Summa contra Gentiles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Summa contra Gentiles
Titolo originaleLiber de Veritate Catholicae Fidei contra errores infidelium
AutoreTommaso d'Aquino
1ª ed. originale1258-1264
Generesaggio
Sottogenerefilosofico
Lingua originale latino

La Summa contra Gentiles, il cui titolo originale è Liber de Veritate Catholicae Fidei contra errores infidelium, è un'opera di Tommaso d'Aquino scritta tra il 1258 e il 1264.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo di tale lavoro fu molto discusso, così come i destinatari e la relazione con le altre opere di Tommaso. È una sintesi teologica, allo stesso modo dell'opera giovanile del Commentario alle Sentenze di Pietro Lombardo e la notissima Summa Theologiae.

È un'esposizione della dottrina cattolica: vi si tratta della Trinità, del mistero dell'Incarnazione, dei Sacramenti.

A differenza della Summa Theologiae, dove verità naturali e verità soprannaturali sono trattate insieme, la Summa contra Gentiles dedica i primi tre libri alle verità considerate accessibili alla ragione, mentre il quarto libro tratta delle verità note grazie alla rivelazione divina. Il motivo di tale modo di procedere sta nel fatto che, parlando con i gentiles ("pagani"), cioè, a quel tempo, con i musulmani o con i pagani, si può assumere come presupposto solo quanto essi stessi riconoscono: la ragione.

Edizioni moderne[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione moderna dell'opera è quella di Ucceli (1878) ripubblicata nel 1918 come parte della Editio Leonina.[1] Le appendici ai primi tre libri, basate sull'autografo, sono state pubblicate come vol. 13 (1918, 3-61) e 14 (1926, 3-49) dell'edizione Leonina. Il testo Leonino è stato riedito, con correzioni, da P. Marc, C. Pera e P. Carmello e pubblicato con Marietti, Torino-Roma, nel 1961.

Sono state pubblicate varie traduzioni moderne dell'opera: in inglese (1924, 1957),[2] tedesco (1937, 2001),[3] spagnolo (1968)[4] e francese (1993, 1999)[5]. La prima traduzione integrale italiana, ad opera di Tito S. Centi, è stata pubblicata nel 1975.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pietro Antonia Ucelli (ed.), S. Thomae Aquinatis ... Summae de veritate catholicae fidei contra gentiles quae supersunt ex codice autographo ... cetera vero ex probatissimis codd. et editionibus, Roma 1878. Summa contra gentiles (Sancti Thomae Aquinatis doctoris Angelici Opera omnia, iussu edita Leonis XIII. P. M. 13), Roma 1918, 3–602; (P. M. 14), Roma 1926, 3–475; (P. M. 15), Roma 1930, 3–299.
  2. ^ The Summa Contra Gentiles, literally translated by the English DOminican Fathers from the latest Leonine Edition Burns Oates & Washbourne Ltd. (1924). Summa contra Gentiles, five volumes, New York: Hanover House, (1955-57; reprint U. of Notre Dame Press, 1975): Book One, God, trans. Anton C. Pegis; Book Two, Creation, trans. James Anderson; Book Three, Providence, (Part 1 and Part 2) trans. Vernon Bourke; Book Four, Salvation, trans.Charles J. O'Neil.
  3. ^ Hans Nachod, Paul Stern, Thomas von Aquin, Die Summe wider die Heiden in vier Büchern, Leipzig 1935–1937. Karl Albert, Thomas von Aquin, Summa contra gentiles 1.–4. Buch. Lateinisch und deutsch, Darmstadt 2001.
  4. ^ Laureano Robles Carcedo, Adolfo Robles Sierra, Santo Tomas de Aquino, Suma contra los gentiles 1–2 (Biblioteca de Autores Cristianos. Sección 6: Filosofia 94 und 102), Madrid 1967–1968
  5. ^ René-Antoine Gauthier, Thomas de Aquino, Summa contra gentiles. Saint Thomas d’Aquin, Somme contre les gentils (Philosopie européenne), Paris 1993. Réginald Bernier, Thomas d’Aquin, Somme contre les gentils, Latout-Maubourg 1993. Vincent Aubin, Cyrille Michon, Denis Moreau, Thomas d’Aquin, Somme contre les gentils 1–4 (GF Flammarion 1045–1048), Paris 1999.
  6. ^ San Tommaso d'Aquino, Somma contro i Gentili, UTET, Torino, 1975, a cura di Tito S. Centi, ISBN 8802026815.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]