Violet Pakenham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lady Violet Georgiana Pakenham (13 marzo 191212 gennaio 2002) è stata una scrittrice irlandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la terza figlia di Thomas Pakenham, V conte di Longford, e di sua moglie, Lady Mary Julia Child Villiers, figlia di Victor Child Villiers, VII conte di Jersey. Ha studiato presso la St Margaret's School, a Bushey[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Lei si era un memorialista e biografia. Il suo The Life of a Provincial Lady (1988), sulla vita di EM Delafield, ed è stata definita da un critico "una delle migliori biografie letterarie di uno scrittore inglese del ventesimo secolo"[2]. Coloro che conosceva bene la coppia ritiene che Lady Violet desse un contributo significativo per la ricchezza, la profondità e la lucentezza al lavoro del marito[2]. Scrisse una biografia sulla romanziera inglese Flora Annie Steel[3].

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 1 dicembre 1934, Anthony Powell, figlio del tenente colonnello Philip Powell. Ebbero due figli[1]:

  • Tristram Roger Dymoke Powell (25 aprile 1940), sposò Virginia Lucas, ebbero due figli;
  • John Marmion Anthony Powell (11 gennaio 1946);

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • The Album of Anthony Powell's Dance to the Music of Time
  • A Compton-Burnett Compendium
  • A Jane Austen Compendium: The Six Major Novels
  • The Constant Novelist: A Study of Margaret Kennedy, 1896–1967
  • Flora Annie Steel: Novelist of India
  • The Irish Cousins: The Books and Background of Somerville and Ross
  • The Life of a Provincial Lady: A Study of E.M. Delafield and Her Works
  • Margaret, Countess of Jersey: A Biography
  • A Substantial Ghost: The Literary Adventures of Maude ffoulkes
  • Five Out of Six: An Autobiography (a reference to her birth order amongst her siblings)
  • Within the Family Circle: An Autobiography
  • The Departure Platform: An Autobiography
  • A Stone in the Shade: Last Memoirs[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lady Violet Powell, 15 gennaio 2002. URL consultato il 15 settembre 2014.
  2. ^ a b Nicholas Birns, Understanding Anthony Powell (2004), p. 7
  3. ^ Frances M. Mannsaker, Flora Annie Steel, Novelist of India by Violet Powell, in Victorian Studies, vol. 26, nº 1, Autumn 1982, pp. 105–106, DOI:10.2307/3827506.
  4. ^ D.J. Taylor, A Stone in the Shade, by Violet Powell - review, Spectator, 10 agosto 2013. URL consultato il 15 settembre 2014.
Controllo di autorità VIAF: (EN92403305 · LCCN: (ENn50021823 · ISNI: (EN0000 0001 0924 9070 · BNF: (FRcb12465859f (data) · NLA: (EN35430993
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura