Ugo Amendola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ugo Amendola (Venezia, 28 agosto 191720 febbraio 1995) è stato un compositore e musicista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La musica entrò ben presto a far parte della sua vita; infatti egli stesso ha detto: "Ho cominciato ad amare la musica fin dall'infanzia, imitando sulla tastiera quanto mio padre, musicista, mi faceva sentire."

Entrato dodicenne al Conservatorio Benedetto Marcello, ha evidenziato subito doti pianistiche e in particolare nella composizione, diplomandosi infatti in Pianoforte, Composizione, Musica corale e direzione di coro e in Direzione d'orchestra con il massimo di voti.

Sempre al Conservatorio, nel 1951 ha iniziato l'attività didattica, prima nella cattedra di Teoria e solfeggio e in seguito anche in quelle di Armonia, Contrappunto e fuga e Composizione; nello stesso istituto ha poi esercitato la funzione di Direttore dal 1973 al 1985.

Contemporaneamente per tutto questo periodo, a partire dal diploma, ha svolto una notevole attività concertistica come solista e in duo con vari solisti in Italia. Per la sua riconosciuta competenza nel mondo musicale, è stato molto spesso invitato a presiedere e a far parte di Giurie in numerosi concorsi nazionali.

Il maestro Ugo Amendola non disdegnò di avvicinarsi al genere musicale folkloristico-popolare, componendo la musica di alcune poesie dialettali veneziane del paroliere poeta Emilio De Sanzuane: Nostalgia d'amore e Do' cuori e 'na gondola, pubblicate nelle raccolte "Venezia Canta" dalle edizioni musicali Edera.

Nel 1992 ricevette il Premio Altino, nell'ambito delle iniziative del Progetto Arcobaleno "scuola, famiglia e territorio".

La morte lo ha colto il 20 febbraio 1995; ha lasciato incompiute opere come l'ottava sonata, un balletto, una sonata per viola e pianoforte, nonché alcune opere didattiche.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue numerose composizioni, si ricordano: Sette sonate per pianoforte , vincitrici di premi nazionali, il Quartetto d'archi, vincitore del 1º Premio al concorso nazionale di Milano, il Concerto per pianoforte e orchestra[1] (prima menzione speciale al concorso Prince Pierre de Monaco), la Sinfonia per orchestra d'archi, la Fantasia per violoncello e pianoforte. Tra le ultime sue opere, si ricorda il Doppio concerto per oboe e fagotto, eseguito in prima assoluta al Teatro La Fenice di Venezia il 21 maggio 1994.

Canzoni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

http://www.fondazionepremioaltino.it/amendola/amendola.htm

Controllo di autoritàVIAF (EN1005145857892123020982 · GND (DE108975745X