Thomas S. Monson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thomas S. Monson
Thomassmonson.jpg
16º Presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni
In carica 3 febbraio 2008 — 2 gennaio 2018
Predecessore Gordon B. Hinckley
Successore Russell M. Nelson
Nascita Salt Lake City, 21 agosto 1927
Morte Salt Lake City, 2 gennaio 2018
Firma Thomassmonsonsignature.jpg

Thomas Spencer Monson (Salt Lake City, 21 agosto 1927Salt Lake City, 2 gennaio 2018) è stato un predicatore e religioso statunitense, è stato sedicesimo Presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni. Come presidente, Monson è stato considerato da seguaci della religione di essere un "profeta, veggente e rivelatore" della volontà di Dio sulla terra. Di mestiere tipografo, Monson ha trascorso gran parte della sua vita impegnata in varie posizioni di leadership nella chiesa e nel servizio pubblico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monson fu ordinato apostolo all'età di 36 anni, servita nella Prima Presidenza sotto tre presidenti della chiesa ed era il presidente del Quorum dei Dodici Apostoli, dal 12 marzo 1995 fino a diventare presidente della Chiesa.[1] È riuscito Gordon B. Hinckley come presidente della Chiesa il 3 febbraio 2008.

Monson è stato il presidente delle commissioni di fondazione del Sistema Educativo della Chiesa, ed è stato nominato da Ronald Reagan alla Task Force del Presidente degli Stati Uniti per iniziative del settore privato. Monson ha sposato Frances Beverly Johnson Monson nel Tempio di Salt Lake nel 1948 e sono genitori di tre figli.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Monson ha ricevuto quattro dottorati honoris causa, così come il Silver Buffalo Award dai Boy Scouts of America e il Lupo di Bronzo dal Comitato Scout Mondiale del WOSM; entrambi i premi il più alti dati in ogni organizzazione:[2]

Lupo di Bronzo (Comitato Scout Mondiale) - nastrino per uniforme ordinaria Lupo di Bronzo (Comitato Scout Mondiale)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18509349 · ISNI (EN0000 0000 7862 2564 · LCCN (ENn79134981 · GND (DE120400324