T-Systems

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
T-Systems
Logo
StatoGermania Germania
Forma societariaSussidiaria
Fondazione2000
Sede principaleFrancoforte sul Meno
GruppoDeutsche Telekom
Persone chiaveReinhard Clemens (CEO)
SettoreServizi IT
ProdottiIT, Business consulting e servici di outsourcig
Sito web

T-Systems è una multinazionale tedesca di servizi IT e consulenza con sede a Francoforte. Fondata nell'ottobre del 2000, appartiene al gruppo Deutsche Telekom.

A partire dal 2012, T-Systems è la più grande società tedesca e una delle più grandi società europee di servizi IT, al servizio dei clienti come la WestLB, Old Mutual[1], di Daimler, Volkswagen, Royal Dutch Shell, Sanlam, Murray & Roberts[2], BP, TUI AG, Philips, MAN SE, Airbus, E.ON.[3] e British American Tobacco[4].

La società opera in più di 20 paesi e impiega circa 50.000 persone in tutto il mondo circa (2013), tra i quali circa 27.000 in Germania e 27.000 all'esterno.

Filiali Italiane[modifica | modifica wikitesto]

T-Systems Italia era la più grande filiale in Italia prima della cessione a Engineering.

Gestiva l'Information Technology e le Telecomunicazioni (ICT) di gruppi multinazionali ed istituzioni pubbliche. La sede legale e amministrativa era a Vicenza.

Nel 2009 la filiale italiana incontra un momento di crisi. Per mantenere l'occupazione dei circa 470 dipendenti "viene avviato un contratto di Solidarietà e successivamente (2011) una procedura di mobilità per 130 lavoratori che, grazie alle trattative sindacali, è trasformata in esodo volontario per 71 dipendenti.''[5]. Successivamente nei giornali appaiono voci di una cessione della filiale italiana. Inizialmente la società tedesca esclude di voler cedere la filiale. Ma "disattendendo l'accordo firmato a fine 2011, che garantiva stabilità occupazionale fino a tutto il 2014, la società annuncia nel luglio 2011 l'intenzione di vendere la filiale italiana e ad ottobre che una parte degli occupati e una parte di dirigenti, risultano in esubero".[5]

Nel 2012 la conferma della vendita, dopo diverse smentite da parte di Deutsche Telekom, è arrivata a luglio. L'offerta di acquisto finale proviene da Engineering, azienda italiana attiva nel settore della consulenza e dei servizi IT.

Nel 2013 Engineering e T-Systems International Gmbh perfezionato l'accordo attraverso il quale Engineering ha acquisito 1 milione di azioni di T-Systems S.p.A., equivalenti al 100% del capitale sociale della società. La denominazione sociale della società cambia da T-Systems Italia a Engineering.mo.[6]

T-Systems Spring Italia è l'attuale filiale in Italia di T-Systems, operativa solo sul mercato delle telecomunicazioni. Alla fine del 2015, T-Systems Spring Italia viene rinominata T-Systems Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Outsourcing-Deal mit Old Mutual | T-Systems, su www.t-systems.de. URL consultato il 29 aprile 2015.
  2. ^ Martin Czernowalow, T-Systems snares R1.8bn Old Mutual deal [collegamento interrotto], su itweb.co.za. URL consultato il 29 aprile 2015.
  3. ^ An HP und T-Systems: Eon macht milliardenschweres Outsourcing perfekt - computerwoche.de, su www.computerwoche.de. URL consultato il 29 aprile 2015.
  4. ^ BAT: Big deal for cloud computing | T-Systems, su www.t-systems.com. URL consultato il 29 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2014).
  5. ^ a b T-Systems Italia, sit-in all'ambasciata tedesca di Roma
  6. ^ Engineering, perfezionata acquisizione di T-Systems Italia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0552 8824