimi del campionato, il St George-Illawarra, la squadra lottò con gli infortuni dei giocatori chiave. Notevoli furono Benji Marshall e Brett Hodgson che furono assenti per lunghi periodi della stagione. La squadra subì un numero di sconfitte nei match e anche due match sui tempi supplementari in circostanze controverse.

I Wests Tigers vennero eliminati a stento dalla fase finale e non ebbero la possibilità di difendere il titolo. Un momento saliente della stagione fu il debutto di alcuni giocatori tra cui Chris Lawrence e l'emergere di giocatori come Dean Collis. Brett Hodgson giocò per la rappresentativa del Nuovo Galles del Sud in tutti i tre incontri del campionato interstatale State of Origin. Un altro momento saliente fu una vittoria sorprendente contro gli allora campioni Brisbane Broncos al Suncorp Stadium in cui una squadra dei Tigers di seconda corda senza Hodgson, Marshall, Whatuira e Gibbs vinsero contro i più esperti Broncos per 20–6.

A unirsi alla squadra per la stagione 2007 fu John Morris (ex giocatore dei Parramatta Eels) per rimpiazzare Scott Prince che firmò con i Gold Coast Titans. Altri giocatori a lasciare alla fine della stagione 2006 furono John Skandalis, Anthony Laffranchi e Shane Elford – tutti membri della squadra della grand final del 2005.

I Wests Tigers ebbero un cattivo inizio stagione perdendo i loro primi quattro incontri da margini stretti. Essi poi ebbero una scia di sei vittorie per avanzare verso i primi quattro in classifica. Il mediano d'apertura dei Tigers Benji Marshall e l'estremo Brett Hodgson per la maggior parte della stagione erano assenti dovuto a degli infortuni.

I Wests Tigers finirono il loro tentativo per ottenere un posto in finale e finirono la stagione con una sconfitta contro i Newcastle Knights, con il risultato di 26–24, al Telstra Stadium.

Le due stagioni successive finirono allo stesso modo con i Tigers fuori dalla fase finale nel 2008 e nel 2009 finendo decimo e nono.

Il febbraio 2008, i Wests Tigers annunciarono l'estensione di un anno del contratto di Benji Marshall fino alla fine del 2009. Inoltre, la squadra annunciò l'ingaggio di Gareth Ellis, il seconda linea dei Leeds Rhinos e giocatore internazionale per un contratto di tre anni incominciando dal 2009.[8]

Ritorno alla fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2010, i Wests Tigers annunciarono l'ingaggio dell'ex stella del rugby a 15 Lote Tuqiri per tre anni,[9] e l'ingaggio di Benji Marshall come per un ulteriore contratto di cinque anni.[10]

Nel 2010 il club finì terzo nel campionato della minor premiership, mancando a stento a un posto per la finale dopo aver perso contro gli allora campioni, i St. George Illawarra Dragons di un punto nella finale preliminare.

Il 2011 fu un'altra stagione di successo con i Tigers finendo al quarto posto e raggiungendo la semifinale di nuovo, dove vennero sconfitti più avanti grazie a una meta New Zealand Warriors.

Perdita di forma[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante fossero sostenuti come favoriti per il campionato a inizio stagione, i Tigers non riuscirono a qualificarsi per la fase finale nella stagione 2012, finendo decimi.[senza fonte] Il 25 settembre 2012, in una conferenza stampa, il presidente Stephen Humphreys and e il direttore Dave Trodden annunciarono che Tim Sheens non sarebbe l'allenatore nel 2013 in una ristrutturazione della squadra. Questa notizia arrivò una settimana dopo la cessione dei giocatori da lungo tempo come Beau Ryan e Chris Heightinton ai Cronulla-Sutherland Sharks per la stagione 2013, e una cattiva stagione 2012 in campo. Heighington ebbe un anno lasciato sul suo contratto mentre un affare di stretta di mano con Ryan venne fatto a febbraio.

Coach Mick Potter 2013 - 2014[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la stagione 2012, a Mick Potter venne affidato il ruolo di allenatore per due anni per aiutare a ricostruire la squadra. Il successo era difficile da raggiungere con i Tigers fuori dalla fase finale nelle stagioni 2013 e 2014 finendo quindicesimi e tredicesimi rispettivamente. Durante questo periodo, Benji Marshall lasciò la squadra alla fine della stagione 2013 per giocare al rugby a 15 (per poi tornare a giocare per i Dragons).

Il giugno 2013, Wests Campbelltown vendette le sue azioni nella joint venture a Wests Ashfield Leagues e uscì dalla joint venture. Si vociferava che Wests Campbelltown possedesse meno del 20% delle 100 azioni del Western Suburbs.[senza fonte] Questa vendità lascio il Balmain Leagues Club e il Wests Ashfield Leagues club con 100 azioni ciascuno.

Il contratto dell'allenatore Mick Potter non fu rinnovato alla fine del 2014. Egli finì il suo periodo nel club con un record di 17 vittorie e 31 sconfitte. Con il contratto dell'allenatore Potter non rinnovato, il presidente dei Wests Tigers CEO, Grant Mayer nominò Jason Taylor il 29 settembre 2014 per la stagione 2015.

Ristrutturazione fuori campo - 2014[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 settembre del 2014, con i problemi finanziari correnti al Balmain Leagues Club (che in questo punto era in default con i pagamenti ai Wests Tigers) un nuovo accordo di azionisti venne piazzato sotto la supervisione della NRL. Un nuovo consiglio di sette persone venne nominato con due dei Balmain Tigers, due del Wests Leagues e tre indipendenti. Un nuovo accordo NRL fu rilasciato insieme con una nuova costituzione dei Wests Tigers che venne redatta. Mike Bailey continuò come presidente del consiglio dei Wests Tigers.

Il 25 settembre 2014, con i Balmain Tigers passando al finanziamento di default ai Wests Tigers, i nominati per il consiglio da Balmain vennero ritirati e con l'appoggio e il sostegno della NRL un nuovo e ridotto consiglio dei dirigenti formato da cinque persone venne nominato, con l'indipendente Marina Go annunciata come direttrice del consiglio.

Dal 25 settembre 2014, Il consiglio dei dirigenti dei Wests Tigers venne costituito dai seguenti:

Marina Go - Direttore (Nomina indipendente della NRL) Tony Andreacchio (Membro del consiglio di Wests Ashfield Leagues) Simon Cook (Amministratore delegato di Wests Ashfield Leagues) Lucio Bartololeo (Nomina indipendente della NRL) Rosemary Sinclair (Nomina indipendente della NRL)

Il Balmain Leagues Club non ebbe direttori nominati dovuto allo spostamento del club in finanziamento di default, e vennero nominati come "azionisti non-finanziari". Balmain era in debito con la NRL per una somma di quasi AU$5 milioni, che doveva essere ripagata il 16 marzo del 2016. All'epoca, fu annunciato che nel caso il Balmain Leagues Club non ripagasse il prestito, le azioni sarebbero "in default" e sarebbero messe in vendita. L'accordo fu fatto in modo che al Wests Ashfield Leagues Club fosse offerta la prima chiamata per comprare tutte le azioni, estinguere i debiti con la NRL e diventare il solo proprietario. Se il Wests Ashfield rifiutasse, le azioni potrebbero essere offerte in vendita generale.

Coach Jason Taylor 2015 - 2017[modifica | modifica wikitesto]

Jason Taylor incominciò la stagione con Robbie Farah come capitano. Il primo match della stagione incominciò contro i Gold Coast Titans. Una performance più che convincete diede ai Tigers una vittoria di un punto per un calcio piazzato tirato da Pat Richards. La stagione finì con i Wests Tigers al quindicesimo in classifica con 20 punti a pari merito con i Knights, con la differenza punti dei Tigers impedendoli di vincere il cucchiaio di legno.

La politica fuori campo continuò per tutto l'anno con questioni di proprietà che ancora dominano le prime pagine dei giornali per la squadra, con la NRL mantenendo il suo interesse finanziario nel club dato il cattivo stato degli affari al Balmain Leagues Club. Il club arrivò in prima pagina anche sulle voci riguardanti le divergenze di opinioni tra l'allenatore e il capitano su come la squadra dovrebbe giocare. Nell'agosto del 2015, la squadra fece un'affermazione sul suo sito web[11] annunciando che Farah venne concesso il permesso di parlare con altri club di rugby a 13 per la stagione 2016.

Il settembre del 2015 vide anche l'annuncio di un accordo di sponsorizzazione con l'agenzia di avvocati Brydens Lawyers.[12] L'accordo multimilionario fu il più grande nella storia del club e vide il logo della Brydens sul fronte e sulla manica delle maglie dei Wests Tigers.

La stagione 2016 incominciò Aaron Woods rimpiazzando Robbie Farah come capitano della squadra, e il club fece un inizio promettente nella stagione con vittorie in casa contro i New Zealand Warriors e i Manly Warringah Sea Eagles. Una catena di sconfitte inclusa una sconfitta di 60 a 6 contro i Canberra Raiders fece con che il club si sforzasse al fondo della classifica. Fuori campo, il dramma che circonda Robbie Farah continuò con delle speculazioni sul fatto che egli lascerebbe il club alla fine della stagione.

Dopo una sequenza di risultati misti, includendo due vittorie contro i rivali del South Sydney, ma una cattiva sconfitta contro il Newcastle lasciò i West Tigers al nono posto in classifica, un punto lontano dai primi 8 alla fine dell'intera stagione.

La fine della stagione vide anche la conclusione della saga di Robbie Farah, con quest'ultimo firmando un contratto di due anni con i South Sydney Rabbitohs.[13] Robbie left the club having played 247 games and scoring 61 tries.

Prima, nella stagione 2017, dopo un paio di pesanti sconfitte contro i Penrith Panthers e i Canberra Raiders, Taylor venne dimesso dal suo incarico di allenatore.[14]

Il viceallenatore Andrew Webster venne nominato come allenatore ad interim mentre il presidente e il Consiglio reclutarono un nuovo rimpiazzo a tempo pieno.

Ristrutturazione fuori campo e Nuova Gestione - 2016[modifica | modifica wikitesto]

Il 2016 ebbe anche il suo momento spartiacque quando la questione sulla proprietà della squadra fu finalmente risolta. Il 5 maggio del 2016 il club rilasciò un'affermazione che annunciava la ristrutturazione del club[15]

In un accordo da $8.5 milioni, il Wests Ashfield Leagues Club assunse la maggioranza della proprietà della franchigia di rugby a 13. Da come si può leggere dall'affermazione alla stampa "La struttura della proprietà vede il Wests avere il 75% della proprietà e il Balmain mantenere il 25% e il Consiglio espanso a nove dirigenti". Il Wests Ashfield Leagues Club (e per associazione, i Wests Magpies) estinse tutti i debiti con la NRL dal Wests Tigers Football club. Il Balmain Tigers Leagues Club ebbero un eccezionale prestito ed un debito con la NRL in un accordo finanziario. Il Wests Ashfield Leagues Club è un garante di questo prestito. Bisogna notare che questo prestito non è assicurato contro il Wests Tigers Football Club.

Il nuovo consiglio ha cinque membri nominati dal Wests Ashfield, due dal Balmain insieme a due independenti.

Coach Ivan Cleary 2017 - 2020[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una settimana di boati nella stampa, venne annunciato che Ivan Cleary accettò il ruolo di allenatore fino alla fine della stagione 2020[16] con effetto immediato, in una conferenza stampa tenutasi al Wests Ashfield Leagues Club. Il 2017 fu un cattivo anno per i Wests Tigers in campo con la squadra della NRL finendo al quattordicesimo posto, La squadra dell'Under 20's Holden Cup finendo penultima e la squadra della NSW Cup vincendo il cucchiaio di legno.[17][18][19]

Gestione, consiglio e proprietà aziendale[modifica | modifica wikitesto]

Leagues clubs[modifica | modifica wikitesto]

I Wests Tigers sono gestiti da due club, uno nei sobborghi occidentali di Sydney (Ashfield) e uno nell'Inner West operando due club più piccoli nell'area di Balmain (Five Dock e Sydney Markets a Flemington).

Wests Ashfield Leagues Club[modifica | modifica wikitesto]

Il Wests Ashfield Leagues (nome ufficiale: Western Suburbs Leagues Club Ltd) è ubicato a Liverpool Road, Ashfield. Il club è il donatore finanziario principale alla franchigia di rugby a 13 dei Wests Tigers fuori dal sussidio provvisto dalla NRL. Nell'anno finanziario 2014/2015 fu l'unico Leagues Club che sussidiò direttamente la franchigia di rugby a 13 dei Wests Tigers.

Wests Magpies Pty Ltd gestisce 75% delle azioni nel Wests Tigers football club. Wests Magpies Pty Ltd è una filiale completamente gestita dal Western Suburbs Leagues Club Limited[20]

Balmain Leagues Club[modifica | modifica wikitesto]

Il Balmain Leagues Club fu costruito nel 1957. Il sito era ubicato nell'angolo di Victoria Road e Darling Street, Rozelle. Il club era il luogo per una festa di celebrazione dopo che i Wests Tigers vinsero la NRL Premiership nel 2005.

Il Leagues Club chiuse le porte nel 28 marzo del 2010, con il sito dell'antico club adesso vacante dopo aver ricevuto un avviso di lasciare il sito per far luogo allo sviluppo del proposto Rozelle Village in progresso. Il club si trasferì a due siti di club minori - TIGERS Five Dock e TIGERS Sydney Market. Dal febbraio 2018 gli edifici a Victoria Road sono ancora vuoti mentre lo sviluppo è in attesa.

I Balmain Tigers hanno il 25% delle azioni nel Wests Tigers football club

Antichi Leagues Club[modifica | modifica wikitesto]

Wests Leagues[modifica | modifica wikitesto]

Il Wests Leagues Club è ubicato a Leumeah, vicino al Campbelltown Stadium, uno degli stadi di casa dei Wests Tigers. Il club venne inaugurato nell'agosto del 1974 ed era noto come Campbelltown City Leagues Club. Esso venne rinominato a Western Suburbs Leagues Club (Campbelltown) LTD nel 1987. Il Wests Leagues non è più rappresentato nel consiglio o attraverso dei contributi finanziari ai Wests Tigers, avendo venduto le sue azioni al Wests Ashfield Leagues nel settembre del 2014.

Consiglio dei direttori[modifica | modifica wikitesto]

Dal 24 aprile 2018, il Consiglio dei direttori dei Wests Tigers consiste dei seguenti membri:

  • Marina Go - Presidente del Consiglio dei direttori (Indipendente)
  • Darren Perry (Indipendente)
  • Simon Cook (Amministratore delegato del Wests Ashfield Leagues Club)
  • Denny Burgess (Dirigente del consiglio del Wests Ashfield Leagues Club)
  • Tony Andreacchio (Dirigente del consiglio del Wests Ashfield Leagues Club)
  • Michael Liubinskas (Dirigente del consiglioWests Ashfield Leagues Club)
  • Rick Wayde (Dirigente del consiglio Wests Ashfield Leagues Club)
  • Danny Stapleton (Dirigente del consiglio Wests Ashfield Leagues Club)
  • James Myatt (Dirigente del consiglio Wests Ashfield Leagues Club)

Tutti i membri del consiglio hanno un solo voto ciascuno.

Struttura della gestione[modifica | modifica wikitesto]

Il Wests Ashfield Leagues Club gestisce 75% delle azioni della franchigia di rugby a 13, con il Balmain Leagues Club avente gestione del 25% rimanente

Tutti i debiti con la NRL dalla squadra vennero estinti e la struttura attuale conclude il coinvolgimento della NRL.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

La joint venture attira tifosi dalle basi storiche del Balmain e del Western Suburbs. Siccome essi sono una joint venture, la struttura basica delle vecchie squadre rimane al suo posto includendo i rispettivi club. Il Balmain non possiede più un Leagues Club. I Western Suburbs Magpies hanno due leagues clubs, una rappresentando la loro base all'interno della città, ad Ashfield, e l'altra stabilita quando la squadra si trasferì nell'esterno ovest negli anni 80 a Campbelltown.

I Wests Tigers non hanno un singolo stadio di casa ma giocano in un numero di campi ogni anno. Gli incontri casalinghi sono divisi tra i match tradizionali ai vecchi stadi di casa del Balmain e del Western Suburbs e gli incontri finanziari giocati negli stadi che offrono degli incentivi di gioco.

I match casalinghi tradizionali sono giocati al Campbelltown Sports Stadium e al Leichhardt Oval, i vecchi stadi di casa dei Wests e del Balmain rispettivamente. Gli stadi sono separati da 50 km e attragono diverse basi di tifosi. I match castalinghi di tendone vennero giocati precedentemente all'ANZ Stadium, il vecchio Stadio Olimpico usato per i Giochi Olimpici di Sydney del 2000. Ai Tigers costa Tigers $70,000 giocare una partita al Leichhardt Oval, mentre essi sono pagati più di $100,000 per incontro per portare le partite all'ANZ Stadium.[21]

Dal 2004 fino al 2006, un "match casalingo" fu giocato al AMI Stadium contro i New Zealand Warriors diAuckland. Quest'accordo non fu rinnovato per il 2007 e in quell'anno un match venne giocato al Bluetongue Stadium a Gosford contro il Melbourne Storm. Nel 2008, un match casalingo fu giocato al Sydney Cricket Ground come parte delle celebrazioni del Centenario del Rugby a 13, e anche una partita giocata al Sydney Football Stadium. Nel 2018, un match in casa fu giocato al Mount Smart Stadium ad Auckland come parte del match in casa e trasferta come stadio.

Alla fine del 2008, l'amministratore delegato Scott Longmuir annunciò che i Wests Tigers si sarebbero spostati dall'ANZ Stadium a Homebush al Sydney Football Stadium a Moore Park per la stagione 2009.[22]

Gli stadi usati dai Wests Tigers come stadi di casa:

Attuali:

Antichi:

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Il nome e il logo del club sono una combinazione dei due club soci. I colori della divisa sono una combinazione del bianco e nero della divisa dei Western Suburbs Magpies e il nero e arancione della divisa dei Balmain Tigers. Il logo unisce una tigre stilizzata che "salta fuori" dallo stemma con una "V" tradizionale dei Wests nello sfondo. Sulle maniche della maglia è anche presente una gazza (presa dal simbolo dei Western Suburbs Magpies).

Nel 2009, per celebrare il 10º anniversario della joint venture, una tenuta di gioco predominantemente bianca con una "V" arancione nel petto venne usata.[23]

Tifosi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni famosi tifosi della squadra includono Dawn Fraser,[24] Anthony Field,[25] Jimmy Barnes,[26] Harry Triguboff,[27] Michael Clarke,[28] Mark Schwarzer,[28] Julie Goodwin,[29] Daniel Geale,[30] Vic Darchinyan,[30] Russell Arnold,[30] Michael Clarke,[30] Jordan Thompson,[31] e l'ex governatore del Nuovo Galles del Sud Barry O'Farrell[32]

[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Altri sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Partner aziendali[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di stagione[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Pos Gio Vin. Par. Per. B F C +/- Pti Note Pubblico*
2000 10th 26 11 2 13 N/A 519 642 −123 24 Wests Tigers 2000 12,124
2001 12 26 9 1 16 N/A 474 746 −272 19 Wests Tigers 2001 9,294
2002 13th 24 7 0 17 2 498 642 −144 18 Wests Tigers 2002 10,478
2003 13 24 7 0 17 2 470 598 −128 18 Wests Tigers 2003 11,995
2004 9 24 10 0 14 2 509 534 −25 24 Wests Tigers 2004 16,597
2005 4 24 14 0 10 2 676 575 101 32 Campioni
Wests Tigers 2005
19,379
2006 11 24 10 0 14 2 490 565 −75 24 Wests Tigers 2006 19,266
2007 9 24 11 0 13 1 541 561 −20 24 Wests Tigers 2007 16,961
2008 10 24 11 0 13 2 528 560 −32 26 Wests Tigers 2008 16,452
2009 9 24 12 0 12 2 558 483 75 28 Wests Tigers 2009 17,943
2010 3 24 15 0 9 2 537 503 34 34 Wests Tigers 2010 18,086
2011 4 24 15 0 9 2 519 430 89 34 Wests Tigers 2011 17,852
2012 10 24 11 0 13 2 506 551 −45 26 Wests Tigers 2012 16,227
2013 15 24 7 0 17 2 386 687 −301 18 Wests Tigers 2013 11,452
2014 13 24 10 0 14 2 420 631 -211 24 Wests Tigers 2014 13,104
2015 15 24 8 0 16 2 487 562 -75 20 Wests Tigers 2015 11,709
2016 9 24 11 0 13 2 499 607 -108 26 Wests Tigers 2016 15,390
2017 14 24 7 0 17 2 413 571 -158 18 Wests Tigers 2017 13,551

* Media pubblico in casa

Squadra 2018[modifica | modifica wikitesto]

2018 Ingaggi/Trasferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ingaggiati

Ceduti

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatori rappresentativi[modifica | modifica wikitesto]

Record e statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Robbie Farah detiene il record di più presenze per i Wests Tigers con 247. Avendo giocato ogni incontro delle stagioni 2008, 2009, 2010 e 2011.[33]

I giocatori che segnarono più punti per il club furono giocatori che ebbero svolto il dovere di effettuare i calci piazzati per un periodo. Benji Marshall segnò il maggior numero di punti per il club (1131), seguito da Brett Hodgson (786), e Joel Caine (526).[33] Nel 2005, Hodgson segnò un record di 308 punti durante la stagione, il maggior numero di punti mai segnato da un estremo in una stagione. Nelle semifinali del 2005, egli segnò anche 30 punti in un match contro i North Queensland Cowboys.[33]

Benji Marshall (ancora in attività) segnò più mete per i Wests Tigers, con il totale di 79. Taniela Tuiaki segnò un record per il club di 21 mete durante la stagione 2009.[34]

"Squadra del Secolo" dei Wests Tigers[modifica | modifica wikitesto]

La Squadra del Secolo dei Wests Tigers fu annunciata nel 2004, incorporando i migliori giocatori del Balmain e dei Western Suburbs. Nove giocatori del Balmain e otto dei Western Suburbs costituiscono i 17 membri della squadra.[35]

Capitani e allenatori[modifica | modifica wikitesto]

I Wests Tigers ebbero sei giocatori nominati capitani (a un punto due di essi come vicecapitani) e un totale di 15 capitani della prima squadra nella loro storia. La squadra è stata sotto la guida di quattro allenatori sin dalla sua fondazione.

Un * indica che l'individuo è ancora coinvolto con la squadra.

Tutte le statistiche sono aggiornate al 3 maggio 2015.

Capitani[modifica | modifica wikitesto]

Capitani in prima squadra[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Wayne Pearce: 26 Match; 11 Vittorie, 13 Sconfitte, 2 Pareggi; 42.3% Percentuale di vittorie (2000)
  • Terry Lamb: 50 Match; 16 Vittorie, 33 Sconfitte, 1 Pareggio; 32% Percentuale di vittorie (2001–2002)
  • Tim Sheens: 249 Match; 122 Vittorie, 127 Sconfitte; 49% Percentuale di vittorie (2003–2012)
  • Mick Potter: 48 Match; 17 Vittorie, 31 Sconfitte; 35% Percentuale di vittorie (2013–2014)
  • Jason Taylor: 51 Match; 20 Vittorie, 31 Sconfitte; 39% Percentuale di vittorie (2015–2017)
  • Andrew Webster (Ad interim): 2 Match; 2 Sconfitte, 0% Percentuale di vittorie (2017)
  • Ivan Cleary: 29 Match; 12 Vittorie, 17 Sconfitte 41% Percentuale di vittorie (2017-)

Palmares[modifica | modifica wikitesto]

2005
2004
2011
2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Whiticker, Alan & Collis, Ian, The History of Rugby League Clubs, New Holland Publishers (Australia) Pty Ltd, 2004, ISBN 1-74110-075-5.
  2. ^ a b c Sean Fagan, Wests Tigers, http://www.rl1908.com. URL consultato il 29 dicembre 2009.
  3. ^ Steve Mascord, McCracken's future at stake after tackle, in The Sydney Morning Herald (Australia), Fairfax, 21 giugno 2000, p. 48. URL consultato il 6 maggio 2010.
  4. ^ a b Peter Corrigan, Refrains and strains of Wincing Matilda (London), The Independent, 8 aprile 2001. URL consultato il 29 dicembre 2009.
  5. ^ (EN) 'Fingering' rugby player rapped, in News24. URL consultato il 15 maggio 2018.
  6. ^ Copia archiviata, su centenaryofrugbyleague.com.au. URL consultato il 18 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2012).
  7. ^ Margot Saville, Balmain club not out of woods yet, in The Sydney Morning Herald (Australia), Fairfax Media, 10 ottobre 2005. URL consultato il 10 agosto 2010.
  8. ^ Marshall extends his contract, Fox Sports News (Australia), 8 febbraio 2008. URL consultato l'8 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2007).
  9. ^ Brad Walter, Tigers confirm Tuqiri signing, in The Sydney Morning Herald, 4 febbraio 2010.
  10. ^ Steve Jancetic, Benji Marshall set to commit to Tigers, in The Sydney Morning Herald, 24 febbraio 2010. URL consultato il 16 marzo 2010.
  11. ^ Wests Tigers statement on Captain Robbie Farah - Wests Tigers
  12. ^ http://sportsbusinessinsider.com.au/news/wests-tigers-sign-record-sponsorship-deal-with-brydens-lawyers/
  13. ^ http://www.foxsports.com.au/nrl/nrl-premiership/hooker-cameron-mcinnes-quits-rabbitohs-for-twoyear-dragons-deal/news-story/5e572dbc67c1bb58f273fa40bbe32cd0
  14. ^ {{cite web|url=http://www.weststigers.com.au/news/2017/03/20/wests_tigers_stateme.html
  15. ^ http://www.go1.weststigers.com.au/news/2016/05/27/wests_tigers_ownersh.html
  16. ^ http://www.weststigers.com.au/news/2017/04/03/wests_tigers_announc.html
  17. ^ http://www.nswrl.com.au/news/2017/08/29/season_review_wests__2137328639.html
  18. ^ https://www.nrl.com/draw/holdencup/ladder/tabid/10718/default.aspx
  19. ^ http://www.news.com.au/sport/nrl/nrl-sunday-live-coverage-of-todays-games/news-story/8b43006543cb3efa5b526bca15c16611
  20. ^ Wests Ashfield Leagues Club Annual Report 2016 (PDF), su westsashfield.com.au.
  21. ^ Wests Tigers want more flexibility around Leichhardt Oval games, The Sydney Morning Herald. URL consultato il 19 aprile 2015.
  22. ^ Wests Tigers Announce 2009 Season, The Sydney Cricket & Sports Ground Trust. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  23. ^ Tigers kick-off 10th season, The Liverpool City Champion, 18 febbraio 2009. URL consultato il 26 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2009).
  24. ^ Heavy police presence planned for Bulldogs NRL game, ABC Online, 23 marzo 2006. URL consultato il 26 novembre 2009.
  25. ^ Blue Wiggle Anthony: Meet my beautiful baby boy, Woman's Day. URL consultato il 27 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2010).
  26. ^ BARNSEY LOVES HIS WESTS TIGERS, weststigers.com.au. URL consultato il 27 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2011).
  27. ^ "Balls and whistles" 6 December 2005 The Sydney Morning Herald
  28. ^ a b Wayne Cousins, 'TIGER' GEALE THE REAL DEAL, weststigers.com.au. URL consultato il 28 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2011).
  29. ^ Celebrity chef Julie Goodwin renews her 2013 Membership, in weststigers.com.au, 14 novembre 2012. URL consultato il 14 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2012).
  30. ^ a b c d Daniel Lane, Rock legend Jimmy Barnes offers embattled Wests Tigers skipper Robbie Farah his support, in Canberra Times, 27 settembre 2015. URL consultato il 7 settembre 2015.
  31. ^ Jordan Thompson, in www.atpworldtour.com. URL consultato il 7 settembre 2014.
  32. ^ Kelly Robinson, Barry O'Farrell laments he will never become a Bear again, The Mosman Daily, 5 marzo 2011. URL consultato il 13 giugno 2011.
  33. ^ a b c Wests Tigers Records, weststigers.com.au. URL consultato il 27 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2010).
  34. ^ Jacquelin Magnay, Tuiaki show rolls on with hat-trick, and he has more tricks in the tank, Fairfax Digital, 17 agosto 2009. URL consultato il 27 dicembre 2009.
  35. ^ Wests Tigers Team of the Century, Wests Magpies Archive. URL consultato il 18 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2008).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]