Territorio del Nuovo Messico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa dei Territori del Nuovo Messico e Arizona, 1867

Il Territorio del Nuovo Messico fu creato dagli Stati Uniti d'America il 9 settembre 1850 ed è esistito fino all'ammissione del Nuovo Messico come 47esimo Stato, il 6 gennaio 1912.

La porzione occidentale del Nuovo Messico provenne dalle terre acquisite dal Trattato di Guadalupe Hidalgo nel 1848, mentre la sezione orientale (dal Rio Grande, al confine col Texas) fu aggiunta a seguito del Compromesso del 1850. Una piccola area, corrispondente alla sezione più meridionale del Territorio, fu aggiunta con l'Acquisto Gadsden del 1853.

Il Territorio del Nuovo Messico comprendeva originariamente la parte occidentale del futuro Stato, più gran parte del futuro Arizona e piccole sezioni di Colorado e Nevada. In seguito, esso si espanse ampiamente grazie a cessioni territoriali da parte del Texas e all'Acquisto Gadsden, ma la creazione dei Territori del Colorado (febbraio 1861) e dell'Arizona (febbraio 1863) definirono gli attuali confini del Nuovo Messico.

In quanto sulla strada per la California, durante la guerra di secessione il Nuovo Messico e l'Arizona furono contesi tra l'Unione e la Confederazione, con i coloni schierati in maggioranza per quest'ultima. Tuttavia, con la battaglia di Glorieta Pass, considerata la "Gettysburg dell'Ovest" (marzo 1862), l'Unione si assicurò il controllo dell'area.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America