Virginie Viard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Viard nel 2020

Virginie Viard (Lione, 1962) è una stilista e costumista francese, dal marzo 2019 direttrice artistica di Chanel.[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Virginie Viard è nata a Lione e ha vissuto la sua infanzia a Fixin. È la figlia del chirurgo Henri Viard e di Bernadette Viard. I suoi nonni erano produttori di seta. È la maggiore di 5 fratelli e la sorella del regista Arnaud Viard. Dopo il diploma di maturità, partì per un anno a Londra prima di tornare in Francia, a Lione, e prese lezioni di cucito al Cours Georges. Ha iniziato la sua carriera come assistente del costumista Dominique Borg, che all'epoca lavorava al film Camille Claudel. Lo ha poi accompagnato come costumista nei primi due film della trilogia Three Colors di Krzysztof Kieslowski, che l'ha portata a prendersi cura degli outfit di Juliette Binoche e Isabelle Adjani.

Nel 1987 è entrata a far parte di Chanel dove si è occupata del ricamo. Successivamente, nel 1992, ha seguito Karl Lagerfeld da Chloé prima di tornare nel 1997 a Chanel dove è diventata direttrice dello studio di fashion design nel 2000.

Descritta da Karl Lagerfeld come il suo "braccio destro e braccio sinistro allo stesso tempo", ha formato con il couturier un duo creativo per quasi 30 anni. Nell'ottobre 2018 ,è apparsa per la prima volta al fianco di Karl Lagerfeld al termine di una sfilata Chanel.

È stata nominata direttrice artistic della casa di alta moda Chanel nel 2019, in seguito alla morte di Lagerfeld6. A lungo soprannominata dal couturier, la successione è stata pianificata per molto tempo e si è rapidamente affermata, dopo i tanti anni trascorsi al suo fianco. Tuttavia, la discrezione di Virginie Viard lascia alcuni osservatori della moda dubbiosi sulla sua capacità di gestire, come ha fatto Karl Lagerfeld, il marketing o l'immagine del marchio.

Nel maggio dello stesso anno, ha presentato la sua prima sfilata al Grand Palais di Parigi come direttrice artistica di Chanel, il cui presidente ha insistito su una transizione "liscia". Attingendo alla storia della casa, Virginie Viard riprende alcuni codici di Coco come Karl, tra cui ballerine bicolori, viola, mussole in fiore.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Costumista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Dans l'intimité de Virginie Viard, directrice de studio chez Chanel, in grazia.fr, 27 aprile 2015.
  2. ^ (EN) Layla Ilchi, Everything to know about Chanel designer Virginia Viard, in Women's Wear Daily, 4 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN165838791 · GND (DE1222187345 · BNF (FRcb16259593r (data) · WorldCat Identities (ENviaf-165838791