StreetLib

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
StreetLib
StatoItalia Italia
Fondazione2006 a Loreto, AN, Italy
Fondata daAntonio Tombolini
Sede principaleCorso Venezia, 10 - 20121 Milano
FilialiVia Villa Costantina 61, 60025 Loreto, AN, Italy
Persone chiaveAntonio Tombolini, Giacomo D'Angelo
Settoreeditoria elettronica
Fatturato1,7 milioni di Euro (2009)
Slogan«Il futuro dei libri, i libri del futuro»
Sito web

StreetLib (in precedenza Simplicissimus Book Farm o più brevemente SBF) è un'azienda italiana operante nel settore della editoria elettronica, fondata da Antonio Tombolini[1] nel 2006 a Loreto. La nuova denominazione "StreetLib" è stata assunta nel 2016.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2007 si occupa della commercializzazione di tutti i lettori ebook diffusi a livello europeo basati sulla tecnologia e-ink (ad esempio l'iLiad[2], il BeBook, il Cybook Opus)[3].

La sua attività, come casa editrice, consiste nella pubblicazione di libri in formato elettronico fornendo anche consulenza per il self-publishing e a case editrici per la pubblicazione nei vari formati digitali, e in particolare in formato ePub e Kindle.

Accanto ai titoli a pagamento, all'interno del proprio sito, ospita una collezione di titoli gratuitamente scaricabili fra i quali la versione elettronica de I promessi sposi, Divina Commedia, Decamerone, Orlando Furioso, le opere di Salgari per le quali sono scaduti i diritti d'autore e molti altri ancora.

Nel 2014 Michele Marziani diventa direttore editoriale dell'azienda.

Antonio Tombolini Editore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 Tombolini ha fondato, all'interno della SBF, la Antonio Tombolini Editore. Si tratta di una casa editrice quasi interamente digitale che pubblica opere di narrativa e saggistica. Dal 2016 la Antonio Tombolini Editore ha iniziato anche a pubblicare libri in formato cartaceo, ma con una politica di "print on sale", così da evitare i resi.[4]

Il catalogo è diviso in diverse collane[5] delle quali la più importante era Vaporteppa, che si occupa di pubblicare romanzi e racconti di fantascienza, fantasy, steampunk, biopunk e bizarro fiction di autori del calibro di Carlton Mellick III, del quale ha per prima tradotto svariate opere[6][7][8], e Michael Swanwick, ma anche riproponendo vecchi autori come Edward Page Mitchell e famosi saggi come alcuni di Giovanni Schiaparelli. Ciò nonostante, la preoccupazione principale di Vaporteppa sono gli autori italiani; quelli selezionati per la pubblicazione hanno anche accesso a un corso totalmente gratuito di tecniche di scrittura narrativa e di sceneggiatura tenuto dal direttore della collana, Marco Carrara. Tra gli autori italiani spiccano Giuseppe Menconi, Giulia Besa, Alessandro Scalzo e Marco Crescizz. Nell'aprile 2019 è stato annunciato il trasferimento di Vaporteppa all'interno della casa editrice Acheron Books, pur mantenendo la propria indipendenza attraverso la gestione di Marco Carrara.[9]

Nel luglio 2018, Antonio Tombolini Editore sospese le pubblicazioni.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da La Repubblica del 17 dicembre 2007
  2. ^ Da La Stampa del 7 maggio 2008[collegamento interrotto]
  3. ^ Dal Corriere della Sera del 19 ottobre 2009
  4. ^ I libri di Antonio Tombolini Editore in formato cartaceo - Antonio Tombolini Editore, in Antonio Tombolini Editore, 6 maggio 2016. URL consultato il 9 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2018).
  5. ^ (IT) Home - Antonio Tombolini Editore, su Antonio Tombolini Editore. URL consultato il 4 agosto 2016.
  6. ^ Si parte con la Bizarro Fiction! | Vaporteppa
  7. ^ Kill Ball - Soli nella folla | Vaporteppa
  8. ^ Il nostro Catalogo | Vaporteppa, su www.vaporteppa.it. URL consultato il 4 agosto 2016.
  9. ^ Duca di Vaporteppa in Annunci, Editoriale, Elettrodiario, Vaporteppa II – la teppa colpisce ancora, su Vaporteppa, 4 aprile 2019. URL consultato il 22 maggio 2019.
  10. ^ Michele Marziani, Dopo Antonio Tombolini Editore, su michelemarziani.org, 9 giugno 2018. URL consultato il 22 maggio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria