Árpád d'Ungheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Árpád
Árpád Ráckeve.JPG
Statua di Árpád a Ráckeve
Gran principe degli ungari
In carica 895 circa-907 circa
Predecessore Álmos
Successore Zoltán ?
Nascita 845 circa
Morte 907 circa
Luogo di sepoltura Fehéregyháza, Ungheria ?
Dinastia Arpadi
Padre Álmos
Figli Liüntika, Tarkatzus, Jelek, Jutotzas, Zoltán
Religione paganesimo

Árpád d'Ungheria (845 circa – 907 circa) è stato un potente capo magiaro, fondatore della dinastia degli Arpadi, casa regnante d'Ungheria fino al 1301. Il suo nome significa "orzo".

Resta incerto se fu il re sacro (kende) degli ungari o il loro capo militare (gyula), così come del resto la maggior parte dei dettagli della sua vita perché le diverse fonti contengono informazioni contraddittorie. Nonostante ciò, molti magiari si riferiscono a lui come al "fondatore del nostro Paese", considerando il suo ruolo nella conquista ungherese del bacino dei Carpazi sottolineato da alcune cronache successive.[1][2] Il suo merito principale riguarda la trasformazione della nazione ungherese da una confederazione tribale a una potente realtà statale dell'Europa centro-orientale.[2] Sono a lui dedicate diverse sculture nella moderna Ungheria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Árpád era il figlio di Álmos, al quale si fa riferimento come il primo capo della confederazione delle tribù magiare da tutte le cronache ungheresi.[3][4] Come si chiamasse la madre e quale fosse la famiglia da cui proveniva restano informazioni sconosciute.[5] Secondo lo storico Gyula Kristó, Árpád nacque intorno all'845.[6] Il suo nome deriva dal termine ungherese che sta per orzo, árpa.[nota 1]

L'imperatore bizantino Costantino VII Porfirogenito (al potere dal 913 al 959) afferma che gli ungari "non avevano mai avuto nessun altro principe" prima di Árpád, narrazione in netto contrasto con la versione fornita dalle cronache ungheresi relative all'incarico ricoperto del padre di Árpád.[7][8] Nella narrazione di Porfirogenito, il khagan cazaro iniziò la centralizzazione del comando delle tribù ungare al fine di rafforzare la propria sovranità su di loro.[8][9] In principio, il khagan si dimostrò pronto a nominare un capo di nome Levedi per guidare gli ungari.[10] Inaspettatamente, Levedi non accettò questa offerta e suggerì di promuovere Álmos o suo figlio Árpád al suo posto.[9] Il khagan accettò l'offerta di Levedi e diede le disposizioni necessarie affinché si tenessero le elezioni. Così, gli ungari elessero il loro primo principe, ma preferirono investire Árpád anziché suo padre in quanto "[essi erano] assai ammirati per la saggezza, il consiglio e il valore di lui, oltre che perché lo ritenevano capace di governare".[11][12] Da allora in poi, "lo nominarono principe dei cazari, ovvero zakanon, secondo le usanze tradizionali, sollevandolo su uno scudo".[7][13] Analizzando l'opera con attenzione, si nota l'associazione impropria compiuta da Costantino Porfirogenito tra magiari e turchi: benché l'autore fornisca elementi veritieri nella sostanza a giudizio degli studiosi occidentali, questi indica spesso dati confusi e intrisi di leggende.[14][15][16]

András Róna-Tas sostiene che l'elezione di Árpád fu promossa da Álmos, il quale costrinse Levedi a rinunciare alla sua posizione di kende (i magiari governavano in origine con un sistema dualista). Di conseguenza, sempre secondo Róna-Tas, Árpád succedette a Levedi come re sacro (kende), permettendo a suo padre di preservare la propria posizione di vero capo degli ungari (gyula).[17]

Verso la conquista ungara[modifica | modifica wikitesto]

Statua dedicata ad Árpád a Székelybere (Bereni, Romania)

La prima fonte attendibile relativa alla vita di Árpád risulta un documento dell'inizio del X secolo, la Cronaca di Giorgio il Monaco.[6][18][19] Questa riferisce che l'imperatore bizantino Leone VI il Saggio (regnante dal 886 al 912) spedì il suo delegato Niceta Sclero dagli ungari nell'894 o 895 "elargendogli dei doni" e incitandoli a combattere contro l'impero bulgaro.[19] Sclero incontrò due personalità magiare di spicco, Árpád e Kurszán, sul Basso Danubio.[19][20] La missione del bizantino terminò con un successo: un esercito ungaro attraversò presto il Danubio a bordo di navi bizantine contro la Bulgaria.[20][21] Un'interpolazione del testo di Porfirogenito suggerisce che gli invasori fossero guidati da uno dei figli di Árpád, Liüntika.[20]

Le posizioni detenute da Árpád e Kurszán al momento delle loro trattative con il delegato romeo sono incerte e variamente considerate dagli storici. Spinei sostiene che Árpád preservava il ruolo di gyula, mentre Kurszán quello di kende.[20] Al contrario, Kristó propende per Kurszán in veste di gyula e Árpád come rappresentante di suo padre, il kende Álmos.[22]

«A quel tempo, i bulgari avevano ignorato il trattato di pace e stavano compiendo delle razzie nel corso di una campagna in Tracia. La giustizia li perseguitò per aver infranto il loro giuramento a Cristo nostro Dio, l'imperatore di tutti, e presto dovettero sopportare la Sua punizione. Mentre le nostre forze erano impegnate contro i Saraceni, la divina Provvidenza li condusse [gli ungari] al posto dei Romei a compiere una campagna contro i Bulgari. La flotta di navi di Nostra Maestà li sostenne e li trasportò attraverso il Danubio. [La Provvidenza] li mandò contro l'esercito dei Bulgari che così perfidamente avevano preso le armi contro i cristiani e, come se fossero dei pubblici carnefici, li sconfissero in tre scontri, in modo che i Romei non potessero volontariamente macchiarsi del sangue dei Bulgari di fede cristiana.»

(Leone VI il Saggio, Tactica[23])

L'esercito ungaro sconfisse i bulgari, ma questi ultimi assoldarono i peceneghi contro di loro.[20][24] I bulgari e i peceneghi invasero in contemporanea i territori degli ungari nelle regioni occidentali delle steppe pontico-caspiche nell'895 o nell'896.[25] La distruzione dei luoghi in cui risiedevano da parte dei peceneghi costrinse i magiari a partire per una nuova patria attraverso i Carpazi verso la pianura pannonica.[26]

La Chronica Picta riferisce che il padre di Árpád, Álmos, "non poté entrare in Pannonia, perché fu ucciso a Erdelw", in Transilvania.[3][27][28] A prescindere dall'autenticità o meno degli eventi relativi alla morte del padre, dibattuti a livello storiografico, Árpád ricevette la nomina "a capo e maestro" degli ungari subito dopo la dipartita.[29][30]

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Miniatura dei sette capitani dei magiari tratta dal Chronica Picta

La figura di Árpád "è del tutto sconosciuta" a tutte le fonti scritte del Regno dei Franchi orientali, che era una delle principali potenze del bacino dei Carpazi a cavallo tra il IX e il X secolo.[14] Questi testi, inclusi gli Annales Alamannici e gli Annales Eisnidlenses, menzionano solo un altro capo ungaro, Kurszán.[14] Secondo Kristó e altri storici, queste fonti suggeriscono che Kurszán doveva essere il gyula al comando delle forze ungare, mentre Árpád succedette al padre assassinato come il sacro kende.[14][31] Allo scopo di presentare una teoria alternativa, lo storico rumeno Curta ha sostenuto che Kurszán fosse il kende e che il gyula Árpád gli subentrò solo quando Kurszán fu assassinato dai bavaresi nel 902 o nel 904.[14][32]

In contrasto con le fonti quasi contemporanee, le cronache ungheresi scritte secoli dopo gli eventi, specie le Gesta Hungarorum e la Chronica Picta, sottolineano il ruolo non trascurabile rivestito da Árpád nella conquista del bacino dei Carpazi.[3][33] Le Gesta Hungarorum mettono anche in evidenza che Tétény, uno dei capi delle sette tribù ungare, acquisì "la terra di Transilvania per sé e per i suoi posteri" solo dopo che Árpád lo aveva autorizzato a conquistarlo.[34][35]

«Dopo aver attraversato il Danubio, si accamparono lungo il fiume fino a Budafelhévíz. Avendolo saputo, tutti i romei che vivevano in tutta la terra di Pannonia decisero di salvarsi la vita ricorrendo alla fuga. Il giorno dopo, il principe Árpád e tutti i suoi uomini più importanti alla guida di ogni guerriero d'Ungheria entrarono nella città del re Attila e videro tutti i palazzi reali, alcuni che versavano in brutto stato, altri no, rimanendo estasiati dagli edifici in pietra. Apparivano invero più felici di quanto si possa dire nell'aver acquisito senza combattere la città del re Attila, dalla cui stirpe discendeva il principe Árpád. Ogni giorno banchettavano con grande gioia nel palazzo del re unno, seduti uno accanto all'altro, e ascoltavano ogni melodia, dolce suono di cetre e flauti o canto di menestrelli che venissero eseguiti [...] Il principe Árpád assegnò grandi terre e beni agli ospiti che soggiornavano assieme a lui. Quando lo scoprirono, molti si accalcarono vicino alla sua persona e sedettero volentieri in sua compagnia.»

(Anonimo: Gesta Hungarorum[36])

Le Gesta Hungarorum asserivano che Árpád prestò "un giuramento in presenza dei principali uomini e guerrieri dell'Ungheria" ed "elevò suo figlio, Zoltán," a principe nella sua vita.[37][38] Tuttavia, a giudizio degli studiosi odierni, l'attendibilità di questo resoconto e l'elenco dei gran principi magiari nelle Gesta Hungarorum lasciano trasparire delle incoerenze.[15] Ad esempio, l'opera ignora Fajsz, che governò quando Costantino VII Porfirogenito stava completando il suo De administrando imperio intorno al 950.[39]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

L'anno della morte di Árpád costituisce uno dei tanti misteri che circondano la biografia del nobile.[40] Le Gesta Hungarorum riportano che la dipartita avvenne nel 907.[3][40] Kristó riferisce quale testimonianza maggiormente probabile il 900 o qualche anno giù di lì, in quanto le Gesta segnalano il 903 quale data di inizio della "conquista" ungherese; quest'ultimo avvenimento sarebbe in realtà avvenuto intorno all'895.[40] Se il resoconto delle Gesta sul suo funerale risultasse attendibile, si dovrebbe convenire che Árpád andò sepolto "alla testa di un piccolo fiume che scorre attraverso un canale sotterraneo di pietra presso la città del re Attila", dove un secolo dopo si sviluppò un villaggio, Fehéregyháza, alle porte di Buda.[37][40]

Lascito[modifica | modifica wikitesto]

La statua dedicata ad Árpád nella piazza degli Eroi a Budapest

Gli ungari arrivarono nella loro nuova patria all'interno dei Carpazi sotto Árpád, il quale aveva trasformato il gruppo di tribù più o meno unite in una salda unione.[2][38] Questi è uno dei protagonisti principali delle Gesta Hungarorum, in quanto gli vengono attribuiti "quasi tutti gli eventi memorabili" della "conquista ungherese".[41] Inoltre, fino all'estinzione della linea maschile della sua dinastia nel 1301, l'Ungheria rimase governata da "un'unica linea di governanti", tutti discendenti da Árpád.[26] Il principe è conosciuto tra gli ungheresi come honalapító o "fondatore della nostra patria".[1][38] Tra le varie sculture presenti in Ungheria, una delle statue più conosciute è quella presente sotto la colonna della piazza degli Eroi a Budapest.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Un dettaglio sulla moglie di Árpád tratto dall'Arrivo degli ungari (1892-1894) di Árpád Feszty et al.. Parco nazionale storico commemorativo di Ópusztaszer, Ungheria

Porfirogenito dice che Árpád "ebbe quattro figli: il primo Tarkatzous, il secondo Ielech, il terzo Ioutotzas e il quarto Zaltas".[15][38][42] Si riferisce inoltre a un certo "Liuntikas, figlio di" Árpád; Kristó ha commentato l'affermazione sostenendo che Liuntikas (Liüntika) era un nome alternativo di Tarkatzous (Tarhos).[38][43] Il nome e la famiglia della madre dei figli di Árpád sono sconosciuti.[44] Di seguito un albero genealogico con gli antenati di Árpád e i suoi discendenti fino alla fine del X secolo:[44]

Ügyek
Eunedubeliano
Elöd o Ügyek
Emese
Álmos
Árpád
Liüntika*
Tarkatzus*
Jelek
Jutotzas
(sconosciuto)
Zoltán
Teveli
(sconosciuto)
Ezelekh
Falitzi
Tas**
Taksony
Termachu
Zerind il Calvo
Re d'Ungheria***
Koppány

* Liüntika e Tarkatzus dovrebbero corrispondere alla stessa persona.
**Il padre di Tas era uno dei quattro o cinque figli di Árpád, ma il suo nome è sconosciuto.
** *Tutti i gran principi e i re d'Ungheria futuri discesero da Taksony.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Esplicative[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il sostantivo ungherese árpa è legato a una lingua turcica prima dei tempi della conquista ungherese del bacino dei Carpazi (a cavallo tra il IX e il X secolo), dal proto-turco *arpa: Kristó e Makk (1996), p. 17. Gli ungari convissero per secoli con i turchi, come evince dal fatto che oltre il 10% delle radici nell'ungherese moderno si devono a prestiti turchi. La percentuale sale al 50% con riguardo al lessico legato all'agricoltura. Nonostante le influenze si estendano anche al campo genetico e culturale, i magiari non sono un popolo turco: (EN) Aranka Csösz, Anna Szécsényi-Nagy e Balázs Gusztáv Mende, Maternal Genetic Ancestry and Legacy of 10th Century AD Hungarians, in Scientific Reports, vol. 6, n. 33446, 2016.

Bibliografiche[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Gábor Gyáni, The Creation of the Austro-Hungarian Monarchy: A Hungarian Perspective, Routledge, 2021, p. 49, ISBN 978-10-00-44106-2.
  2. ^ a b c (EN) Árpád ruler of Hungary, su Encyclopedia Britannica. URL consultato il 31 ottobre 2021.
  3. ^ a b c d Engel (2001), p. 19.
  4. ^ Kristó e Makk (1996), pp. 11-12, 17, appendice 1.
  5. ^ Kristó e Makk (1996), pp. 17, appendice 1.
  6. ^ a b Kristó e Makk (1996), p. 17.
  7. ^ a b De administrando imperio, cap. 38, p. 173.
  8. ^ a b Kristó (1996), pp. 160-161.
  9. ^ a b Spinei (2003), p. 33.
  10. ^ Spinei (2003), pp. 33, 40.
  11. ^ Spinei (2003), p. 72.
  12. ^ De administrando imperio, cap. 38, p. 173.
  13. ^ Kristó (1996), p. 160.
  14. ^ a b c d e Kristó (1996), p. 201.
  15. ^ a b c Engel (2001), p. 20.
  16. ^ (EN) Henry Hoyle Howorth, History of the Mongols from the 9th to the 19th Century: The So-called Tartars of Russia and Central Asia, Cosimo, Inc., 2008, p. 3, ISBN 978-1-60520-134-4.
  17. ^ Róna-Tas (1999), p. 330.
  18. ^ Róna-Tas (1999), pp. 54-55.
  19. ^ a b c Kristó (1996), p. 183.
  20. ^ a b c d e Spinei (2003), p. 52.
  21. ^ Kristó (1996), pp. 183-184.
  22. ^ Kristó (1996), pp. 183, 186.
  23. ^ Tactica, (18.40), p. 453.
  24. ^ Curta (2006), p. 178.
  25. ^ Engel (2001), pp. 11-12.
  26. ^ a b Molnár (2001), p. 13.
  27. ^ Róna-Tas (1999), p. 344.
  28. ^ Chronica Picta, cap. 28, p. 98.
  29. ^ Kristó e Makk (1996), p. 15.
  30. ^ Gesta Hungarorum, cap. 13, pag. 37.
  31. ^ Molnár (2001), p. 201.
  32. ^ Curta (2006), p. 189.
  33. ^ Kristó e Makk (1996), p. 18.
  34. ^ Gesta Hungarorum, cap. 24, p. 59.
  35. ^ Madgearu (2005), pp. 91-92.
  36. ^ Gesta Hungarorum, cap. 46, pp. 100-101.
  37. ^ a b Gesta Hungarorum, cap. 52, p. 115.
  38. ^ a b c d e Kristó e Makk (1996), p. 21.
  39. ^ Engel (2001), pp. 19-20.
  40. ^ a b c d Kristó e Makk (1996), p. 20.
  41. ^ Madgearu (2005), p. 25.
  42. ^ De administrando imperio, cap. 40, p. 179.
  43. ^ De administrando imperio, cap. 40, p. 177.
  44. ^ a b Kristó e Makk (1996), appendice 1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Fonti secondarie[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore capo degli Ungari Successore
Álmos 895-907 Zoltán d'Ungheria
Controllo di autoritàVIAF (EN231805748 · ISNI (EN0000 0003 6724 9153 · LCCN (ENn81131928 · GND (DE119343371 · CERL cnp00405558 · WorldCat Identities (ENlccn-n81131928

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]