Ugo Bartolomei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ugo Bartolomei
NascitaRoma, 27 novembre 1899
MorteAlano di Piave, 29 ottobre 1918
Cause della mortecaduto in battaglia
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataItalia Regio esercito
ArmaFanteria
Unità1º Reggimento Fanteria re
Anni di servizio1918
GradoSottotenente
GuerrePrima guerra mondiale
DecorazioniMedaglia d'oro al Valor Militare
voci di militari presenti su Wikipedia
Monumento ad Ugo Bartolomei ad Alano di Piave

Ugo Bartolomei (Roma, 27 novembre 1899Alano di Piave, 29 ottobre 1918) è stato un militare italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Chiamato alle armi con i ragazzi del '99, Ugo Bartolomei, romano, prese parte alla Prima guerra mondiale come sottotenente del 1º Reggimento Fanteria.

Morì nella battaglia della Conca di Alano nell'ottobre del 1918 nel tentativo di attirare su di sé l'attenzione del nemico per difendere un gruppo di altri suoi compagni in difficoltà. Per questa azione eroica venne decorato con la medaglia d'oro al valor militare.

Ad Alano di Piave esistono un monumento in sua memoria ed una via a lui intitolata.

A Roma esistono una via ed una scuola materna ed elementare a lui intitolate.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'Oro al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro al Valor Militare
«Entusiasta della nostra guerra, fiducioso negli alti destini della patria, primo tra i primi, trascinò con impareggiabile valore il suo plotone alla conquista di un'importante e forte posizione, raggiungendola in un solo balzo e battendone le solide difese avversarie. Nel momento assai critico in cui la sua compagnia era quasi completamente accerchiata dal nemico soverchiante, con generoso slancio e con fulgido coraggio alla testa di pochi uomini, affrontando sicura morte volle attirare su di sé le forze avversarie, gettandosi con irresistibile impeto contro di esse e tenendole impegnate. Gravemente ferito, rinunciò ad ogni aiuto e continuò a combattere eroicamente, infondendo con le parole e con l'esempio fede e resistenza nei difendenti e vicino a morire, in un supremo scatto di energia e di entusiasmo, trovò ancora la forza di gridare le sue parole incitatrici: "Avanti ragazzi, avanti per l'Italia nostra, coraggio!"»
— Conca di Alano, 24 – 31 ottobre 1918

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]