Tomaso Catullo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tomaso Antonio Catullo

Tomaso Antonio Catullo (Belluno, 9 luglio 1782Padova, 13 aprile 1869) è stato un naturalista, geologo e zoologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò medicina, matematica e chimica all'Università di Padova, senza tuttavia laurearsi.

Nel 1811 divenne professore di storia naturale e chimica nel Liceo di Belluno.

Nel 1822 gli fu intitolato un istituto superiore nella sua città natale.

Nel 1829, per meriti scientifici, ottenne la cattedra di storia naturale dell'Università di Padova.

Nel 1836, la facoltà di medicina gli conferì la laurea honoris causa e lo nominò suo preside.

Fu Magnifico Rettore dell'Università di Padova nel 1843 - 1844 e membro delle più importanti accademie mediche e scientifiche dell'epoca.

Dal 1840 fu socio dell'Accademia Nazionale delle Scienze.

Fu autore di oltre 100 pubblicazioni scientifiche riguardanti la geologia, la mineralogia, la paleontologia, la zoologia.

Parte dei suoi libri sono conservati nel fondo a lui intitolato presso la Biblioteca universitaria di Padova.

L'amico poeta Sebastiano Barozzi lo inserisce tra i personaggi reali del suo monumentale poema risorgimentale Cronaca del popolo durante la redenzione d'Italia, descrivendolo così: «ampia la fronte avea grandi le ciglia / nero l'occhio e raccolto, e il crine spanto: / alla vista, all’età ti rassomiglia / un filosofo, un grande, un dotto, un santo»[1].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuale mineralogico (1812).
  • Zoologia fossile delle province venete (1827).
  • Sulle argille delle Alpi (1837).
  • Trattato sopra la costituzione geognostica-fisica dei terreni (1837).
  • Sulle caverne delle province venete (1844).
  • Prodromo di geognosia paleozoica delle Alpi Venete (1847).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuliano Galletti, Paolo Steffan, Sebastiano Barozzi e la sua Cronaca del popolo. Un poeta di San Fior nel Risorgimento, San Fior, Edizioni Comune di San Fior, 2016, p. 57.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN13059278 · ISNI (EN0000 0000 6126 967X · SBN IT\ICCU\VEAV\000401 · LCCN (ENnr00003952 · GND (DE116477318 · BNF (FRcb10583355h (data) · CERL cnp00825958 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00003952
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie