Succinilsulfatiazolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il succinilsulfatiazolo è un sulfamidico con proprietà analoghe a quelle del sulfametossazolo. Macroscopicamente ha l'aspetto di una polvere cristallina biancastra o bianco-giallastra. Questa sostanza è solubile in soluzioni acquose di idrossidi e carbonati alcalini, ma è molto poco solubile in acqua.

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Il succinilsulfatiazolo viene scarsamente assorbito in seguito ad assunzione orale: infatti la sostanza non viene assorbita a livello dell'intestino tenue e passa nel crasso immodificata.
Nel colon esplica la sua azione dopo che una piccola percentuale, circa il 5%, viene lentamente idrolizzata a sulfatiazolo e sotto tale forma entra nel circolo sistemico. Più del 95% della dose somministrata rimane nel tratto gastrointestinale per essere poi eliminato con le feci.[1]

Tossicità[modifica | modifica wikitesto]

La DL50 nel topo è di 5,7 g/kg per via intraperitoneale.

Indicazioni terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

Il succinilsulfatiazolo viene impiegato come antibatterico nelle infezioni a carico del tratto gastrointestinale.[2][3][4][5] Viene inoltre utilizzato sia nella profilassi che nel trattamento delle peritoniti, in particolare somministrandolo per via intraperitoneale.[6][7]

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

La dose abituale del succinilsulfatiazolo è compresa tra 10 g e 20 g al giorno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Welch AD, Mattis PA, Latven AR. A Toxicological Study of Succinylsulfathiazole. J. Pharmacol. & Exper. Therap. 75: 231-246. (July 1942).
  2. ^ Poth, E. J., Knotts F.L. Clinical Use of Succinylsulfathiazole , Arch. Surg. 44: 208 (1942).
  3. ^ Marshall, E. K., Jr.; Bratton, A. C.; Edwards, Lydia B., and Walker, Ethel: Sulfanilylguanidine in the Treatment of Acute Bacillary Dysentery in Children , Bull. Johns Hopkins Hosp. 68:94 ( (Jan.) ) 1941;.
  4. ^ Smyth C.J., Finkelstein M.B. Acute bacillary dysentery (flexner)treatment with sulfaguanidine and succinylsulfathiazole. JAMA. 1943;121(17):1325-1330. doi:10.1001/jama.1943.02840170009003
  5. ^ Lyon, G. M.: Chemotherapy in Acute Bacillary Dysentery , West Virginia M. J. 37:54 ( (Feb.) ) 1941;.
  6. ^ Young JP, Cole WH, Intraperitoneal administration of succinylsulfathiazole and phthalylsulfathiazole; their use in the prophylaxis and treatment of peritonitis in Arch Surg, vol. 53, agosto 1946, pp. 182–9, PMID 20994768.
  7. ^ Archer HL, Lehman EP, Clinical and Laboratory Experiences with Succinyl Sulfathiazole in Ann. Surg., vol. 119, nº 4, aprile 1944, pp. 518–25, PMC 1617938, PMID 17858371.