Walter Moers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Walter Moers (Mönchengladbach, 24 maggio 1957) è uno scrittore, sceneggiatore e fumettista tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Moers acquistò una prima notorietà in Germania con il fumetto Adolf. Il successo internazionale venne con i romanzi fantasy della serie di Zamonia.

Oltre ai romanzi di Zamonia, Moers ha scritto Folle viaggio nella notte (2005), biografia immaginaria del pittore Gustave Doré, illustratore del libro[non chiaro] (in tutte le altre opere, le illustrazioni erano dello stesso Moers) il primo libro è stato Le 13 vite e mezzo del capitano Orso Blu che ha riscosso molto successo, seguito da Ensel e Krete, Rumo e i prodigi nell'oscurità, La città dei libri sognanti e L'accalappiastreghe.

Il 5 ottobre 2011 è uscito in Germania il sesto libro del ciclo di Zamonia, Il labirinto dei libri sognanti (Das Labyrinth der Träumenden Bücher), pubblicato in Italia il 27 settembre 2012.

È molto geloso delle sue opere tanto che, con il pretesto della privacy, non rivela mai i periodi di lavorazione dei suoi libri.

Vive ad Amburgo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Die Klerikalen (1985)
  • Aha! (1985)
  • Hey! (1986)
  • Schweinewelt (1987)
  • Herzlichen Glückwunsch (congratulazioni) (1985)
  • Von ganzem Herzen (1989)
  • Kleines Arschloch (1990)
  • Schöne Geschichten (bellissime storie) (1991)
  • Das kleine Arschloch kehrt zurück (1991)
  • Es ist ein Arschloch, Maria (it's an asshole, Mary), (1992)
  • Der alte Sack, ein kleines Arschloch und andere Höhepunkte des Kapitalismus (1993)
  • Du bist ein Arschloch, mein Sohn (1995)
  • Sex und Gewalt (sesso e violenza), (1995)
  • Wenn der Pinguin zweimal klopft (Quando il Pinguino bussa Due volte) (1997)
  • Adolf (1998)
  • Feuchte Träume (1999)
  • Adolf, Teil 2 (Adolf, parte 2), (1999)
  • Schwulxx-Comix, (con Ralf König), (2000)

Serie di Zamonia[modifica | modifica wikitesto]

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN49466902 · LCCN: (ENnr99020590 · ISNI: (EN0000 0001 2132 2541 · GND: (DE121686876 · BNF: (FRcb145678043 (data)