Thout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Thout (in copto: Ⲑⲱⲟⲩⲧ, Thout), conosciuto anche come Thoth (in greco: Θωθ, Thōth) e Tut[1] (in arabo: توت), è il primo mese dei calendari egizio e copto. Nel calendario Gregoriano, Thout corrisponde al periodo che va dall'11 settembre al 10 ottobre.

Nell'antico Egitto, il mese di Thout era anche primo mese della stagione dell'Akhet ("inondazione"), il periodo in cui le acque del Nilo inondavano i campi e la terra circostanti, cosa che fecero fino alla costruzione della diga di Assuan, inaugurata nel 1970.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del mesi di Thout deriva da quello di Thot, antica divinità egizia della magia e della scienza, inventore, tra le altre cose, della scrittura, patrono degli scribi nonché colui che "progettò le stagioni, i mesi e gli anni". Thot presiedeva inoltre le "Case della Vita", centri di studio legati ai templi dove gli scribi, i sacerdoti e i bambini studiavano discipline magiche e scientifiche, e dove venivano ricopiati testi concernenti la magia o la liturgia.

Il nome in lingua egizia era:

G26X1
Z4

(Ḏḥwtj).

Sinassario copto del mese di Thout[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito il sinassario del mese:[2]

Copto Giuliano Gregoriano Commemorazioni
Thout

1

Agosto

29

Settembre

11

  • Inizio del nuovo anno copto (festa di El-Nayrouz).
  • Martirio di San Bartolomeo, apostolo.
  • Morte di Sant'Avilio, terzo Papa di Alessandria.
2 30 12
3 31 13
  • Assemblea del santo sinodo di Alessandria sotto il papato di San Dionisio, quattordicesimo Papa di Alessandria, nel 243.
  • Ricordo del terremoto che colpì Il Cairo e la maggior parte delle città egiziane nel 1112.
4 Settembre

1

14
5 2 15
  • Martirio di Santa Sofia.
6 3 16
  • Morte del profeta Isaia.
  • Martirio di San Basilissa.
7 4 17
8 5 18
  • Morte del profeta Mosè.
  • Martirio del profeta Zaccaria.
  • Martirio di San Diomede (Dimides).
9 6 19
  • Martirio di San Pisora, vescovo di Masil.
  • Miracolo di Colossi, in Frigia.
10 7 20
  • Martirio di San Matruna.
  • Commemorazione di San Basin e dei suoi figli.
11 8 21
  • Martirio di San Basilide (Wasilides), prete.
  • Commemorazione di Cornelio, centurione.
  • Morte di Santa Teodora.
12 9 22
13 10 23
14 11 24
  • Morte di Sant'Agatone lo stilita.
15 12 25
  • Trasferimento del corpo di Santo Stefano, arcidiacono.
  • Commemorazione di San Leontio di Siria.
16 13 26
17 14 27
  • Apparizione della Santa Croce.
  • Morte di Santa Teognosta.
18 15 28
  • Secondo giorno della festa della Santa Croce.
  • Martirio di San Porfirio.
  • Martirio di Santo Stefano, prete, e San Niceta (Niketa).
19 16 29
20 17 30
21 18 Ottobre

1

22 19 2
  • Martirio de Santi Cotila (Kobtlas), sua sorella Axoua e il suo amico Tatas.
  • Martirio di San Giulio di Aqfahs (El-Akfehasi), lo scrittore della biografia dei martiri.
23 20 3
  • Martirio di Sant'Eunapio (Onanius) e di Sant'Andrea.
  • Martirio di Santa Tecla.
  • Riapertura della chiesa della Santa Vergine ad Haret al-Rum (Il Cairo).
24 21 4
25 22 5
26 23 6
27 24 7
  • Martirio di Sant'Eustatio e dei suoi due figli.
28 25 8
  • Martirio di Sant'Apater (Abadir) e di sua sorella Santa Herai (Eraee)
29 26 9
  • Martirio di Santa Ripsima (Arbsima), vergine, di Santa Gaiana e delle sue sorelle vergini.
30 27 10
  • Commemorazione del miracolo che Dio ha compiuto per Sant'Atanasio, l'ottavo Papa di Alessandria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gawdat Gabra, Coptic Calendar, in The A to Z of the Coptic Church, A to Z Guide Series, The Scarecrow Press, 2008, pp. 70—1. URL consultato il 24 maggio 2018.
  2. ^ Synaxarium of the month of Toot, Saint Takla Haymanout. URL consultato il 24 maggio 2018.