Tebu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Area Tebu

I Tebu, chiamati anche Toubou, Tubu o Tibbu (in lingua Tebu antica: "Popolo delle rocce;"[1]), sono una popolazione del Sahara, comprendente circa 200.000 individui, che vive sparsa su un'area molto vasta e discontinua, dal Ciad, fino all'Oasi di Cufra e fino al massiccio del Tibesti.

Si dividono in due popoli strettamente correlati: i Teda o Tedda ed i Daza o Dassa.

I Tebu appartengono alla razza sahariana del ceppo degli Etiopidi, caratterizzata da pelle bruna, alta statura, naso aquilino. La loro lingua appartiene alla famiglia sahariana occidentale.

I Tebu sono pastori nomadi specialmente di dromedari. Abitano in grandi tende smontabili e percorrono ampi spazi alla ricerca dei pascoli.

Gli usi familiari e sociali sono strettamente regolati dall'Islam, di cui i Tebu sono nominalmente osservanti ma nella religione si notano ancora tracce dell'antico paganesimo.

Con l'arrivo nel loro territorio degli Arabi, i Tebu furono progressivamente confinati ai margini delle oasi più lontane e, per tale estrema dislocazione, sono una delle popolazioni meno note.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MacMichael, Harold: A history of the Arabs in the Sudan and some account of the people who preceded them and of the tribes inhabiting Darfur. 1922.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Fuchs, Uber die Tebbu von Tibesti, 1956

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]