Vanity Fair (film 1915)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vanity Fair
Titolo originaleVanity Fair
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1915
Durata2.025 metri (7 rulli)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generedrammatico
RegiaCharles Brabin e Eugene Nowland
Soggettodal romanzo di William Makepeace Thackeray
SceneggiaturaCharles Sumner Williams
Casa di produzioneEdison Company
FotografiaOtto Brautigan
Interpreti e personaggi

Vanity Fair è un film muto del 1915 diretto da Charles Brabin e Eugene Nowland.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni dell'Ottocento, l'orfana Becky Sharp viene accolta caritatevolmente da una scuola femminile alla moda. Diventa così amica della dolce Amelia Sedley che la invita a casa sua. Becky vi si installa, progettando di conquistare Joseph, il fratello di Amelia, da cui vuole farsi sposare. I suoi piani vengono scompigliati quando i Sedley perdono la loro fortuna e Amelia si sposa con il ricco Osborne. Becky si sposa allora con Rawdon Crawley. Ma le sue vicissitudini non sono finite.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, prodotto dalla Edison Company, venne girato a Boston e a Yonkers[1], in una scuola femminile vicina alla città. L'intero studio, per tutta la durata delle riprese, venne messo a disposizione del film che aveva un cast di oltre duecento persone[2].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Kleine-Edison Feature Services, il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 6 ottobre 1915.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema