Teobaldo (o Tibaldo) Visconti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teobaldo Visconti
voci di militari presenti su Wikipedia

Teobaldo Visconti (Invorio, 1230Gallarate, 1276) è stato un militare italiano.

Stemma Visconti

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Andreotto e nipote di Ottone, primo signore di Milano del casato dei Visconti. Fu padre di Matteo, detto Magno, è di Uberto, entrambi figli avuti dalla moglie Anastasia Pirovano. Catturato in battaglia, Teobaldo fu decapitato per volere di Napo Torriani insieme ad altri ventidue prigionieri a Gallarate nel 1276.

«Era Teobaldo figliuolo d'Andreoccio fratello d'Ottone, per suo valore e per aspetto di corpo, ma molto più per la sua felice prole chiarissimo perch'egli lasciò dopo sé Matteo suo figliuolo»

([1] Paolo Giovio)

«E non molto dappoi Napo con crudele voce pronunciò che si servassero le leggi, e così a Gallarate ventidue illustri gentiluomini e innanzi agli altri il capitano Lagosca e Teobaldo, a guisa d'uomini scellerati, furono decapitati»

([1] Paolo Giovio)

Note[modifica | modifica wikitesto]