Thomas Nagel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thomas Nagel

Thomas Nagel (Belgrado, 4 luglio 1937) è un filosofo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nagel, che ha acquisito la cittadinanza statunitense nel 1944, è professore di Filosofia e Diritto alla Università di New York, dove insegna dal 1980. Si è occupato in particolare di filosofia della mente e di filosofia morale. Nel 2008, ha ricevuto il Premio Rolf Schock, il Premio Balzan ed il Dottorato Onorario dall'Università di Oxford.

Il suo articolo del 1974 (Cosa si prova ad essere un pipistrello?), in cui sostiene l'irriducibilità della coscienza all'attività cerebrale, è stato uno dei più influenti scritti di filosofia della mente degli anni '70.

Thomas Nagel, secondo da sinistra, con il Presidente Napolitano, tra i vincitori del Balzan 2008.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • The Possibility of Altruism (1970), Oxford University Press. (Reprinted in 1978, Princeton University Press.)
  • What Is it Like to Be a Bat? (1974), Philosophical Review, pp. 435–50.
  • Mortal Questions (1979), Cambridge University Press, ISBN 978-0-521-40676-5
  • The View from Nowhere (1986), Oxford University Press.
  • What Does It All Mean?: A Very Short Introduction to Philosophy (1987), Oxford University Press.
  • Equality and Partiality (1991), Oxford University Press.
  • Other Minds: Critical Essays, 1969-1994 (1995), Oxford University Press.
  • The Last Word (1997), Oxford University Press.
  • The Myth of Ownership: Taxes and Justice (2002), (with Liam Murphy) Oxford University Press.
  • Concealment and Exposure and Other Essays (2002), Oxford University Press.
  • Mind & Cosmos. Why the Materialist Neo-Darwinian Conception of Nature Is Almost Certainly False (2012), Oxford University Press. Tr. it. Mente e cosmo. Perché la concezione neodarwiniana della natura è quasi certamente falsa, Raffaello Cortina Editore, Milano, 2015, ISBN 978-88-6030-760-6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108496469 · ISNI (EN0000 0001 2147 0106 · LCCN (ENn50026557 · GND (DE118987690 · BNF (FRcb119173535 (data) · NDL (ENJA00472117 · WorldCat Identities (ENn50-026557