Varichina - La vera storia della finta vita di Lorenzo De Santis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varichina - La vera storia della finta vita di Lorenzo De Santis
Paese di produzioneItalia
Anno2016
Generedocumentario
RegiaMariangela Barbanente, Antonio Palumbo
ProduttoreApulia Film Commission
Distribuzione (Italia)Ismaele Film
Interpreti e personaggi

Varichina - La vera storia della finta vita di Lorenzo De Santis è un film documentario del 2016 diretto da Mariangela Barbanente e Antonio Palumbo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lorenzo De Santis è il primo, chiassoso e pittoresco omosessuale dichiarato, vissuto a Bari a cavallo del XX secolo. Nel quartiere Libertà, negli anni settanta e ottanta, essere gay è difficile, confessarlo al mondo è molto rischioso. Lorenzo De Santis, detto "Varichina", lo sa. Ma non ci sta. E grida al mondo la sua verità, incurante del fatto che il mondo può fargli molto male. Tra testimonianze reali e ricostruzioni, "Varichina" è la storia a tinte forti di un uomo che di una vita senza privilegi ha fatto una bandiera.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, prodotto dall'Apulia Film Commission nell'ambito del Progetto Memoria 2014, è stato inserito nella selezione ufficiale del Biografilm di Bologna ed è stato insignito della Menzione Speciale al Florence Queer Festival di Firenze nel 2016. Il film è distribuito da Ismaele Film.[1][2] Il 24 maggio 2017 riceve la nomination per i Nastri D'Argento 2017 nella categoria Docufilm

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esce Varichina, film su icona trash Bari - La storia di Lorenzo, diversamente maschio, in sala 2 febbraio, in ANSA.it, 19 gennaio 2017. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  2. ^ Cinema, 'Varichina' ai Nastri d'argento: racconta l'icona trash della Bari anni Settanta, in Repubblica.it, 15 febbraio 2017. URL consultato il 17 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]