Trattato del Bardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato del Bardo
Traité du Bardo.jpg
Firma 12 maggio 1881
Luogo Il Bardo (Tunisi)
Condizioni Istituzione del protettorato francese
sul Beilicato di Tunisia
Parti Francia Francia
Tunisian flag till 1831.svg Beilicato di Tunisia
Firmatari gen. Jules Aimé Bréart
Bey Muhammad III al-Sadiq
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il trattato del Bardo (in arabo: معاهدة باردو‎, Muʿāhada Bārdū), chiamato anche "Trattato di Ksar Sa'id" (Qasr Saʿīd), fu un accordo internazionale bilaterale firmato il 12 maggio 1881 tra la Francia e la Tunisia, come conseguenza diretta dell'intervento armato francese in Tunisia noto in Italia con il nome di Schiaffo di Tunisi.

Il trattato instaurò il protettorato della Francia sulla Tunisia; in base ad esso, infatti, il Bey fu costretto ad affidare ogni potere nel settore degli affari esteri, della difesa e dell'amministrazione al Residente Generale di Francia.

Le Convenzioni della Marsa, concluse l'8 giugno del 1883, svuotarono il Trattato del Bardo di tutto il suo contenuto e spogliarono il Bey di quanto restava della sua originaria autorità, instaurando l'amministrazione diretta francese[1]. Il Trattato e le Convenzioni saranno revocate solo il 20 marzo del 1956, quando la Repubblica di Tunisia conquisterà la sua indipendenza[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Moncef Guen, Les défis de la Tunisie : une analyse économique, Parigi, éd. L'Harmattan, 1988, p. 23. URL consultato il 21 novembre 2015.
  2. ^ (FR) Samya El Mechat, Tunisie. Les chemins vers l'indépendance (1945-1956), Parigi, éd. L'Harmattan, 1992, p. 252. URL consultato il 21 novembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]