Theotmar di Salisburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Theotmaro, O.S.B.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Archbishop of Salzburg.svg
 
Incarichi ricopertiAbate di San Pietro
Arcivescovo di Salisburgo
 
Nominato abate ordinario874
Nominato arcivescovo874
Consacrato arcivescovo874 da papa Giovanni VIII
Deceduto4 luglio 907 a Bratislava
 

Theotmar di Salisburgo, nelle fonti più antiche chiamato anche Dietmar I (... – Bratislava, 4 luglio 907), è stato un arcivescovo tedesco, arcivescovo di Salisburgo e abate dell'abbazia di San Pietro dall'874 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Theotmar era probabilmente un nobile bavarese e cappellano di re Ludovico II il Germanico. Uno dei suoi primi atti fu la consacrazione di una nuova chiesa a Ptuj nei domini di Kocel, principe di Pannonia. Sotto l'impulso di re Carlomanno di Baviera, Theotmar ricevette il pallio da papa Giovanni VIII e in seguito svolse un ruolo di mediatore fra il re e il papa, riuscendo a mantenere una posizione equidistante da entrambi.

Durante la sua reggenza, la cristianizzazione della Pannonia subì una battuta d'arresto a causa dell'instabilità politica di quella regione. Nel 907 il margravio Liutpoldo di Baviera decise di opporsi militarmente all'avanzata degli Ungari guidati da Árpád e si diresse in Ungheria alla testa di un grande esercito, del quale faceva parte anche la piccola armata dell'arcivescovo di Salisburgo. Il 4 luglio 907 i Bavaresi subirono una pesante sconfitta nella battaglia di Bratislava: Liutpoldo, Theotmar e altri due vescovi vi trovarono la morte. Tale sconfitta fu decisiva e segnò il venir meno dell'influenza degli arcivescovi di Salisburgo a est delle Alpi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heinz Dopsch, Hans Spatzenegger (cur.), Geschichte Salzburgs, Stadt und Land, Salzburg, Pustet, 1988. ISBN 3-7025-0243-2.
Controllo di autoritàVIAF (EN62358683 · ISNI (EN0000 0000 7860 6660 · LCCN (ENno97049672 · GND (DE119455382