Tofffsy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tofffsy
serie TV d'animazione
Tofffsy.png
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
AutorePierluigi de Mas
RegiaPierluigi De Mas, Gian Andrea Garola
SoggettoPierluigi de Mas, Gian Andrea Garola, Dodi Melegaro
SceneggiaturaMaria Teresa Buroni
MusicheFranco Tadini
ReteTelemontecarlo
1ª TV1974
Episodi26 (completa)
Rapporto4:3
Durata ep.6 min
Studio dopp. it.C.D.M.
Dir. dopp. it.Carlo Bonomi
Generecommedia

Tofffsy o Le avventure di Tofffsy e l'erba musicale[2] è una serie televisiva a cartoni animati ideata da Pierluigi de Mas e trasmessa in Italia e in Svizzera italiana negli anni settanta.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tofffsy è un piccolissimo folletto con due grossi ciuffi di riccioli biondi (ogni volta che Tofffsy ha un'idea geniale, i ciuffi si allungano per poi arricciarsi di nuovo, producendo un effetto sonoro) che vive in un castello e che è venuto in possesso di un seme della magica erba musicale. Dopo averlo piantato germogliò producendo la magica erba che solo chi è sinceramente pentito delle proprie malefatte riesce a far suonare. Tofffsy smaschera numerosi personaggi malvagi, i quali, a seguito di punizione[3], si pentono immancabilmente delle loro male azioni, e riescono a suonare l'erba musicale. Ogni episodio si conclude con un monito di Tofffsy:

«Ragazzi, quanti di voi riuscirebbero a suonare l'erba musicale?»

(Tofffsy)

Tra i principali personaggi del cartone animato vi è Otto, un vecchio baffuto fantasma amico di Tofffsy, che lo aiuta spesso nelle sue avventure.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è composta da 26 episodi della durata di 6 minuti ciascuno.[4] Fu trasmessa in italiano negli settanta su Telemontecarlo e sulla Televisione Svizzera Italiana;[5] andò in onda anche sulla Rai, che ne trasmise solo pochi episodi.[6][7] Fu doppiata in francese e mandata in onda in Québec sulla Télévision de Radio-Canada (SRC) e in Francia su TF1.[8][9]

Venne realizzata una versione distribuita nel formato cinematografico domestico Super8, su bobine da 60 metri.[10] La serie è stata restaurata nel 2004 dalla Fondazione Cineteca Italiana, che l'ha distribuita in DVD col titolo Le avventure di Tofffsy e l'erba musicale, includendo contenuti extra quali un'intervista all'autore.[6] Un ulteriore restauro, in 2K, è stato eseguito nel 2018.[1]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

  1. L'erba musicale
  2. I falsari e l'erba musicale
  3. Fritz Franz e l'erba musicale
  4. Gianandrea e l'erba musicale
  5. Sacripante e l'erba musicale
  6. I ladri e l'erba musicale
  7. I gemelli e l'erba musicale
  8. I TV3 e l'erba musicale
  9. Pierre e l'erba musicale
  10. Zagor e l'erba musicale
  11. Arthur e l'erba musicale
  12. Il domatore e l'erba musicale
  13. I dognappers e l'erba musicale
  14. L'inventore e l'erba musicale
  15. Rebecca e l'erba musicale
  16. Le formiche e l'erba musicale
  17. I turisti e l'erba musicale
  18. Il marziano e l'erba musicale
  19. Diomilla e l'erba musicale
  20. Il Dottor Cattivo e l'erba musicale
  21. Babbo Natale e l'erba musicale
  22. Il mago nero e l'erba musicale
  23. L'allibratore e l'erba musicale
  24. L'orologiaio e l'erba musicale
  25. Il cowboy e l'erba musicale
  26. La torre rapita e l'erba musicale

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore
Tofffsy Carlo Bonomi
Otto il fantasma
Gretel la cuoca Italia Martini
Contessa
L'inventore (ep. 13) Pino Locchi
Cowboy (ep. 25) Mario Besesti

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è ideata e prodotta da Pierluigi de Mas per la Audiovisivi De Mas nel 1974.[6] I disegni e il coordinamento sono di Pierluigi de Mas, Roberta Casini, Tonino Salerno, Gian Andrea Garola.

La sigla è di Gianfranco Tadini. Nel 1977 fu pubblicato un 45 giri dalla casa discografica CGD, che ne contiene una versione interpretata dal complesso L'Erba Musicale, con testo di Bruno Lauzi e arrangiamento di Renato Angiolini.[11][12]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1974 vinse il primo premio di categoria al Festival Internazionale dell'animazione di Zagabria.[13][14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le avventure di Tofffsy e l'erba musicale, su Cineteca Italiana. URL consultato il 9 settembre 2021.
  2. ^ Titolo usato per l'edizione in DVD.[1]
  3. ^ In ogni episodio, i cattivi hanno bisogno di una doppia dose di punizione, prima di manifestare effettivamente il pentimento.
  4. ^ Mario Serenellini, Il folletto che sfida i cattivi, in la Repubblica, 24 ottobre 2004. URL consultato il 13 settembre 2021.
  5. ^ Le avventure di Tofffsy e l'erba musicale, DVD, Dolmen Home Video PSV9078, Italia, 2004, Intervista all'autore.
    «Tofffsy è notissimo in tutta l'Italia del Nord grazie alla televisione svizzera».
  6. ^ a b c Cartoon: 'Tofffsy' torna dopo trenta anni restaurata in DVD, in Adnkronos, 24 aprile 2004. URL consultato il 13 settembre 2021.
  7. ^ Tofffsy, in Radiocorriere TV, 1977-1978. URL consultato il 13 settembre 2021.
  8. ^ (FR) Semaine du 30 septembre au 6 octobre, in Ici Radio-Canada, vol. 12, n. 40, 1978, p. 12.
  9. ^ (FR) TF1 : Programme TV du Vendredi 22 février 1985, in Télé Star, n. 437, 1985.
  10. ^ (FR) Tofffsy "Zagor" (Film Super 8), su bd-cine.com. URL consultato il 13 settembre 2021.
  11. ^ Tofffsy/Cilindro, su Discografia Nazionale della Canzone Italiana. URL consultato il 13 settembre 2021.
  12. ^ Sigle per la TV, in Radiocorriere TV, anno 54, n. 38, ERI, 1977, p. 82.
  13. ^ Massimo Maisetti, Animatori alla riscossa! (PDF), in l'Unità, 20 agosto 1979, p. 6. URL consultato il 13 settembre 2021.
  14. ^ (EN) World Festival of Animated Film / 10 - 15 June 1974, su Animafest Zagreb. URL consultato il 13 settembre 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione