Torre dell'Orologio (Bologna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Palazzo d'Accursio.

Torre dell'Orologio o Torre Accursi
Torre dellìOrologio (Bologna).jpg
Torre dell'Orologio o Torre Accursi a Palazzo d'Accursio in Piazza Maggiore a Bologna
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàBologna
IndirizzoPiazza Maggiore 6
Informazioni generali
Condizioniin uso
Costruzionemetà del XIII secolo
Usoattualmente chiusa al pubblico
Altezza46,20
Realizzazione
ProprietarioComune di Bologna
CommittenteFamiglia Accursio

La Torre dell'Orologio o Torre Accursi di Bologna è stata costruita verso la metà del XIII secolo. Collocata all'angolo fra le attuali via IV Novembre e piazza Maggiore, costituisce il nucleo iniziale di Palazzo d'Accursio. La torre dell'orologio, nella sua parte a forma di quadrilatero è alta 36,20 metri dal suolo; l'edicola superiore è alta 10 metri.

Breve storia[modifica | modifica wikitesto]

Intorno al 1250 Accursio, celebre giureconsulto, costruì la propria casa, con una torre nell'angolo, sul lato di ponente della piazza centrale di Bologna. La torre era più che altro una casa-torre a pianta rettangolare, utile ai fini abitativi per l'ampiezza degli spazi interni. Nel 1287 Francesco e Accursino, figli di Accursio, vendettero la proprietà al Comune di Bologna che, per costruire il Palazzo della Biada, primo nucleo del Palazzo Comunale, demolì la casa ma ne conservò integralmente la torre. Nel 1444 il Consiglio degli Anziani decise che sulla Torre Accursi sarebbe stato installato un orologio. La torre venne quindi alzata di circa 10 metri per accogliere nel 1451, l'orologio di Piazza e completata con una piccola torricella in legno. Nel giro di breve vennero collocati anche degli automi lignei che ad ogni ora uscivano da una porticina, sfilavano davanti all'immagine di una Madonna con Bambino e rientravano da un'altra porticina. Nel 1492 ... "per festeggiare l'assunzione al papato di Roderigo Borgia , divenuto Alessandro VI, furono fatti fuochi di gioia sulla torre dell'orologio che ne incendiarono e guastarono la cima ..."[1]. Nel 1493 Giovanni da Brensa, architetto e muratore, venne chiamato a ricostruire la parte terminale della torre andata perduta. Edificò una lanterna ottagonale sormontata da un tempietto circolare con calotta di rame per la campana[2]. Fra il 1885 e il 1887 in occasione dell'intervento di restauro del Palazzo della Biada di cui la torre fa parte, Raffaele Faccioli effettuò alcune modifiche anche alla torre levando il parapetto a pilastrini e conservando però il cupolino di Giovanni da Brensa. In seguito, dal momento che la torre non svettava sufficientemente rispetto al palazzo a causa della mole della Cappella Farnese alle sue spalle, venne demolita la volta della cappella stessa e abbassato il suo corpo giungendo così al suo aspetto attuale.[3].

Torri dal terrazzo della torre dell'orologio a Bologna.jpg
Ingrandisci
Veduta delle torri cittadine dalla Torre Accursi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Gozzadini, Delle torri gentilizie di Bologna e delle famiglie alle quali prima appartennero, Bologna, Zanichelli, 1875
  2. ^ Carlo Colitta (a cura di), Il Palazzo Comunale detto d'Accursio con le Collezioni Comunali d'Arte , Bologna, Officina Grafica Bolognese, 1980, pagg. 23-29
  3. ^ Franco Bergonzoni, Le torri "pubbliche": Accursi, Lapi e Lambertini, in Giancarlo Roversi (a cura di), Le torri di Bologna. Quando, come e perché, Bologna, Grafis, 2011, pg.315

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Bergonzoni, Le torri "pubbliche": Accursi, Lapi e Lambertini, in Giancarlo Roversi (a cura di), Le torri di Bologna. Quando, come e perché, Bologna, Grafis, 2011
  • Carlo Colitta (a cura di), Il Palazzo Comunale detto d'Accursio con le Collezioni Comunali d'Arte , Bologna, Officina Grafica Bolognese, 1980

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Torre Accursi - Iperbole