Collezioni comunali d'arte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Palazzo d'Accursio.

Collezioni Comunali d'Arte di Bologna
1200 - Bologna - Palazzo d'Accursio - Foto Giovanni Dall'Orto, 9-Feb-2008.jpg
Palazzo d'Accursio che al secondo piano ospita le Collezioni Comunali d'Arte
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBologna
IndirizzoPiazza Maggiore 6
Caratteristiche
TipoStorico-artistico
CollezioniDipinti, arredi e mobilia, automi e meccanismi, ricami e merletti, sculture orologi e macchine orarie
ProprietàComune di Bologna
GestioneComune di Bologna
Direttoredott.ssa Silvia Battistini
Sito web

Coordinate: 44°29′39.01″N 11°20′29″E / 44.49417°N 11.34139°E44.49417; 11.34139

Le Collezioni Comunali d'Arte di Bologna sono al secondo piano di Palazzo d'Accursio, il Palazzo Comunale sito in Piazza Maggiore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo piano di Palazzo d'Accursio è stato edificato nella seconda metà del XVI secolo per ampliare gli appartamenti dei Cardinal Legati che qui hanno soggiornato fino al 1859 con una sola interruzione fra il 1796 e il 1815. Le Collezioni sono state fondate nel 1936 in locali già di notevolissimo pregio: alcuni degli ambienti sono infatti decorati con pitture dei secoli dal XVI al XIX. L'accesso alle Collezioni è dalla Sala Farnese di Palazzo d'Accursio. Vi hanno trovato sistemazione soprattutto opere acquisite dal Comune in epoca post-unitaria e nei primi decenni del '900, con un nucleo di opere settecentesche originariamente conservate nel Palazzo Comunale e numerose opere pittoriche medievali: il patrimonio conservato va dal Duecento al Novecento del secolo scorso. Le principali acquisizioni provengono dai seguenti lasciti:

Il patrimonio delle collezioni è distribuito in sale significative dal punto di vista sia storico che artistico: la Sala Urbana, la Galleria Vidoniana, il braccio Rusconi, la Cappella Farnese e la Sala Boschereccia.

Alcune delle opere conservate all'interno delle Collezioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Colitta, Il Palazzo Comunale detto D'Accursio, Bologna, Officina Grafica Bolognese, 1980

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Colitta, Il Palazzo Comunale detto D'Accursio, Bologna, Officina Grafica Bolognese, 1980.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENnb2014019753 · WorldCat Identities (ENnb2014-019753