Vin Mariani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Vin Mariani
Vin mariani publicite156.jpg
Vin Mariani bottle 1894.png
Categoria bevande alcoliche
Marca
Ingredienti originale: foglie di coca, vino Bordeaux.

industriale: foglie di coca, vino Bordeaux, Cognac, zucchero.
nuova variante: foglie di coca, vino Vermentino, zucchero.

Sito vinmariani.fr

Il Vin Mariani è una bevanda a base di vino e foglie di coca. Nacque nel 1863 grazie al chimico francese Angelo Mariani, e la composizione originale erano foglie di coca del Perù lasciate a macerare nel vino Bordeaux rosso per dieci ore. Nel 1880 cominciò la produzione industriale della bevanda a Neuilly-sur-Seine con 60 g di foglie di coca peruviane lasciate a macerare per dieci ore prima nel Bordeaux e poi nel Cognac, a cui veniva aggiunto il 6% di zucchero nelle bottiglie da 50 cl. La bevanda venne commercializzata in tutto il mondo, ma a inizio '900 fu vietata in Italia e dal 1930 anche in Francia; nel 2017 un suo discendente ha prodotto ad Ajaccio una sua variante con foglie di coca boliviane lasciate a macerare per dieci ore nel vino Vermentino della Corsica. La coca, per essere venduta in Europa, è privata degli alcaloidi psicotropi (come l'aroma 7X della moderna Coca Cola)[1].

Il Vin Mariani ispirò nel 1886 John Stith Pemberton ad inventare una sua variante, la Coca Cola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1859, Paolo Mantegazza pubblicò negli Annali universali di medicina di Milano [2] lo studio Sulle virtù igieniche e medicinali della coca e sugli alimenti nervosi in generale, primo testo del genere[3], il cui successo in Italia e all'estero[4] fece da apripista alla commercializzazione di prodotti a base di cocaina.

Questo vino arricchito di cocaina fu particolarmente apprezzato dai papi Leone XIII,[5][6] Benedetto XV e Pio X, che ne furono così entusiasti che, in segno di approvazione ufficiale, lo insignirono di tre medaglie d'oro speciali.[7] Il ritratto di Leone XIII comparve quale "testimone d'alto rango" su alcuni manifesti ed inserzioni che Mariani aveva ordinato per pubblicizzare il prodotto.

Pubblicità di Vin Mariani con Papa Leone XIII

Fra il 1870 ed il 1913, Mariani ebbe, fra i suoi innumerevoli clienti di tutto il mondo, ben sedici fra re e regine, dallo zar di Russia al principe di Galles ed oltre un migliaio di altre celebrità, da Sarah Bernhardt a J. J. Thomson, da Émile Zola a Charles Gounod, da Herbert George Wells al presidente statunitense William McKinley. Famosi o sconosciuti, questi clienti compravano (o spesso, se erano proprio importanti, ricevevano in omaggio) il suo famoso “Vino Tonico Mariani alla coca del Perù”. Infatti in un'epoca di arretratezza della medicina, i "vini medicinali" erano fra i rimedi più diffusi.

Tenore alcolico e presenza di cocaina[modifica | modifica wikitesto]

Il Vin Mariani conteneva da 150 a 300 mg/l di cocaina e un bicchiere 25-50 mg/l, ogni oncia (circa 28 ml) conteneva 6,5 mg di cocaina e un volume alcolico dell'11%, mentre secondo Mariani era del 17%[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Sito ufficiale
  2. ^ Annali universali di medicina, marzo 1859, 167, fasc. 501, pp. 1-76 (449-519). Citato in http://archive.is/zxgqc, Paolo Mantegazza e l'Evoluzionismo in Italia. Nuova edizione, p. 175, OCLC 1057365366.; ed in Nicoletta Pireddu e Paolo Mantegazza, The Physiology of Love and Other Writings, p. 65 (archiviato il 5 maggio 2019).
  3. ^ Giuliano Dall'Olio, Paolo Mantegazza: memoria sulle proprietà terapeutiche della coca, in La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio, vol. 7, n. 4, Dicembre 2011, pp. 228–239, DOI:10.007/s13631-011-0033-2.
  4. ^ Giorgio Samorini, Paolo Mantegazza (1831-1910), pioniere italiano degli studi sulle droghe, su museocivico.rovereto.tn.it, 5 maggio 2019. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato il 5 maggio 2019).
  5. ^ Renzo Rozzini, Persona, salute, fragilità, Vita e Pensiero, 2006, p. 57, ISBN 88-343-1386-0, OCLC 1047909550.
    «A partire dal 1863, il vin Mariani alla Coca del Perù e l'Elisir Mariani, a base di alcol e coca, riscuotono un tal successo da ricevere una speciale medaglia da parte di Leone XIII, anch'egli entusiasta, come altri personaggi famosi, di questi prodotti. Il brevetto della Coca Cola, e la pubblicazione nel 1814 del libretto di Sigumnd Freud Sulla Coca, in cui lo psichiatra viennese, anch'egli consumatore, raccomanda la cocaina quasi per ogni male fisico e psichico, segnano il culmine del successo di questa sostanza».
  6. ^ Dossier Cocaina - Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale, Università di Torino. URL consultato il 13 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2009).
  7. ^ Storia nel sito della casa produttrice, su archive.is. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato il 9 ottobre 2016).
  8. ^ Composizione del Vino Mariani

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]