The Morning After (The J. Geils Band)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Morning After
ArtistaThe J. Geils Band
Tipo albumStudio
Pubblicazioneottobre 1971
pubblicato negli Stati Uniti
Durata34:23
Dischi1
Tracce10
GenereBlues rock
Hard rock
Boogie rock
Rock and roll
EtichettaAtlantic Records (SD 8297)
ProduttoreBill Szymczyk
ArrangiamentiThe J. Geils Band
RegistrazioneLos Angeles al Record Plant West, 2 settembre 1971[1]
FormatiLP
The J. Geils Band - cronologia
Album precedente
(1970)
Album successivo
(1972)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4/5 stelle[2]
Robert Christgau B-[3]
The New Rolling Stone Album Guide 3/5 stelle[4]
Sputnikmusic 3.5 (Great)[5]

The Morning After è il secondo album discografico del gruppo musicale rock statunitense dei The J. Geils Band, pubblicato dalla casa discografica Atlantic Records nell'ottobre del 1971[6].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

LP[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. I Don't Need You No More – 2:35 (Seth Justman, Peter Wolf)
  2. Whammer Jammer – 2:34 (Juke Joint Jimmy)
  3. So Sharp – 3:09 (Arlester Christian)
  4. The Usual Place – 2:44 (Don Covay, Leroy Randolph)
  5. Gotta Have Your Love – 4:32 (Seth Justman, Peter Wolf)
Lato B
  1. Looking for a Love – 3:45 (James W. Alexander, Zelda Samuels)
  2. Gonna Find Me a New Love – 3:23 (Seth Justman, Peter Wolf)
  3. Cry One More Time – 3:21 (Seth Justman, Peter Wolf)
  4. Floyd's Hotel – 3:08 (Seth Justman, Peter Wolf)
  5. It Ain't What You Do (It's How You Do It) – 5:12 (Juke Joint Jimmy)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note aggiuntive
  • Bill Szymczyk - produttore (per la Tumbleweed Productions), ingegnere delle registrazioni
  • Lee Kiefer - ingegnere delle registrazioni e assistente alla produzione
  • Registrazioni effettuate al Record Plant West di Los Angeles, California (Stati Uniti)
  • The J. Geils Band - arrangiamenti
  • Stephen Paley - fotografie
  • Sam Cooperstein - design album
  • Fred Lewis e Juke Joint Jimmy - assistenza speciale[7]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Album
Anno Classifica Posizione
raggiunta
1971 Billboard 200 Stati Uniti 64[8]
Singoli
Anno Titolo del brano Classifica Posizione
raggiunta
1972 Looking for a Love Billboard Hot 100 Stati Uniti 39[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atlantic Records Catalog: 8200 series, su jazzdisco.org. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  2. ^ (EN) The Morning After, su AllMusic, All Media Network. Modifica su Wikidata
  3. ^ (EN) Robert Christgau: The J. Geils Band, su robertchristgau.com.
  4. ^ Nathan Brackett e David Hoard, The New Rolling Stone Album Guide, Fireside, 2004, p. 326.
  5. ^ (EN) The J. Geils Band - The Morning After, su sputnikmusic.com.
  6. ^ (EN) Billboard, New York, Lee Zhito, Paul Ackerman, John Sippel, 30 ottobre 1971, p. 54, http://www.americanradiohistory.com/Archive-Billboard/70s/1971/Billboard%201971-10-30.pdf. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  7. ^ Note di copertina di The Morning After, The J. Geils Band, Atlantic Records SD 8297, 1971.
  8. ^ The Morning After - Billboard, su billboard.com. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  9. ^ The J. Geils Band Looking for a Love, su billboard.com. URL consultato il 18 febbraio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • J. Geils Band - The Morning After, su discogs.com. URL consultato il 18 febbraio 2018. (LP originale - Titoli, durata ed autori brani - Musicisti - Produttore - Altro)
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica