Uh la la la

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uh la la la
Uh la la la screenshot.JPG
immagine del remix video inglese
Artista Alexia
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1997
Durata 3 min : 44 s
Album di provenienza Fan Club
Tracce 1
Genere Europop
Etichetta DWA/Extravaganza Publishing
Produttore Zanetti R., Aquilani A.
Formati CD
Certificazioni
Dischi d'argento Francia Francia
Dischi d'oro Svezia Svezia
Alexia - cronologia
Singolo precedente
(1996)
Singolo successivo
(1998)

Uh la la la è il quarto singolo di Alexia pubblicato nel maggio 1997.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Questo singolo è stato uno dei primi usciti all'inizio della carriera solista della famosa cantante. Il brano è considerato un pezzo portante della dance all'italiana.

Partecipa anche al Festivalbar ed è il pezzo più ballato e trasmesso dalle emittenti radiofoniche e musicali dell'estate 1997.

Vengono fatte dell'album circa sei edizioni, tra cui una destinata al mercato tedesco e svizzero, una per il mercato inglese e una per il mercato americano.

Il videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Alexia registra due versioni del video della canzone. Il primo è la versione originale che vede la cantante girare in una jeep con molte ragazze per le strade di Miami, dove è girato appunto il video. La seconda versione è un remix del brano con delle veloci inquadrature ed effetti prese dalla versione originale. Quest'ultimo è in particolar modo destinato al mercato inglese.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Uh la la la (Radio Mix)
  2. Uh la la la (Club Mix)
  3. Uh la la la (Cellular Mix)
  4. Uh la la la (F.O.S. Main Vocal Mix)
  5. Uh la la la (Original Mix)
  6. Uh la la la (F.O.S. Renaissance Dub)
  7. Radio Spot 1
  8. Radio Spot 2
  9. Radio Spot 3

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Uh la la la (German Edition)
  • Uh la la la (Remixes)
  • Uh la la la (Fathers Of Sound Remixes)
  • Uh la la la (Remixes, Unknown Edition)
  • Uh la la la (US Edition)
  • Uh la la la (UK Edition - CD 1, CD 2)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Un remix in stile house è stato realizzato dagli italiani Fathers Of Sound, e distribuito principalmente all'estero.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1997) Posizione
massima
Australia (ARIA)[1] 17
Austria (Ö3 Austria Top 40)[2] 6
Belgium (Ultratop 50 Flanders)[3] 34
Finland (Suomen virallinen lista)[4] 2
France (SNEP)[5] 13
Germany (Media Control AG)[6] 30
Ireland (IRMA)[7] 5
Italy (FIMI)[8] 5
Netherlands (Dutch Top 40)[9] 15
New Zealand (Recorded Music NZ)[10] 30
Spain (AFYVE)[11] 1
Sweden (Sverigetopplistan)[12] 5
Switzerland (Schweizer Hitparade)[13] 16
UK (The Official Charts Company)[14] 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica
  1. ^ "Australian-charts.com – Alexia – Uh La La La". ARIA Top 50 Singles.
  2. ^ "Alexia – Uh La La La – Austriancharts.at" (in German). Ö3 Austria Top 40.
  3. ^ "Ultratop.be – Alexia – Uh La La La" (in Dutch). Ultratop 50.
  4. ^ "Alexia: Uh La La La" (in Finnish). Musiikkituottajat – IFPI Finland.
  5. ^ "Lescharts.com – Alexia – Uh La La La" (in French). Les classement single.
  6. ^ "Template:Singlechart/germanencode/Template:Singlechart/germanencode/single Die ganze Musik im Internet: Charts, News, Neuerscheinungen, Tickets, Genres, Genresuche, Genrelexikon, Künstler-Suche, Musik-Suche, Track-Suche, Ticket-Suche – musicline.de" (in German). Media Control Charts. PhonoNet GmbH.
  7. ^ Irish Single Chart Irishcharts.ie (Retrieved April 10, 2008)
  8. ^ Italian Single Chart Hit parade Italia (Retrieved May 30, 2008)
  9. ^ "Nederlandse Top 40 – Alexia search results" (in Dutch) Dutch Top 40.
  10. ^ "Charts.org.nz – Alexia – Uh La La La". Top 40 Singles.
  11. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1st, Spain, Fundación Autor-SGAE, September 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  12. ^ "Swedishcharts.com – Alexia – Uh La La La". Singles Top 60.
  13. ^ "Alexia – Uh La La La – swisscharts.com". Swiss Singles Chart.
  14. ^ UK Singles Chart Chartstats.com (Retrieved April 10, 2008)