The Hormonauts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Hormonauts
Hormonauts.jpg
Gli Hormonauts a Trento per Trento in Viaggio (7 ottobre 2009)
Paese d'origine Italia Italia
Genere Rockabilly[1][2]
Psychobilly[1]
Rock and roll[1]
Periodo di attività 1999-2010
Album pubblicati 5
Studio 5
Live 0
Raccolte 0
Sito web

The Hormonauts sono un trio italiano di rockabilly. Il loro sound spazia dal rockabilly al rocksteady, dal punk al country.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nascono nel 1999 per volontà dello scozzese Andy MacFarlane e iniziano a girare l'Italia con uno spettacolo live in cui propongono brani classici e produzioni originali di matrice tipicamente rockabilly, ma il loro stile è venato di influenze punk-rock, rocksteady fino a sonorità country, sempre con una certa vena ironica.

Nel 2002 viene pubblicato Hormone Hop, il primo disco dalla band, a cui seguono con cadenza annuale Mini-Skirt del 2003 e Hormone Airlines del 2004. Da questo album viene estratta l'interessante rivisitazione in chiave country di Stayin' Alive, il successo dei Bee Gees da La febbre del sabato sera; il singolo e il video ottengono un buon successo sia radiofonico che televisivo a livello nazionale.

Nello stesso anno la band apre i concerti italiani di Manu Chao, The Cramps, Rancid e partecipa ai più grossi festival italiani. Nel 2006 viene pubblicato Hormonized, il loro quarto album, che contiene il singolo My Sharona, cover del brano dei The Knack. Con la pubblicazione dell'album anche in Belgio, Paesi Bassi e Germania l'attività live del gruppo esce dai confini nazionali e si estende in Europa.

Nel 2007 The Hormonauts vengono scelti per rappresentare l'Italia all'SXSW Music Conference and Festival e al festival EuroSonic di Gronigen nei Paesi Bassi.

Nel 2008 il gruppo partecipa come resident band al programma Lo show più buono che ci sia condotto da Gip sull'emittente televisiva All Music.

Nel Giugno 2008 esce l'album Spanish Omelette con la collaborazione del Dj londinese Kenny Diesel, in cui la band sperimenta innesti country, blues, rocksteady su basi di campioni elettronici.

A Novembre 2008 la loro rivisitazione di Staying Alive viene inserita nella colonna sonora per il film francese J'irai dormir a' Hollywood distribuito dalla Disney. Nel 2009 “Spanish Omelette” viene pubblicato in Giappone per l'etichetta ArtUnion/U-Pop records, mentre in Italia vengono ripubblicati insieme “Hormone Hop” e “Mini-Skirt” usciti nel 2002 e nel 2003.[3]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Cantante Andy fa parte dei Mutoidi, un gruppo di inglesi dediti al riciclaggio di rottami che vengono successivamente trasformati in sculture gigantesche.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I see two
  • Staying Alive
  • Cassius
  • My Sharona
  • Porno stuntman
  • Sitting in a Parking lot
  • Just a little bit
  • Tre Notti Di Fila

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c The Hormonauts su Discogs
  2. ^ (EN) The Hormonauts, su AllMusic, All Media Network.
  3. ^ recensione Hormone Hop/Mini-Skirt, su www.rockit.it. URL consultato il 15 febbraio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock