Engineering ingegneria informatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Engineering Ingegneria Informatica
Logo
Engineering EUR 960x440 B.png
La sede centrale in Piazzale dell’Agricoltura, a Roma
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1980
Sede principaleRoma
Persone chiavePaolo Pandozy, amministratore delegato
Settoreinformatica
Fatturato€ 1,274 miliardi (2019)
Utile netto€ 43,8 milioni (2019)
Dipendenti11.445 (2019)
Sito webwww.eng.it

Engineering Ingegneria Informatica (capogruppo del gruppo Engineering) è una società italiana costituita nel 1980 nel settore del software e servizi IT, specializzata nella trasformazione digitale in particolare per i settori finanza, pubblica amministrazione (centrale, locale, sanità), utility, telco e industria.

La società è stata quotata presso la Borsa di Milano dal dicembre 2000 fino al 7 luglio 2016 con revoca dal giorno successivo in seguito all'OPA, risultata vincente, lanciata da MIC Bidco S.p.A..

Engineering è attiva nella progettazione, sviluppo, servizi in esternalizzazione e consulenza IT; ne fanno parte circa 12 500 dipendenti distribuiti su oltre 50 sedi in Italia, Europa e Sud America (circa il 13% di fatturato è estero). L'organizzazione aziendale prevede 4 business unit e 12 centri di competenza trasversali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 è costituita a Padova la Cerved Engineering, azienda che inizialmente fa capo alla Cerved, società che si occupa della gestione di banche dati per conto delle Camere di Commercio, che ne detiene una partecipazione azionaria. Nel 1984, un'operazione di management buyout trasferisce la proprietà ai due soci di riferimento Michele Cinaglia e Rosario Amodeo, con la contemporanea uscita di Cerved dalla compagine azionaria e la variazione della denominazione, in quella attuale.

Nel 2013 Engineering rileva il 100% di T-Systems Italia SpA che assume la denominazione sociale Engineering.mo S.p.A., oggi Engineering D.HUB S.p.A..[1] Il 14 giugno 2013 viene data notizia dell'uscita della famiglia Amodeo dalla proprietà dell'azienda. La quota posseduta pari al 29,9% viene infatti ceduta a One Equity Partners con un'operazione da circa 116 milioni di euro.[2] Nel 2014 Engineering conferma i piani di crescita nel mercato dell'IT per le PMI con l'acquisizione di MHT S.r.l. (ora Engineering 365 S.r.l.), società leader nell'implementazione dei prodotti ERP e CRM Microsoft Dynamics.[3] Sempre nel 2014 Engineering pubblica il suo primo Bilancio di Responsabilità Sociale d'Impresa, che continuerà a pubblicare annualmente.[4] Nel 2015 Engineering annuncia l'acquisizione di WebResults S.r.l., azienda specializzata nell'implementazione di soluzioni cloud a supporto dei processi di vendita, marketing e servizio alla clientela su piattaforma Salesforce.com.[5][6]

Il 28 dicembre 2017 Engineering e Intesa Sanpaolo, dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni, hanno completato la compravendita del 100% del capitale di Infogroup (azienda presente sul mercato da oltre 30 anni con sedi a Firenze e Torino, partner di riferimento ICT per importanti Gruppi Bancari, Industriali e Commerciali), detenuto dal gruppo bancario, annunciata in 27 luglio. Il 1º maggio 2018 la società Infogroup S.p.A. viene trasferita in Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. mediante fusione per incorporazione.

Engineering ha perfezionato nel marzo 2019 il closing dell’operazione di acquisto del 51% di OmnitechIT - e il contestuale rebranding della società acquisita in Cybertech - operatore su scala nazionale specializzato nella Cybersecurity e tra i principali player europei. Nel settembre 2019 Engineering ha acquisito Deus Technology, azienda leader nel mercato italiano del fintech applicato al Wealth Management. Nell’ottobre 2019 ha aumentato la propria presenza nel mondo dell’eCommerce con l’acquisizione dell’80% della software house Digitelematica. Il 26 febbraio 2020 Engineering ha acquisito FDL Servizi, punto di riferimento nel mercato della conduzione e gestione degli impianti tecnologici energetici.

Delisting e nuovi soci[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi mesi del 2016, i fondi NB Renaissance (nato dal partenariato nel private equity tra Neuberger Berman e Intesa Sanpaolo) ed Apax VIII (fondo che ha come consulente la società di private equity Apax Partners LLP) hanno acquistato il 44,303% del capitale sociale di Engineering. L’operazione ha comportato il lancio di un’OPA obbligatoria da parte della controllata MIC Bidco, a 66 euro per azione, conclusasi con il pieno controllo e la conseguente revoca dalla quotazione a partire dall’8 luglio 2016. Engineering era quotata dal dicembre 2000 alla Borsa di Milano dove era presente negli indici FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia STAR.

Elemento fondamentale dell’operazione è stato il mantenimento e la continuità della struttura manageriale guidata dal fondatore Michele Cinaglia, con l’obiettivo di proseguire i piani di sviluppo in Italia e all’estero. Dall'8 luglio 2016 il principale azionista è la MIC Bidco, società che fa capo ai fondi NB Renaissance e Apax VIII. A Michele Cinaglia, presidente, fa capo nel 2018 il 6,6%.[7]

Nel febbraio 2020 cambia ancora l'assetto azionario con l'uscita del fondatore che cede la sua partecipazione: entra il fondo Bain Capital al posto di Apax (che dall'epoca dell'OPA aveva la maggioranza) e affianca NB Renaissance Partners. Paolo Pandozy resta alla guida del gruppo anche con una quota del capitale.[8][9]

Principali partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Engineering D.HUB S.p.A. - 100%
  • Engineering Sardegna S.r.l. - 100%
  • Municipia S.p.A. - 100%
  • Engiweb Security S.r.l. - 100%
  • Nexen S.p.A. - 100%
  • OverIT S.p.A. - 95%
  • Engineering 365 S.r.l. (già MHT S.r.l.) - 100%
  • WebResults S.r.l. - 100%
  • Sogeit Solutions - 100%
  • Sofiter Tech S.r.l. - 51%
  • Cybertech S.r.l. - 51% (già Omnitechit S.r.l.)
  • Digitelematica S.r.l. - 80%
  • Deus Technology S.r.l. - 100%
  • Engineering International Belgium - 100%
  • Engineering International Inc. - 100%
  • Engineering USA Inc. 81%
  • Engineering ITS AG - 51%
  • Engineering Ingegneria Informatica Spain SL - 100%
  • Engineering Software Lab Doo - 100%
  • Engineering Do Brasil SA - 100%
  • Engi da Argentina SA - 91,37%

Dati aggiornati al 31 dicembre 2019

Dati economici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 i ricavi superano il miliardo di euro (1,028 miliardi rispetto 934,6 milioni del 2016) con un Ebitda in crescita (+26,1% nel gennaio-giugno 2018). Il 15% del fatturato proviene da attività svolte all'estero. Nel 2018 il fatturato è stato di 1,180 miliardi di euro con un aumento del 15%, l'Ebitda pari a 147,2 milioni (+20%) e l'utile netto di 57,7 milioni (+10%). Nel 2019 il Gruppo raggiunge gli 1,274 miliardi di euro di ricavi, con un aumento dell’8,5%, un Ebitda pari a 180 milioni (+22,3%) e un utile netto di 43,8 milioni.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Engineering, perfezionata acquisizione di T-Systems Italia, su eng.it. URL consultato il 15 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2014).
  2. ^ Engineering: One Equity Partners rileva dagli Amodeo 29,9% per 116 milioni, in Corriere della Sera, 14 giugno 2013. URL consultato il 15 giugno 2013.
  3. ^ Engineering acquisisce MHT, leader nell'implementazione delle piattaforme CRM e ERP Microsoft, su eng.it. URL consultato il 15 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2018).
  4. ^ Engineering, pubblicato il primo Bilancio di Sostenibilità, su eng.it. URL consultato il 15 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2014).
  5. ^ Engineering acquisisce WebResults, azienda specializzata nelle soluzioni Cloud per il CRM e il marketing automation, su eng.it. URL consultato il 14 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2018).
  6. ^ Pubblicata la seconda edizione del Bilancio di Responsabilità Sociale di Impresa, su eng.it. URL consultato il 14 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  7. ^ Stefano Carli, Engineering: "Assunzioni e ancora shopping" in Affari&Finanza, 17 settembre 2018, p. 23
  8. ^ Engineering: cambia assetto azionario con uscita del fondatore, ai private equity il 100%, su lastampa.it, 5 febbraio 2020. URL consultato il 6 febbraio 2020.
  9. ^ Nuovo assetto azionario per Engineering, su aifi.it, 6 febbraio 2020. URL consultato il 6 febbraio 2020.
  10. ^ “Il CDA di Engineering approva il progetto di Bilancio 2019”, su eng.it, 30 marzo 2020., su eng.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139750622 · LCCN (ENn2002106570 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002106570