Summa contra Gentiles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Summa contra Gentiles è un'opera di Tommaso d'Aquino scritta tra il 1258 e il 1264.

Lo scopo di tale lavoro fu molto discusso, così come i destinatari e la relazione con le altre opere di Tommaso. È una sintesi teologica, allo stesso modo dell'opera giovanile del Commentario alle Sentenze di Pietro Lombardo e la notissima Summa Theologiae.

È un'esposizione della dottrina cattolica: vi si tratta della Trinità, del mistero dell'Incarnazione, dei Sacramenti.

A differenza della Summa Theologiae, dove verità naturali e verità soprannaturali sono trattate insieme, la Summa contra Gentiles dedica i primi tre libri alle verità considerate accessibili alla ragione, mentre il quarto libro tratta delle verità note grazie alla rivelazione divina. Il motivo di tale modo di procedere sta nel fatto che, parlando con i gentiles ("pagani"), cioè, a quel tempo, con i musulmani o con i pagani, si può assumere come presupposto solo quanto essi stessi riconoscono: la ragione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cristianesimo