Ugo Barbàra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ugo Barbàra (Palermo, 21 ottobre 1969) è uno scrittore e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato l'Ifg di Urbino e si è laureato in Lettere Moderne all'Università di Palermo. Ha insegnato scrittura creativa all'Università La Sapienza di Roma e a Roma Tre.

A capo della redazione New Media dell'Agenzia Giornalistica Italiana, dal 1999 al 2010 si è occupato di politica estera. In precedenza è stato corrispondente da Palermo negli anni del processo Andreotti (1995-1999), redattore di cronaca giudiziaria a Roma in epoca di Tangentopoli.

Ha scritto sei romanzi. Cinque sono stati pubblicati da Piemme: "Desidero informarla che le abbiamo trovato un cuore" (1999); "La notte dei sospetti" (2001); "Il corruttore" (2008) e "In terra consacrata" (2009) e "Le mani sugli occhi" (2011). Il sesto è "Due Madri" pubblicato nel 2015 da Frassinelli. Suoi i racconti "La stiratrice di Saponara" pubblicato nella raccolta "La scelta" edito da Novantacento; il racconto "Il nemico" inserito nella raccolta "Duri a morire" di Dario Flaccovio editore e "L'avaro" che fa parte della antologia "Seven" curata da Gian Franco Orsi per Piemme.

È sceneggiatore del film Gli angeli di Borsellino insieme a Paolo Zucca, Mirco Da Lio e Massimo Di Martino. Nel 1999 il Teatro Libero di Palermo ha portato in scena il suo "Dongiovanni" per la regia di Lia Chiappara.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • "Premio Scalea" 2001
  • Premio Alziator 2009

Candidature

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale

Controllo di autoritàVIAF (EN31354778 · SBN IT\ICCU\VIAV\101094 · LCCN (ENn2002030788 · GND (DE1095893238