Veneziani (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Veneziani S.p.A. Vernici Marine ed Industriali
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione1970 a Trieste
Fondata daGiuseppe Moravia, Gioachino Veneziani, Gaudenzio della Zonca
Sede principaleAttualmente Veneziani è un brand
GruppoColorificio Zetagi srl
SettoreChimico
Prodotti

Veneziani S.p.A. Vernici Marine ed Industriali è una società italiana che opera nel settore chimico, essendo attiva nella produzione di pitture protettive e di polimeri per la creazione di vernici.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società nasce nel 1970 dalla fusione tra Fabbrica Vernici e Intonaci Sottomarini Gioachino Veneziani S.A. e Zonca Industrie Chimiche S.A..

  • Fabbrica Vernici e Intonaci Sottomarini Gioachino Veneziani S.A. viene fondata a Trieste nel 1863 da Giuseppe Moravia che ne affida la gestione alla figlia Olga Moravia ed al genero Gioachino Veneziani per la produzione e la commercializzazione della Vernice Moravia, prodotto sottomarino per le carene delle navi per evitare la proliferazione di alghe ed altri vegetali e realizzato con una formula a lungo segreta.[1]

I suoi prodotti riscuotono successo presso diverse marine militari, su tutte quella inglese. Nel 1903 viene aperto il primo stabilimento all'estero: a Charlton, un quartiere di Londra.

Fusione e divisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 avviene la fusione tra queste due aziende, dando vita a Veneziani Zonca Vernici S.p.A. che nel 1975 entrò a far parte di Montedison: il business viene ampliato anche alle vernici che trovano applicazione nel settore edile.

Nel 1980 la società viene ceduta a Maxfin. Nel 1991 il ramo d'azienda Marine coating è acquisito da Courtaulds[3].

Nel 1993 è rilevata da "MAC" (gruppo Sandoz)[4] che nel 2001 entra a far parte del gruppo tedesco Degussa.

Dopo una breve parentesi che ha visto il marchio Veneziani affittato alle società Chemval e "SCR", nel 2006 è stata acquistata da una cordata italiana guidata da Fabio Valentin[5]. Nel 2007 erano occupati 145 dipendenti per un fatturato di 56 milioni di euro[6]. Nel 2011, anno in cui sono stati collocati in mobilità una settantina di dipendenti degli stabilimenti di Castelnuovo Bocca d'Adda (Lodi) e Garbagnate Milanese (Milano)[7], dopo essere entrata in concordato preventivo, la linea Protective coating è finita in mano al Colorificio Zetagì, società di Olmo di Creazzo (Vicenza) controllata al 100% dal fondo di private equity "Apep" (ex "Arner Private Equity Partnership").[8]

Al gruppo Kusto[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2019 il colorificio Zetagi-Veneziani è acquisito dal gruppo israeliano Tambour, specializzato in vernici speciali per i settori aeronautico, navale, edilizio e trasporti, a sua volta controllato dal gruppo Kusto, creato all'epoca del crollo dell'impero sovietico dal kazako YerKin Tetisher e diventato nel tempo una conglomerata con sede a Singapore.[9]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo scrittore Italo Svevo ha lavorato presso "Fabbrica Vernici e Intonaci Sottomarini Gioachino Veneziani S.A.", in quanto genero di Gioacchino Veneziani, come direttore della filiale della Veneziani di Charlton, a Londra.[10]
  • Il padre dello scrittore italiano Eugenio Montale era uno dei proprietari dell'azienda "G. G. Montale & C.", una delle fornitrici della Veneziani S.A.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ * Il Piccolo, su ricerca.gelocal.it, 15 agosto 2009. URL consultato il 1º novembre 2017.
  2. ^ Books.google.com
  3. ^ nytimes.com
  4. ^ corriere.it
  5. ^ assomineraria.org[collegamento interrotto]
  6. ^ veneziani.it
  7. ^ ilcittadino.it
  8. ^ La Veneziani di Svevo diventa vicentina, su ricerca.gelocal.it, 11 giugno 2011. URL consultato il 5 novembre 2017.
  9. ^ Le vernici Zetagi ai kazaki di Kusto, su professioneverniciatore.it, 6 marzo 2019. URL consultato il 13 luglio 2020.
  10. ^ Alberto Mazzuca, Confindustria, una poltrona che scotta, Milano, Edizioni Sphyrna, 1981, p. 107.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]